Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
30 gennaio 2021 6 30 /01 /gennaio /2021 18:52
Perché alcuni Astrologi erano sbadati sull'Oroscopo dell'anno 2020

Una svista, una sbadataggine che ai più è sembrato un errore, così l’Oroscopo dell’anno trascorso 2020 ha fatto sorgere qualche scontento, com’era potuta accadere una cosa del genere?

Oh, non avevano calcolato che il sestile di Giove con Nettuno, avvenuto per 3 volte nel 2020, avrebbe potuto causare complicazioni alla coesa società umana che poi abbiamo visto che tanto coesa più di tanto non lo è, certi influssi sembrano di minore importanza, mentre tal volta sono proprio i pianeti piccoli ad infierire di più contro i pianeti grandi, possiamo dire così?

Il 30 giugno 2020 c’era pure una congiunzione di Giove con Plutone e vacanze sviate, compromesse.

3 volte Giove in sestile a Nettuno, nelle date del 20 febbraio 2020, 27 luglio 2020 e 12 ottobre 2020, avvenendo proprio quando le nostre possibilità di vivere in allegria sono venute meno, tramite le restrizioni, quarantene, viaggi impossibilitati per il tutto esaurito con capienza ridotta dei mezzi di trasporto, hotel chiusi e quelli a 4 e 5 stelle impossibili da pagare perché occorre risparmiare.

E che dire di Venere in Scorpione opposta a Urano in Toro il 27 novembre 2020, che dire? Veniva a definirsi per quel periodo un litigio o rottura sentimentale, accordi e affari saltati, strappo irrimediabile, tensione nella coppia.

E Plutone sempre in Capricorno è la ciliegina sulla torta, pure congiunto a Giove il 30 giugno 2020, un anno che ricorderemo il 2020, mentre il 2021 di più, però per situazioni diverse.

Nella foto un pane a forma di pesce, per una buona speranza.

Condividi post
Repost0
6 gennaio 2021 3 06 /01 /gennaio /2021 23:50
Sismicità del mese di dicembre 2020 trascorso e novità

In definitiva siamo fortunati, perché tutto cambierà un giorno, ovviamente c’è un breve percorso da fare per arrivare a quel momento di massimo splendore, che nel frattempo assistiamo ad un susseguirsi tra l’altro di una sempre più intensa attività sismico-vulcanica, seppure a tutt’oggi 6 gennaio 2021 nessuno sembra volersi accorgere di queste anomalie.

Ho fatto un piccolo elenco, zona per zona:

Roma e provincia, Lazio: il 18 dicembre 2020 a Lanuvio 2.4° Richter, il 23 dicembre 2020 a Saracinesco 2.0° R., il 25 dicembre 2020 a Vicovaro 2.1° R.;

Napoli e provincia, Campania: il 20 dicembre 2020 ai Campi Flegrei 2.7° Richter, il 28 dicembre 2020 a Pozzuoli 2.6° R.;

Reggio Calabria e provincia, Calabria: il 19 dicembre 2020 3.9° Richter sull’Aspromonte, il 22 dicembre 2020 a Roccaforte del Greco 3.0° R.;

Caltanissetta, Catania e provincia, Sicilia: il 22 dicembre 2020 a Gela (CL) 4.6° Richter, il 31 dicembre 2020 a Ragalna (CT) 3.8° Richter;

Foggia e provincia, Puglia: il 21 dicembre 2020 a Macchia Rotonda 3.3° Richter, il 31 dicembre 2020 a Rodi Garganico 2.9° R.;

Fermo e provincia, Marche: il 21 dicembre 2020 a Montegiorgio 3.6° Richter;

Ravenna, Reggio Emilia e Provincia, Emilia Romagna: il 13 dicembre 2020 a Castellarano (RE) 3.3° Richter, il 20 dicembre 2020 a Cervia (RA) 2.4° R., il 31 dicembre 2020 a Bagnolo in Piano (RE) 2.3° R.;

Verona e Provincia, Veneto: il 29 dicembre 2020 a Nogara 4.4° Richter;

Milano e provincia, Lombardia: il 17 dicembre 2020 a Milano periferia ovest 3.9° Richter, il terremoto più forte degli ultimi 500 anni;

Lucca e provincia, Toscana: il 7 dicembre 2020 a Sillano Giucugnano 3.2° Richter;

In questa lista siamo partiti da Roma in direzione della Sicilia sulla sponda tirrenica, per poi tornare verso nord sulla sponda adriatica, in Valle Padana, infine tornare sulla sponda tirrenica nord in Toscana.

Sull’Italia sono in atto dei piccoli sciami sismici, che continuano pure nel corrente mese di gennaio 2021, un esempio a Napoli, dove nella vicina Pozzuoli il 2 gennaio 2021 si è verificato uno sciame sismico di almeno 7 scosse, la più forte delle quali non ha però superato 1.7° Richter, nel frattempo che all’estero nella vicina Croazia già sul finire del mese di dicembre 2020, il 28 un terremoto di 5.2° Richter e il 29 di 6.4° R. con epicentro la città di Petrinja hanno fatto collassare diversi palazzi e causato decine di vittime.

Sul fronte dei movimenti tettonici, la placca si muove anche in corrispondenza ai terremoti avvenuti in Yemen, di 5.4° Richter con epicentro nell’Oceano Indiano il 28 dicembre 2020 e in Giappone, di 6.2° R. il 20 dicembre 2020 e ciò importa per la faglia tettonica che dal Giappone scorre fino nell’area mediterranea.

Dall’altra parte dell’Oceano pacifico, ripartendo a nord est del Giappone e andando sulla costa degli Stati Uniti d’America, il 3 gennaio 2021 in Alaska è avvenuto un terremoto di 6.1° Richter, il 29 dicembre 2020 in Oregon 5.7° R., entrambi con epicentro nell’Oceano, nel frattempo che in California il 31 dicembre 2020 è avvenuto un terremoto di 3.3° Richter e il 2 gennaio 2021 un terremoto di 4.3° R.; più a sud il 27 dicembre 2020 un terremoto di 5.7° Richter in Perù e nello stesso giorno di 6.7° R. in Cile, infine nel Circolo Polare Antartico lo scorso 3 gennaio 2021 sulle Isole Shetland, con epicentro sull’Isola King George, 6.1° Richter per un terremoto che, per la posizione, ne preannuncia di ulteriori.

Nel frattempo si è scatenato un ulteriore 5.2° Richter per un terremoto nuovamente avvenuto in Croazia oggi 6 gennaio 2021, per un anno 2021 che si preannuncia come sapevamo, che non per dire, vedrà altri protagonisti e non più le malattie, a breve.

Nella foto: Milano quartiere Isola, non lontano dall’epicentro del 17 dicembre 2020.

Condividi post
Repost0
29 dicembre 2020 2 29 /12 /dicembre /2020 22:57
Telescopio rotto ad Arecibo e Miracolo San Gennaro disatteso

I Segni dei tempi valgono soltanto per chi sa vederli, comprenderli, discernerli, che mentre si pongono domande sul perché tutto avvenga senza preavviso, il preavviso c’è, il preavviso è stato dato, ad un popolo che non l’ha compreso.

Proprio in tempi di rivelazione, nei quali agli Astronomi occorre scrutare il cielo, per avvistamenti da annunciare, al 1 dicembre 2020 un pilone e i cavi del Telescopio di Arecibo in Centro America a Porto Rico hanno ceduto, con la conseguente fine di uno dei migliori radiotelescopi al Mondo, capace di monitorare il cielo costantemente, una monito per gli Astronomi ad un pensiero comune, quello di rifarsi ad unico capostipite per le osservazioni del cosmo, io Gennaro Gelmini abbandonai l’idea di farmi Astronomo già prima di poter pensare di intraprendere questa professione, che mentre la trascorsa carriera politica mi aiuta oggigiorno nei contatti con le lettere, il pensiero comune nelle scoperte astronomiche mi sarebbe andato invece un bel po’ stretto.

E che dire del Miracolo di San Gennaro? Il rito si compie nel Duomo di Napoli, non soltanto il 19 settembre, pure il 16 dicembre, che in questa data si celebra l’arresto di una colata lavica che dal vulcano Vesuvio scendeva, minacciando la città di Napoli, come pure la prima domenica di maggio, fatto sta che al 16 dicembre 2020 il sangue del Santo, che in queste tre date di ogni anno si liquefa, ha mancato di sciogliersi, non sciogliendosi per niente, nemmeno un minuscolo quantitativo, io ci credo e credo che ciò dipenda da onde provenienti dal sottosuolo, che quando cambiano in intensità evitano di liquefare il sangue di San Gennaro e preannunciano movimenti del terreno, con la conseguenza di terremoti ed eruzioni vulcaniche, in questo caso del vulcano Vesuvio che svetta sopra la città.

Naturalmente i miei parenti napoletani non mi hanno telefonato stavolta per comunicarmelo, seppure, non poteva essere diversamente, l’ho saputo lo stesso, ma come, per tanti anni mi hanno sempre chiamato a raffica per telefono in tempo reale, ovvero entro poche ore di distanza dal Miracolo, dicendomi che il sangue di San Gennaro si era sciolto e adesso che non si è sciolto più nulla? Soltanto gli Auguri per Natale?

Ma come, un articolo così corto? Volendo ci sono ulteriori segnali del cambiamento, ma solo soltanto chi sa osservare può vederli, pure in questo mese di dicembre 2020 di aumento sismico, ne scriverò, che tra i tanti terremoti, quello avvenuto a Milano il 17 dicembre 2020, di 3.9° Richter, è il più forte degli ultimi 500 anni nella zona, inoltre proprio oggi 29 dicembre 2020 è avvenuto un terremoto per ora stimato in 6.4° Richter nella vicina Croazia, con qualche casa distrutta e al momento 4 vittime, seguito da un’altra scossa di terremoto, stavolta di 4.4° Richter in Italia a Verona, una situazione in continua evoluzione, terremoti di media entità hanno tra l’altro colpito in queste ultime settimane la Campania, la Puglia e la Sicilia.

Condividi post
Repost0
25 dicembre 2020 5 25 /12 /dicembre /2020 14:47
Documento Nibiru Lombardia Milano Duno Lozza 22 dicembre 2020

Milano, 22 dicembre 2020, martedì

 

Al Presidente della Regione Lombardia

Attilio fontana

 

Al Prefetto di Milano

Renato Saccone

 

Al Sindaco Metropolitano di Milano

Giuseppe Sala

 

Al Sindaco del Comune di Lozza (VA)

Giuseppe Licata

 

Al Sindaco del Comune di Duno (VA)

Marco Dolce

 

Al Sindaco del Comune di Cuveglio (VA)

Francesco Paglia

 

Al Sindaco del Comune di Rho (MI)

Pietro Romano

 

Agli abitanti di Lozza (VA), Duno (VA)

e per free diffusion

Gentile Presidente e titolari della corrente,

Io Gennaro Gelmini, per ciò che mi è consentito fare in questi ultimi giorni dell’anno 2020 che termina, scrivo questa nuova lettera in preparazione agli eventi che il prossimo mese di gennaio 2021 comporta.

E per quei pochi che lo hanno saputo, l’improvvisa disfunzione del telescopio di Arecibo, situato a Porto Rico in Centro America, tramite il cedimento di un pilone e il disfacimento di funi, rappresenta un ostacolo al bisogno di verità del periodo, proprio nel tempo dell’annuncio dell’entrata in una nuova Era, che seppure negata, arriva lo stesso.

Un Segno inatteso la fioritura a Rho, città dell’hinterland milanese, dei ciliegi sul viale che porta alla Madonna Addolorata, meta di pellegrinaggio, inoltre, in merito al cambiamento vibrazionale, proveniente dal centro della Terra e riguardante il magnetismo terrestre, sono certo sia legato a ciò il Miracolo di San Gennaro, che a Napoli il 16 dicembre 2020 ha mancato il ripetersi, un chiaro Segno della vibrazione, che all’avvicinarsi al perielio tra Marte e Giove del pianeta avente nome Nibiru, è in consistente aumento, che a 18, 19 giorni dall’ultima eclisse del periodo, se l’ultima eclissi è di Luna, si verificano tra l’altro alluvioni, mentre se è di Sole, come nel corrente mese di dicembre 2020, si verifica un consistente aumento di terremoti e eruzioni vulcaniche, a gennaio 2021 le più consistenti.

E’ Nibiru il pianeta della nostra Galassia Via Lattea, proveniente dalla cosiddetta Nube di Oort, la cui presenza, seppure mancata all’ufficializzazione, ha un influsso gravitazionale che provoca sul pianeta Terra il consistente aumento di terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, tifoni e tempeste, maremoti e onde anomale tsunami, veloci sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, siccità, frane e smottamenti del terreno, interferenze elettromagnetiche, impatti meteorici e spostamento dell’asse terrestre, che a gennaio 2021 vedranno un ulteriore consistente incremento, in modo particolare terremoti ed eruzioni vulcaniche appunto, d’altronde me l’aspettavo fino all’ultimo che mancasse l’ufficializzazione di Nibiru, siccome pure per ulteriori notizie, che vedono un consistente aumento delle temperature meteo in riferimento al periodo, anche notando il cambiamento, nessuno si è scandalizzato.

Gentile Presidente Fontana e titolari per intero della corrente lettera, il mancato contatto diretto con le Amministrazioni locali della massima parte dei Comuni, ci ha purtroppo pure distanziato dal contatto col territorio e ciò mi spiace assai, che senza contatto ci estraniamo, non sia mai, piuttosto, con assoluta sincerità, comunico sempre il ritorno delle Creature extraterrestri e intraterrestri sopra il Mondo intero, certezze di incontro, il transito di Nibiru e un grande amore, sono felice di averci creduto e continuare a crederci, il momento è adesso!

Cordiali Saluti.

Milano, 22 dicembre 2020, martedì

In Fede

Gennaro Gelmini

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese, tel. 0332232143, cell. 3407077946

e-mail: gennaro.gelmini@email.it - sito web: http://gennaro-gelmini.over-blog.it 

Condividi post
Repost0
23 dicembre 2020 3 23 /12 /dicembre /2020 23:48
Buon Natale 2020 in anticipo e Benvenuta Era dell'Acquario

Sto facendo tantissimo, soprattutto nei contatti diretti, continuando sempre, anche al complicarsi della situazione attuale, con ulteriori sviluppi, che ciò che faccio oggi varrà tra un istante, che ciò che faccio oggi è irripetibile un domani.

Poco tempo ma speso bene, speso per un domani giusto, giusto perché ciò che è giusto rimane per sempre, mentre ciò che migliora, infine può anche peggiorare.

Così eccoci quasi a Natale 2020, facendovi gli Auguri in anticipo cari amici, in questo dicembre 2020 che ha pure visto il 21 Giove e Saturno congiunti in Acquario e questo dopo le Eclissi di Luna del 30 novembre 2020 e di Sole del 14 dicembre 2020, una Nuova Era quindi comincia adesso, prima nel Mondo spirituale, poi nel Mondo materiale, le situazioni tecniche di libera uscita e quarantena a giorni alterni mi hanno indotto a privilegiare le uscite ogni qual volta possiamo, ma ci sono sempre, a prestissimo quindi con nuovi articoli.

Il Presepe sopra è quello allestito nel lavatoio di Duno, paese della provincia di Varese, a mio avviso ottimo.

Condividi post
Repost0
18 dicembre 2020 5 18 /12 /dicembre /2020 13:18
Visita all'Ospedale dismesso Santa Corona

L’Ospedale Salvini di Garbagnate Milanese (MI), non più operativo da alcuni anni, chiamato in origine Santa Corona, è meta del nostro peregrinare per strutture dismesse, aree di tutte le tipologie, che anche se le fabbriche sono quelle che mi piacciono di più, le strutture sanitarie hanno il loro fascino.

Ci troviamo stavolta nuovamente a Garbagnate Milanese, la prima volta quest’anno 2020, dopo i molteplici tour degli anni scorsi e siamo felici di andare avanti artisticamente, seppure meno felici per le condizioni della struttura, sempre più degradata, ma c’era da aspettarselo.

Una visita urbex a 4 abbiamo fatto, io Gennaro Gelmini, Maury, Lillo e Magda, i cui Canali e link li riporto qui sotto:

Maury urbex:

https://www.youtube.com/channel/UCvtlYK4Nvb1X3uVxOHn_HAw 

Il Salotto di Maury live:

https://www.youtube.com/channel/UCfxAYomB9d1dFDdrea7veEw 

Piccolo Esploratore e tanto altro 83:

https://www.youtube.com/channel/UCSCV7jHr3PYD4BupJqy3nFQ 

Magdy86:

https://www.youtube.com/channel/UCvaOxuQ6OvmtPru9XfE5upQ 

E come sempre, Buona visione!

Condividi post
Repost0
14 dicembre 2020 1 14 /12 /dicembre /2020 14:21
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere
Ciliegi in fiore a Rho al 13 dicembre 2020 un Segno da vedere

Ho inserito timbro e data in queste foto e pensatela come volete, che l’alta pressione che attendevo dalla Spagna finalmente è arrivata sull’Italia, anche per comprendere, che mentre al meteo dicono che le temperature sono tutto sommato nella norma, mi rimane da riuscire a capire qual’è il significato di quel tutto sommato, esistono alberi che all’apparire di mutazioni nell’ambiente circostante, aprono le gemme floreali fuori tempo, situazioni assai rare come quella che si verificò quando ero bambino sul Lago Maggiore a Laveno Mombello, ma quell’anno era già primavera, alcuni alberi furono tagliati prima di poter aprire le gemme, quindi ancora sul posto in attesa di essere portati via, ebbero il tempo di aprire le gemme floreali, ma soltanto nell’estremo disperato tentativo di servire almeno ad impollinare qualche altro albero rimasto in piedi, nel tentativo di continuare la progenie, prima di passare a miglior vita e penso che quell’ultimo progetto insieme riuscì.

Dagli alberi potremmo imparare tutto, tesori di vita, che vivono enormemente molti più anni di noi comuni mortali, che abbiamo bisogno di un progetto di vita, che 100 anni trascorrono in fretta.

L’albero, cresce, cresce sempre, potrebbe crescere in eterno, ed ecco qui sopra in 6 fotografie, i ciliegi in fiore ieri 13 dicembre 2020 sul filare di Via Madonna a Rho, strada che giunge al Santuario della Madonna Addolorata di Rho, città attigua al Capoluogo della regione Lombardia Milano.

Al 13 dicembre, avete letto bene, eccomi alle 9 del mattino a Rho e in un tour ad incontrare chi mi conosce, felicemente ritrovarmi tra i ciliegi in fiore, ciò mi fa riflettere su quel tutto sommato e sull’Umanità, che non ha niente un contrario su quel tutto sommato, fin quando la situazione precipita, preparazione questa sconosciuta.

Nel frattempo restano queste 6 bellissime foto, ovviamente le ho fatte io Gennaro Gelmini, libero io da vincoli, libere le foto da vincoli, per free diffusion, almeno però a ciò che sta accadendo pensateci.

Condividi post
Repost0
9 dicembre 2020 3 09 /12 /dicembre /2020 23:02
Nibiru Lombardia Milano 4 dicembre 2020

Milano 4 dicembre 2020, venerdì

 

Al Presidente della Regione Lombardia

Attilio Fontana

 

Al Sindaco del Comune di Rho (MI)

Pietro Romano

 

Al sindaco del Comune di Cuveglio (VA)

Francesco Paglia

 

Agli abitanti delle Vie Pace e Mazzo a Rho (MI)

situati tra la SS33 e la A50,

di Duno di Cuveglio (VA)

e per free diffusion

Gentile Presidente Fontana e titolari della corrente,

nelle mie innumerevoli lettere io Gennaro Gelmini ho discorso ogniqualvolta dei cambiamenti climatici con un preciso riferimento all’influsso gravitazionale e adesso più che mai, agli eventi accadenti pure in questo dicembre 2020 e nel mese di gennaio 2021, prima le alluvioni, uragani, tornado, tifoni, cicloni, veloci cambiamenti di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, frane, siccità, frane e smottamenti, poi terremoti, eruzioni vulcaniche, onde anomale tsunami, cadute meteoriche, Nibiru il nome del pianeta erroneamente bistrattato da molti, celato da altri, nel frattempo si è avvicinato al perielio e gli eventi quivi indicati, a causa del suo influsso gravitazionale, saranno incrementati a tal punto da divenire impossibile nasconderlo ulteriormente; del pianeta Nibiru sarebbe già occorso rivelarne presenza e rischi per preparare e preservare la popolazione, adesso occorre lo stesso agire, però senza preparazione, gli eventi divengono un improvviso ostacolo da superare e l’effetto sorpresa aumenta la difficoltà, fa niente, va bene lo stesso, giusto così, avanti ugualmente.

Al ritorno delle Creature extraterrestri e intraterrene, lo ripeto da anni e questa è la volta buona, entreremo in un Regno di pace, superando ogni difficoltà, sarà bellissimo, rimane però la difficoltà contemporanea a superare gli eventi sopradescritti e a ciò si deve questa mia lettera.

Io Gennaro Gelmini scrivo, gentile Presidente Attilio Fontana e Sindaci Pietro Romano e Francesco Paglia e titolari nell’interezza delle consegne della corrente lettera, come mio contributo alla preparazione alla trasformazione di questo nostro Mondo e in mancanza di meglio, che televisione e giornali prima ne parlavano in moto proprio, adesso nemmeno ne parlano, utilizzo lettere e navigo nel web, scrivendo articoli e pubblicando video, le complessità negli spostamenti, contemporaneamente alla chiusura di alcuni uffici, ha limitato le mie possibilità per scrivere e consegnare lettere cartacee, importanti per immediatezza ed efficacia nel contatto, che comunque, per quanto possibile, ho continuato, certamente divulgando maggiormente ogni anno dei 20 dal 1999 al 2019, che non in quest’anno 2020, eppure sappiamo, si fa ciò che si può.

Ovviamente il mio intento per la corrente è come sopra accennato, di richiedere che il pianeta Nibiru sia rivelato ufficialmente, perché è una necessità impellente del momento, pure in relazione al fatto che la popolazione si disilluderà presto, dovendo accettare la presenza di Nibiru poiché palesemente osservato in cielo e di lì a breve avverrà l’incontro con le Creature extraterrestri e intraterrestri, è quindi logico da parte mia continuare a divulgare, io Gennaro Gelmini non mi sono mai tirato indietro, più che per divulgazione l’ho fatto per amore.

Per le restrizioni, sto muovendomi per ciò che mi è consentito, felice che le priorità vanno a cambiare, che diminuendo il corona, si possono toccare priorità ugualmente importanti, il corrente periodo ci sta facendo riscoprire pure quanto sia importante la tutela ambientale, evitando l’abbandono di aree potenzialmente utili all’intera collettività.

E’ rimasto poco tempo per pensare, ormai occorre agire e la rivelazione è il miglior modo, ricorderò sempre i passi compiuti in 21 anni di divulgazione, nulla è invano, in questo lasso di tempo ho trovato il modo più giusto per spendere la vita, io Gennaro Gelmini ci credo.

Distinti Saluti.

Milano, 4 dicembre 2020, venerdì

In Fede

Gennaro Gelmini

 

 

 

Gennaro Gelmini, Viale Valganna 216, 21100 Varese, tel. 0332232143, cell. 3407077946

e-mail: gennaro.gelmini@email.it - sito web: http://gennaro-gelmini.over-blog.it 

Condividi post
Repost0
8 dicembre 2020 2 08 /12 /dicembre /2020 22:46
Alluvioni in tutta Italia isole comprese

Se avessi dovuto dedicare ad ogni alluvione avvenuta dall’ultimo weekend di novembre 2020 a queste prime 2 settimane di dicembre 2020, il corrente mio blog Gennaro Gelmini avrebbe dovuto pubblicare esclusivamente articoli sulle alluvioni, invece sapete che occorra spingersi oltre.

Come per le spedizioni in tutta Italia, così è avvenuto con l’alluvione, siccome la bassa pressione persiste da appunto fine novembre alle prime 2 settimane di dicembre, che in qualche zona soltanto giovedì prossimo 10 dicembre 2020 vedrà qualche schiarita, poi bel tempo da domenica 13 dicembre 2020.

Infine l’alta pressione che persiste attualmente sulla Spagna, potrebbe proprio nelle prossime settimane portarsi sull’Italia, per una condizione di cielo sereno proprio a Natale 2020, seppure occorre valutare per gli spostamenti quanto si possa fare, che quando ci limiteranno a stare nel proprio Comune faremo ad esempio una passeggiata a piedi partendo da casa, mentre dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, chiusi nella propria regione, opterò per tornare su fiumi e laghi.

In breve, contrariamente a quanto dovrebbe accadere, coi venti che spirano d’inverno da nord-est verso sud-ovest, portando freddo, ma non condizioni eccessive di umidità, col vento di scirocco spirante da sud verso nord do questo 2020 ecco arrivare pure tanta umidità dal Mare Mediterraneo, che a comportato una serie di alluvioni e neve in montagna, ma senza le temperature ulteriormente rigide degli anni scorsi.

Pioggia a carattere alluvionale è cominciata a scendere in Sardegna dal 28 al 30 novembre 2020, accerchiando letteralmente di fango caduto dai monti le case del paese di Bitti, di 2750 abitanti a 540 metri sul livello del mare in provincia di Nuoro e causando almeno 2 vittime, poi negli stessi giorni la perturbazione si è spostata sulla Sicilia e mentre il vulcano Etna era accerchiato da nuvole basse e cadeva la neve, una tromba d’aria si è scatenata sulla città di Catania, causando danni sulla costa e non soltanto.

Non soltanto perché potete immaginare, ci sarebbero da scrive pagine e pagine di documenti, ma che, vi sembra tutto normale? Adesso, 8 dicembre 2020 nemmeno la barriera Mose si è alzata e Venezia è nuovamente allagata, mentre i fiumi di Emilia Romagna e Veneto hanno tracimato, tra questi il fiume Secchia a Modena e il Fiume Bacchiglione a Vicenza, in Trentino l’apprensione per le valanghe ha fatto chiudere per precauzione l’Autostrada del Brennero, già comunque riaperta, infine in Campania in provincia di Salerno strade e ferrovia per la vicina città di Battipaglia bloccate.

Altrove è arrivata la neve appunto, ma senza temperature sensibilmente basse da poter comparare agli anni scorsi, neve formatasi più per la tanta umidità dei venti di scirocco venuti a contatto col freddo delle montagne.

Continuerò, perché il tempo, stavolta tecnico, stringe, siccome stiamo subentrando in una nuova Era.

Condividi post
Repost0
6 dicembre 2020 7 06 /12 /dicembre /2020 12:05
Disastro di civiltà invisibile e treno soppresso a Tradate
Disastro di civiltà invisibile e treno soppresso a Tradate
Disastro di civiltà invisibile e treno soppresso a Tradate
Disastro di civiltà invisibile e treno soppresso a Tradate
Disastro di civiltà invisibile e treno soppresso a Tradate

Non ci fu peggior disastro dell’invisibilità, invisibili non tecnicamente, invisibili nella società che esclude continuamente chi è contrario al pensiero comune, che vuole si dica sempre si.

“Il treno è in attesa di autorizzazione al movimento” dice il capotreno ai viaggiatori del convoglio sul quale sto viaggiando e si, c’è la neve, che a causa delle condizioni meteo avverse parte prima il treno locale, ho fatto quindi bene a evitare di spostarmi, che ero titubante se saltare sul treno diretto, ma non sempre la via più corta è quella giusta.

Notare, una signora si snoda il filo degli auricolari del telefono mobile, però al vederla di striscio sembrava stesse cucendo ai ferri, il disastro della società dicevamo, è allorquando un problema è tuo e mai della società nella quale viviamo, ogni impossibilità all’azione di ogni singolo individuo è vissuta come una cosa a se stante, presso la quale manca il bisogno di intercedere, senza invece contare che ogni situazione di ogni singolo individuo si riflette nell’intera società, decretandone a lungo andare il crollo su quella stessa situazione se nel frattempo in tanti saranno gli uguali fallimenti.

Eppure la vita ha dei risvolti incredibili, quindi bisogna attendere quel momento, iniziamo a fare esempi partendo dalla cultura spicciola, per poi arrivare a qualcosa di più efficace.

Vado da Varese a Milano e viceversa, qui in Lombardia, Italia, per chi non lo sapesse, mentre una tempesta di neve blocca in parte il tragitto e ciò l’ho spiegato prima, sopra le foto dal treno, della mattina del 4 dicembre 2020, che è un venerdì, transitando da Cavaria, Gallarate, Busto Arsizio, Legnano, mentre al ritorno perdo il treno e quello successivo è soppresso, poi pure il treno locale è soppresso, che faccio? Mi trovavo allora alla stazione di Milano Bovisa, sarei potuto andare a piedi verso la stazione di Milano Villapizzone nei casi più gravi, come questo d’altronde, invece decido di prendere un treno per Novara, che mi porterà a Saronno, trovando a Saronno il treno per Laveno Lago maggiore, lo stesso treno che avevo perso a Bovisa, ma che era rimasto fermo a Saronno per più tempo, poi nella non lontana città di Tradate, più a nord già in territorio varesino, il treno viene soppresso, seppure mi mancavano solamente circa 12 chilometri al traguardo.

A quel punto nell’attigua Venegono esiste un servizio di aerotaxi, però i viaggiatori pendolari non sono così felici di spendere, allora si attende il primo treno, che dopo il nostro soppresso, pure un altro locale risulta soppresso, a saperlo a Milano avrei cambiato stazione appunto, che per Varese abbiamo 2 ferrovie, io mi arrangio a trascorrere il tempo scrivendo questo articolo, in stazione a Tradate in un bellissimo assembramento, chi invece ha fatto 8 ore di lavoro a Milano sembra infuriato, che dove per me è un buon metodo per dimagrire saltando cena, che da 130 Chilogrammi sono sceso a 110 Kg in 6 mesi, senza dover nemmeno pagare un centro di dimagrimento, per altri è un buon metodo per covare, comunque sempre allegri.

I viaggiatori continuano a dialogare, tramite la palina SOS situata dentro la stazione, con le Forze dell’Ordine, dicendo che ci hanno abbandonato e che c’è un assembramento involontario a favore del corona, avranno anche ragione, seppure per covare ha anche bisogno di tanta calma, poi dicono che arriverà un treno al binario 2, è quello dopo un’ora che già attendiamo, per fare un altro assembramento, stavolta sul treno, coi viaggiatori prima bloccati a Milano.

Ho finito questo articolo? No, al momento in cui scrivo, su di un semplice quaderno, sto ancora viaggiando, 2020 ricordiamolo.

Il treno che dobbiamo prendere dalla ridente città di Tradate io Gennaro Gelmini e i passeggeri diretti a nord, verso Varese e Laveno, non è ancora arrivato, quindi chiedo “per Varese?”

“Teoricamente dovrebbe arrivare qua” mi risponde un viaggiatore oramai esausto come l’olio di risulta, indicando il binario 2, dove però risulta sul display luminoso un treno per Milano e considerando che il passaggio a livello a sud della stazione è ancora alzato, hai voglia ad attendere, però poco dopo tutto sembra funzionare e si parte.

Guardando dal treno la strada provinciale, si nota una lunga carovana di auto che con la neve fa fatica a circolare, chissà che arrivati a Varese mi domandino che ci faccio alle ore 22 per la strada, ma pensavo di tornare a casa per tempo, che questo treno funzionava, siamo già in Valle Olona a Vedano, Malnate, quindi?

Il capotreno fa l’annuncio che per il lago Maggiore a Laveno occorrerà prendere un bus che partirà da Varese alle ore 22:40 e diventiamo dei felici fuori orario.

Fermi alla stazione di Malnate, nuovamente comunica il capotreno dagli altoparlanti che siamo in attesa dell’autorizzazione per accedere alla stazione di Varese, così telefoniamo alle nostre rispettive famiglie col telefonino, dicendo che forse arriveremo a casa prima di mezzanotte, pure se c’è alla bisogna una cabina telefonica fuori dalla stazione di Tradate prima, dentro la stazione di Malnate adesso.

“Si avvisano i signori viaggiatori che a breve sono in fase di ultimazione delle manovre che ci permetteranno di accedere alla stazione di Varese” è il messaggio del capotreno alle ore 23:17, sono già 5 ore che viaggio, quando ne basterebbe poco più di una per il tragitto percorso, poi quel “siamo pronti a partire” e si parte, come per i messaggi sugli aerei, ma come volevate che andassi a Roma quest’anno se già si fa difficoltà ad andare a Milano? Pazienza, ma non era Speranza il Ministro?

Piove e camminando per le strade ancora piene di neve a Varese, ecco che anche Gennaro Gelmini torna nella sua dimora, ho trovato una moneta da 2 Euro per terra nei pressi di un benzinaio, ora è mia, la trasformerò prima o poi in un caffè con brioches, intanto tornato a casa mi faccio un po’ di cucina italiana, pane con gamberetti e insalata russa.

C’è da aggiungere? No, questo articolo è già fin troppo lungo, quasi 6 ore il tempo totale del mio viaggio per il solo ritorno.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito