Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
27 febbraio 2012 1 27 /02 /febbraio /2012 15:24

Nibiru-Visitors-1.jpg

pagina 1 di 4

Nibiru-Visitors-2.jpg

pagina 2 di 4

Nibiru-Visitors-3.jpg

pagina 3 di 4

Nibiru-Visitors-4.jpg

pagina 4 di 4

Roma, 08 febbraio 2012, mercoledì

 

Al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Corrado Clini

 

Al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo

 

Alla Ministra alla Giustizia Paola Severino

 

Al Ministro degli Affari Esteri Giulio Terzi Di Sant’Agata

 

Al Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola

 

Al Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri

 

Al  Presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) Domenico Giardini

 

Al Capo Dipartimento della Protezione Civile Franco Gabrielli

 

Al Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) Enrico Saggese

 

A Sua Santità Papa Benedetto XVI, Joseph Alois Ratzinger

 

A Sua Eminenza Cardinale Arcivescovo Vicario Generale di Roma Agostino Vallini

 

Ai Sindaci dei Comuni di Samarate (VA) Leonardo Tarantino

e di Rho (MI) Pietro Romano

 

Agli abitanti delle Vie Conciliazione e Santo Spirito, Roma,

delle Vie Pace e Mazzo, Rho (MI),

del centro storico di Samarate (VA),

e a chiuque altro, previa possibilità e salvo esaurimento copie

 

Oggetto: lettera divulgativa i cambiamenti climatici in ambito astronomico, relativamente ai progressivi aumenti di eventi quali terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche ed interferenze elettromagnetiche, frane e siccità, in gran parte dovuti all’influsso gravitazionale esercitato dal pianeta Nibiru, conosciuto anche con la sigla 2003 UB 313 e con i nomi Sedna, Eris, Marduck e Xena, indicanti il medesimo corpo celeste, rivelandone ufficialmente la presenza e pericolosità a tutta la popolazione mondiale attraverso i media, affinché sia messa nella condizione di potersi salvaguardare.

 

Gentilissimi Ministri ed intestatari della presente,

io sottoscritto Gennaro Gelmini, nato a Milano il 24 novembre 1974, residente a Varese (Codice Avviamento Postale CAP 21100) in Viale Valganna 216, avente numero di telefono fisso 0332232143 e mobile 3407077946, sito internet http://gennaro-gelmini.over-blog.it ed e-mail gennaro.gelmini@email.it , nel continuo dell’opera divulgatrice riguardante i cambiamenti climatici, trovo sarà di vostro interresse incominciare questa mia comunicazione con le novità più recenti: seppure rimandato di oltre un anno, gli Astronomi sono interessati a misurare le variazioni del geomagnetismo terrestre tramite il lancio del razzo vettore chiamato “Vega” dal centro spaziale della città di Kourou in Guiana Francese (Dipartimento francese d’Oltre-Mare situato in Sud America) il 09 febbraio 2012, anziché a novembre 2010 come inizialmente in programma, che spedirà in orbita diversi satelliti per tale programma di misurazione di fisica gravitazionale, ma perché tale mappa geomagnetica debba essere riscritta proprio adesso è un buon indizio che lascia pensare a quanto il geomagnetismo della Terra sia ultimamente stato modificato dalla sempre più ravvicinata presenza del pianeta Nibiru, ne sono prova le recenti misurazioni svolte in Artide, che hanno evidenziato spostamenti fuori dalla norma  di diverse decine di km del Polo Nord Magnetico nell’arco di appena qualche anno, il fenomeno non è geologicamente spiegabile se non con l’azione gravitazionale che modifica l’assetto e la posizione della Terra; i dati che raccoglieranno i satelliti saranno abissali per i comportamenti negazionisti il pericolo che ci sovrasta, molto meglio rivelare la verità senza attese che possano aggravare l’emergenza dovuta a Nibiru, come di seguito meglio descritto.

Nibiru, conosciuto anche con la sigla 2003 UB 313 e con i nomi Sedna, Eris, Marduck e Xena (che si pronuncia Scila), è stato astronomicamente segretamente scoperto nel 1983, conferendogli la sigla di denominazione in greco ΩΡΚ (che si pronuncia omega rho cappa) come sovente si attribuisce alle stelle per catalogarne la luminosità, secondo cui Ω, che è l’ultima lettera dell’alfabeto greco, in questo contesto significa luminosità estremamente bassa: Nibiru irradia poco e soprattutto raggi infrarossi, che gli umani non percepiscono, inoltre risulta maggiormente visibile al crepuscolo e sovente invisibile poiché coperto dalla luce solare, non risulta quindi tuttora visibile ad occhio nudo per questo oltreché per colpa dei nostri occhi che non percepiscono i raggi infrarossi, solo con opportuni filtri ottici è possibile vederlo, ma presto diverrà visibile senza implicazioni tecnologiche.

Importante sottolineare che Nibiru nel 2003 è stato nuovamente osservato da un gruppo di Astronomi spagnoli dell’Osservatorio Astronomico della Sierra Nevada, al cui capo vi era Josè Luis Ortiz dell’Istituto di Astrofisica dell’Andalusia, che lo identificarono come Planet X, altro nome di Nibiru, solo allora la National Aeronautics and Space Administration (NASA) sostenne che lo aveva scoperto 6 mesi prima, battezzandolo Sedna, senza però chiarire per quale motivo non ne aveva ancora diramato la notizia, iniziò quindi una diatriba sulla paternità della scoperta (o riscoperta per meglio dire), uscendone inevitabilmente vincitrice la NASA, facendo ritenere Sedna un piccolo planetoide, ma che in breve, per il suo continuo transito in avvicinamento, crebbe visivamente di dimensioni, successe quindi che la NASA diramò la notizia della scoperta di un planetoide a nome Xena (pronuncia Scila), ribattezzato Eris dall’Unione Astronomica Internazionale, senza avvedersi di cambiarne la sigla, che in un primo tempo rimase 2003 UB 313, finendo chiaramente in errore, poiché non è possibile mettere a due diversi oggetti spaziali la stessa sigla, inoltre Eris è stato ufficialmente scoperto nel 2004, rendendo palese questa azione di occultamento, oltreché a rapportarsi alla medesima identità planetaria vi è il colore rosso del pianeta e il suo principale satellite, di colore bianco, notoriamente denominato Gabrielle, si evince quindi trattasi sempre di Nibiru, che al tempo presente e per poco ancora rimane occultato dalla luce solare (radiazione solare), ma che a breve potremo osservare anche ad occhio nudo, vi è inoltre da notare che sia Sedna, sia Eris, sono stati ufficialmente scoperti dallo stesso Astronomo della National Aeronautics and Space Administration (NASA) Michael Brown, chiamato anche a gestire il piano d’emergenza per la città di New Orleans durante l’uragano Katrina che devastò la città il 29 agosto 2005, che per la sua decisione di dare rifugio a quella parte di popolazione rimasta in città sotto un tendone allestito allo stadio della città, che appena passato dai primi venti dell’uragano subito si squarciò, con conseguenze mortali devastanti, è stato estromesso dal programma aerospaziale.

Continuo imperterrito ad essere presente per discutere di codeste cose al fine di trovare la realtà celata dei fatti, potendo asserire e dimostrare di aver contattato un’enorme moltitudine incalcolabile di persone divulgandogli il messaggio di Nibiru, ci si rende quindi conto che l’unica mancanza non è la divulgazione, ma è la dichiarazione ufficiale riguardo la ravvicinata presenza e pericolosità, a causa del suo influsso gravitazionale, che è motivo dello scatenarsi anche sul pianeta Terra in considerevole e continuo aumento gli eventi quali terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche ed interferenze elettromagnetiche, frane e siccità, contino quindi a chiedere alle Autorità, e quindi anche a Voi, gentilissimi Ministri, che venga messa al corrente l’intera popolazione con un messaggio ufficiale riguardo la presenza e gli effetti di Nibiru affinché la popolazione possa tutelarsi mediante l’avvio di un’efficace prevenzione.

Nibiru trovasi ormai, nella prossima quindicina di febbraio 2012, a 6,2 Unità Astronomiche dal Sole, ovvero 930 milioni di Km considerando che un’Unità Astronomica corrisponde a 150 milioni di Km, esigua distanza considerando che il suo avvicinamento avviene al ritmo di 0,6 Unità Astronomiche al mese, che corrispondono a 90 milioni di Km al mese, Nibiru trovasi quindi a 9,45 Unità Astronomiche di distanza dal suo perielio situato tra i pianeti Marte e Giove, che avverrà alla distanza di 3,25 Unità Astronomiche di distanza dal Sole, considerando giustamente la rotazione attorno ad esso, in cui giungerà in data 08 giugno 2013, ma già adesso è importante dire la verità su Nibiru senza aspettare, che l’attesa è solo un danno, sarebbe opportuno ufficializzare la presenza e pericolosità di Nibiru oggi stesso, anzi, questo avrebbero dovuto già farlo, invece ancora negano ma tra breve dovranno forzatamente parlarne; sono quasi 13 anni che mi interesso del futuro del Mondo, quindi nessuno sia impaziente per quel poco tempo che manca, la distanza di Nibiru diminuisce in fretta anche in considerazione che nello spazio non esiste attrito per mancanza di atmosfera, questa parte di discorso sembrerà ripetitiva di altre lettere ed Esposti, quel che cambia è la distanza di Nibiru che nel contempo si è notevolmente ridotta.

Nibiru, di colore rosso tendente al violetto infrarosso, possiede un satellite principale, Gabrielle, di colore bianco, e una coda di meteore denominata Coda del Drago, a cui si deve l’aumento di cadute meteoriche di questi anni e il loro cospicuo prossimo ulteriore aumento, Nibiru ha molteplici nomi, in Grecia e Oriente è anche conosciuto col nome di planeta Nimpirou (che si pronuncia planeta Nimpirù e si scrive πλανήτη Νιμπίρου, da cui il suo nome in forma accentata Nibirù), in Medio Oriente e Sud America anche col nome di Hercolubus, cioè pianeta del passaggio, ma è lo stesso identico oggetto spaziale, lo stesso medesimo pianeta.

Difficile connettere piccoli avvenimenti locali con grandi accadimenti, ma vi sono legami fra essi, il passaggio temporale tra loro è breve, ringrazio dell’impulso fornitomi nell’agire la mia fidanzata, la donna che sempre amo e sempre amerò, Patrizia Gigli.

Io sottoscritto Gennaro Gelmini nato a Milano il 24 novembre 1974, residente a Varese in Viale Valganna 216, avente numero di telefono fisso 0332232143 e mobile 3407077946, sito internet http://gennaro-gelmini.over-blog.it ed e-mail gennaro.gelmini@email.it , ho sovente contattato molteplici vostri predecessori Ministri sia del Governo Prodi che del Governo Berlusconi indifferentemente, gli stessi Presidenti del Consiglio e il Benemerito Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, finché, come spesso accade, qualcheduno evidentemente gli riferiva che la situazione era scientificamente monitorata e tutto ritornava al suo principio, cioè senza che la popolazione sia stata informata in benché minima parte riguardo il pianeta Nibiru per il motivo di voler evitare qualunque timore di sorta da parte delle persone comuni, da parte mia continuerò invece in controtendenza a divulgare le informazioni concernenti Nibiru a tutti, nessuno escluso, come ho sempre fatto da 13 anni ormai a questa parte dal 1999 ad oggi, 2012, spinto nell’agire dalla certezza che il pianeta Nibiru è in avvicinamento al suo perielio senza che possa risciare di venire frantumato o deviato nella traiettoria da qualunque tipologia di razzo lanciatogli contro o che esploda nei suoi pressi, il transito di Nibiru è vitale per il Sistema Solare, in quanto senza la sua forza propulsiva gravitazionale, col passare dei millenni la Terra e tutti i pianeti orbitanti attorno al Sole rallenterebbero il loro moto fino a venire risucchiati dalla stella Sole.

Seppure sollevato nel sapere che i miei ex-colleghi dei Governi Prodi e Berlusconi susseguitisi (permettendomi di chiamarli colleghi in quanto anche me medesimo Gennaro Gelmini ho svolto in passato attività politica, candidandomi nel 1999 Sindaco di Marzio, paese della provincia di Varese, nella lista “Fior del Gelso”, seppure non riuscendo nell’intento) hanno adesso minori impegni nei confronti di quanto si debba rivelare alla popolazione, sono affranto per l’incombenza a cui dobbiate adempiere, in quanto della presenza e pericolosità ufficialmente celata del pianeta Nibiru deve essere rivelata alla popolazione nella sua completezza, poiché, scusatemi se così vi scrivo gentilissimi Ministri, in mancanza di una pronta divulgazione ufficiale la popolazione tutta si accorgerebbe essa stessa in prima persona dell’annosa presenza di Nibiru, con conseguenze che ben possiamo immaginare di stupore e spavento e con l’immancabile mancanza di riferimenti scientifico-didattici sulle norme comportamentali da adottare.

E’ utile e doveroso avvisare per tempo fin da adesso l’intera popolazione riguardo la presenza e pericolosità del pianeta Nibiru, poiché in questo stesso anno 2012 la popolazione tornerà senza dubbio ad interessarsi di Astronomia, contemplando il cielo stellato per il transito del pianeta Venere davanti al disco solare tra il 5 e il 6 giugno 2012, giorni grazie ai quali acquisirà ulteriore consapevolezza nel campo dell’Astronomia, con il pianeta Venere davanti al disco solare la luce del Sole ci perverrà affievolita, sarà allora possibile scorgere il pianeta Nibiru ad occhio nudo e comunque sia, sia evitata l’oltranzosa azione del suo occultamento, siano prese invece decisioni sagge, siccome è di fondamentale importanza preparare fin da adesso l’intera popolazione, comunicandole ufficialmente la presenza e pericolosità del pianeta Nibiru, anche perché successivamente al veloce discioglimento delle nevi invernali, con il conseguenti allagamenti nelle pianure, già da questa stessa primavera 2012 torneranno ad intensuficarsi terremoti ed eruzioni vulcaniche anche in Italia e nell’area mediterranea, oltreché nel continente americano, in particolar modo negli Stati Uniti d’America California inclusa, e questo senza farne una nozione ripetitiva, ma soltanto per essere realista per gli eventi che ci attendono.

Continuando fino a che verità sia!

Indizi degli eventi della prossima primavera 2012 sono oltretutto i recentissimi terremoti dello scorso mese di gennaio 2012 in Italia settentrionale, 5.4° Richter il 27 gennaio 2012 con epicentro situato sull’Appennino parmense e 5.3° Richter nel Mar Mediterraneo nella medesima data, precedute dai 5.0° Richter con Epicentro Reggio nell’Emilia e 4.2° Richter in provincia di Verona poco ad est del Lago di Garda il 26 gennaio 2012, che non hanno causato ingenti danni solamente per la notevole profondità del loro ipocentro, ma che proprio per questo nel breve periodo sono attesi altri eventi tellurici nell’area mediterranea e anche l’Italia ne risulterà interessata, anche in considerazione dei vari eventi tellurici che hanno interessato la Grecia e in particolare la Turchia, con il terremoto di 7.2° Richter del 23 ottobre 2011 e l’eruzione dell’Etna del 5 gennaio 2012, altresì i recentissimi terremoti avvenuti nell’area dell’Oceano Pacifico, tra i quali 6.9° Richter il 6 febbraio 2012 nelle Filippine, 6.1° Richter il 5 febbraio 2012 alle Isole Vanuatu, 5.7° Richter il 4 febbraio 2012 sull’Isola di Vancouver nei pressi del confine sud-ovest tra Canada e Stati Uniti d’America, 7.1° richter il 2 febbraio 2012 sempre alle Isole Vanuatu, 6.4° Richter il 30 gennaio 2012 a largo delle coste del Perù, 6.3° Richter il 24 gennaio 2012 alle Isole Fiji e i crolli collassanti delle strade costeggianti l’Oceano Pacifico negli Stati Uniti d’America in California, per l’appunto chiari segni di un cospicuo incremento dell’attività sismico-vulcanica anche negli Statu Uniti d’Amerca e in particolare in California.

E’ fatto ora scientificamente provato, ma di cui ne scrivo da diversi anni, anche le abbondanti nevicate della settimana scorsa in gran parte d’Europa: è ciò che io denominai “effetto frigo”, l’estremo freddo è dovuto non a normalità nel clima, ma al discioglimento dei ghiacci artici che tende a riassettare il clima in continuo riscaldamento globale, nulla di normale quindi per chi cerca verità.

Il 17 ottobre 2011 avremmo potuto far crescere l’interesse per il cielo stellato e quindi anche per il pianeta Nibiru tramite la deliziosa chioma azzurra della cometa Elenin, spiritualmente con fervore accolta, ma il transito ravvicinato al pianeta Terra non si è mai verificato come dovuto, in quanto la cometa, ufficialmente disintegratasi durante il transito non lontano dal Sole, è stata stata invece colpita da un missile lanciato dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) con la collaborazione della Orbital Sciences Corporation per la United States Air Force e Defense Advanced Research Projects Agency in data 12 agosto 2011, avente un sovrastante prototipo sperimentale supersonico denominato Minotauro IV; la missione, ufficialmente predisposta per la prova suborbitale HTV-2b, è andata a buon fine colpendo Elenin negli ultimi giorni di agosto 2011, ma ufficialmente facendo ritenere che il velivolo sia stato disperso durante il distacco del prototipo dal razzo, senza mirare alla cometa, screditando così chi riteneva Elenin un segno per il futuro, cosicché siamo giunti nel 2012 e la verità riguardante le presenza e pericolosità del pianeta Nibiru non è tuttora stata ufficialmente dichiarata per l’intenzione di compiere un’impresa di annientamento di Nibiru simile a quella compiuta con Elenin, ma Nibiru, essendo un pianeta e non una cometa, non può essere ne annientato ne deviato dalla sua traiettoria, cosicché l’unico risultato che si ottiene, fin tanto che il tempo passa continuando a negare la dichiarazione ufficiale, è quello di non preparare la popolazione adeguatamente agli eventi di cambiamento che con certezza ci attendono di qui a breve.

Senza perdere il filo del discorso, occorre ribadire quanto di altro si conosca riguardo il pianeta Nibiru: alla medesima maniera di altri pianeti nell’Universo, che per il motivo della naturale rotazione sul proprio asse, per forza centrifuga si sono formate delle cavità in cui trovasi acqua, allo stato liquido poiché scaldata da fonti di magma naturalmente persenti, che producono oltre al calore anche la luce adatta alla vita, così sono evolute le Creature extraterrestri, la cui conoscenza tecnologica è di molto superiore a quella terrestre per 3 semplici motivi, il primo è la protezione tramite l’esterno del loro pianeta alla pari di una corazza, contro ogni avversità esterna, il secondo è il riconoscersi tutti come fratelli di un’unica famiglia, vicendevolmente verso scopi comuni di vita, piuttosto che come estranei come sulla Terra ci si rapporta, il terzo è la totale assenza di valuta, di denaro, è tutto per tutti nel rispetto di tutti fra tutti, ora non ci si aspetti l’illusione dell’immutabilità, tutto è in divenire, quindi, rimanendo serio nello scrivere, ma questo non è un avviso di pericolo, tuttaltro, è gioia, l’Italia e il pianeta Terra nella sua interezza è così bello nelle Arti e nella ricchezza di vita e vitalità proprio per queste influenze di usi e costumi avute nei secoli dei secoli, così sia anche nel tempo che sarà, a breve vi sarà sulla Terra un’invasione di Creature extraterrestri ed è inutile cercare persone che neghino ciò o che tentino di evitare il contatto, a breve la presenza e la cultura extraterrestre permerà nella nostra vita, conoscendo e apprezzando questa nuova offerta diverremo per davvero come fratelli e non più semplici estranei come tutt’ora viviamo nel Mondo, siano quindi accolte le Creature extraterrestri senza recriminazioni, perplessità o contrarietà, che nell’Universo siamo tutti fratelli.

Ricordo inoltre che me medesimo Gennaro Gelmini posseggo anche le e-mail gennaro.gelmini@katamail.com e gennaro.gelmini@bigmir.net e il sito http://gennarogelmini.maxiblog.it , che sono visionabili per ulteriori informazioni numerosi video sul mio sito principale http://gennaro-gelmini.over-blog.it di me medesimo Gennaro Gelmini e nei miei 4 canali video su YouTube, su Vimeo, su Dailymotion e su Video Bigmir, che approvo e ringrazio chi voglia condividere i miei scritti e video e che, per pause fuori da questo contesto, vi consiglio di visualizzare il sito di mia madre http://anna-rinaldi.over-blog.it : ogni attività divulgativa la svolgo in forma completamente gratuita.

Distinti Saluti.

 

Roma, 08 febbraio 2012, mercoledì

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

 

 

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese – telefono fisso 0332232143, mobile 3407077946

e-mail: gennaro.gelmini@email.it – sito internet: http://gennaro-gelmini.over-blog.it

 

Per discrepanze tra il testo digitale e il documento cartaceo, consultare il link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-si-dice-ministra-o-ministro-mademoiselle-100242704.html .

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
27 febbraio 2012 1 27 /02 /febbraio /2012 14:51

L’unico mio timore nella missione a Roma era quello di aver da tempo volutamente abbracciato uno stile di vita di fraternità e armonia e aver dimenticato la disciplina politica, così facendo avrei potuto incrinare i contatti che ho indissolubilmente sempre continuato ad avere, che con la dovuta gentilezza mi hanno di volta in volta permesso di far conoscere loro la parsimonia con cui la notizia celata relativa al pianeta Nibiru fosse diffusa con longimirante dedicazione, mancando tuttora solamente che la sua presenza venga ufficializzata, come di volta in volta continuo a chiedere, fino a quando a questa richiesta sarà dovutamente data risposta a tutti.

Ma ancora vi devo rispondere se si dice Ministro o Ministra, se il Ministro è una signora, quindi giornalisticamente scrivendo potrei riferirvi si dica Ministra, ma restando in ambito politico tra ex colleghi, vige ancora l’appellativo Ministro sia per gli uomini che per le donne e non abbiate risentimenti per quanto sto scrivendovi, che in certi ambienti è importante sapersi esprimere alla dovuta maniera onde riuscire sempre a divulgare, gentilezza e parsimonia, chiedete e vi sarà dato, chiedete e otterrete.

Non sono maschilista, sono semmai femminista e non accetto quelle trovate degli uomini che definiscano la donna regina della casa o angelo del focolare come per dire regina chiusa in casa e angelo ingabbiato, ma non sto neanche con quelle donne che quando i propri mariti perdono il lavoro, li abbandonano subitamente portandosi via pure i figli, senza rendersi conto che la perdita del posto di lavoro non è rara, è ormai diventata consuetudine che debba accadere e non si può far “pagare”, come correntemente si dice, la depressione del marito per il lavoro perduto, abbandonandolo anche sentimentalmente.

Sembra che sia andato fuori tema, invece, pur essendo senza preconcetti, devo ammetere che è prassi in politica chiamare le Ministre Ministro al pari dei colleghi maschi, al contrario di quanto si scrive e si dice nelle cronache, dove i Ministri donna appaiono finalmente come Ministre, così accade in Italia, mentre in nord Europa ritengo che la situazione sia diversa, però ogni cosa ha il suo pro e il suo contro, in quanto ad esempio in Francia hanno abolito la dicitura mademoiselle, cioè signorina, dai documenti d’identità, eppure per molte donne era molto bello farsi chiamare Mademoiselle e poi Madame, prima per la grazia di essere signorine e dopo per la grazia di diventare madri esemplari.

Così è accaduto che, seppure in quel giorno di martedì 07 febbraio 2012, in viaggio da Varese verso Roma, controllando la brutta del mio nuovo documento, ho trovato degli errori ortografici che ho segnato a penna e il mattino dopo subito a sistemare tutto, il documento era pronto per la consegna e non potevo attendere oltre, quindi sono passato alle consegne e tutto bene, se non che tutto regolare per la consegna al Ministero dell’Interno, avendo scritto nell’intestazione “Al Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri”, tutto bene anche al Ministero della Giustizia, dove ho però indicato “Alla Ministra alla Giustizia Paola Severino”, come avevo scritto inizialmente, dimenticandomi di apportare le modifiche come poi avevo ricordato bisognava fare, così, adesso che ve lo pubblico, vi posto tutte le quattro pagine del documento cartaceo in formato fotografico, oltre alla parte di testo in formato digitale, correttamente sistemata da quell’errore, buona visualizzazione nel prossimo articolo, come sempre gratuitamente, al fine della divulgazione pro pianeta Nibiru.

D’altronde, prima che qualcuno mi rimproveri di aver fatto un errore d’ortografia, vi devo confessare che è meglio che sia andata così, ho ricontrollato poco le intestazioni perché, a parte per il tempo che non basta mai, anche per evitare di farmene una soggezione; affinché la missione andasse in porto, era doveroso seguire un itinerario di consegne senza intoppi e senza ripensamenti, sono inoltre soddisfatto di avere evitato di spalare la neve nei giorni precedenti la partenza per Roma, poiché, seppure ho mancato di considerazione nei confronti di amici e vicini di casa, mi sono risparmiato un’influenza che per poco non mi ha atterrato in malattia, già ne sentivo i sintomi, riuscendo così, sano, a partire.

A tra poco da Gennaro Gelmini.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
26 febbraio 2012 7 26 /02 /febbraio /2012 16:50

Le tende dei pastori nomadi locali, per la loro semplicità, un grande palo centrale che sorregge l’intera tenda, molto simile a quella del circo per fattezze, ma più piccola per dimensioni, hanno fatto si non vi fossero vittime ne danni ingenti; oggi stesso 26 febbraio 2012, quando era già pieno giorno in zona, nel mentre in Italia erano sole le 07:17 del mattino, un terremoto di 6.8° Richter con epicentro localizzato a 100 Km dalla città di Kyzyl in Russia ad appena 50 Km ad est e 100 Km ad ovest del confine con la Mongolia, ha scosso profondamente la zona, che nei mesi scorsi era stata teatro del formarsi di insolite profonde cavità nel terreno. In aggiunta anche le isbe (case in legno dai colori solitamente pastello) e le costruzioni in muratura della più vicina cittadina di Saryg-Sep hanno retto bene all’evento tellurico per via degli accurati metodi di costruzione ad incastro dei pali in legno e per il materiale selezionato nell’edificazione delle murature, poiché il materiale locale, di facile reperibilità e di alta qualità, ha un costo più basso di altro materiale proveniente da più lontano, stessa cosa dicasi per la manodopera.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
26 febbraio 2012 7 26 /02 /febbraio /2012 00:59

Stanotte sabato 25 febbraio 2012 (scrivendovi dopo la mezzanotte), alle 21:34 ora italiana si è verificato un terremoto di 4.2° Richter nel Mar Tirreno con epicentro situato tra l’Isola di Ustica e la città di Palermo (Italia), con nessun danno per fortuna.

Attendete a breve nuovi articoli di particolare interesse, continando a divulgare in città come nelle campagne, così come ho sempre fatto da 13 anni a questa parte, non riuscendo a pubblicare questo prima della mezzanotte poiché stavo guardando le mappe per nuovi, instancabili viaggi.

In una graduatoria di probabilità su quale siano i periodi maggiormente sismici, riceverei subitanee smentite dalla scienza ufficiale, che ritiene che un terremoto possa accadere con la stessa probabilità in qualunque momento, ma chi la dura la vince.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
24 febbraio 2012 5 24 /02 /febbraio /2012 11:16

Mistero-Maya-2012.jpg

È opinione dei ricercatori che una prossima inversione dei poli magnetici della Terra, dovuta ad uno spostamento dell’asse del pianeta, scatenerà immani sconvolgimenti ambientali e gli attuali inquietanti cambiamenti climatici, sotto gli occhi di ognuno di noi, ne sono la prova evidente.

Nel corso di un viaggio avventuroso dalle Piramidi ad Angkor, dal Sacro Graal ai Rotoli del Mar Morto, scopriamo così che l’intera mitologia che arriva dal profondo passato è stata creata per portare fino ai giorni nostri un segnale di avvertimento. Cosa succederà nel 2012? Sappiamo che il futuro è in continua trasformazione, una nuova era. Avrà l’umanità sufficiente umiltà a questo millenario messaggio? Si!

Da questo presupposto parte Giorgio Terzoli per raccontarci il filo invisibile che unisce civiltà lontane migliaia di anni, straordinariamente evolute, civiltà che trovarono nei numeri un linguaggio attraverso il quale comunicare il loro linguaggio. Secondo il calendario Maya infatti, l’attuale Età dell’Oro (la Quinta) terminerà il 21 dicembre 2012, quali per una inversione magnetica?

Sia di questo che di molto altro si discuterà, con proiezioni video, al centro congressi “Casa Internazionale delle Donne”, sito in Via San Francesco di Sales 1/a a Roma, Italia, domani 25 febbraio 2012, nel convegno tenuto da Giorgio Terzoli, scrittore e autore di libri, documentarista e collaboratore di diversi programmi su RAI 2 e RAI 3, recentemente in onda anche nella trasmissione Voyager, condotta da Roberto Giacobbo.

Programma:

15.30 Apertura dei lavori di Giorgio Terzoli e presentazione del convegno;

16.00 Presentazione del libro di Giorgio Terzoli “2012 L’ultimo Mistero Maya” e conversazione sulle tematiche da lui trattate sulla fine dei tempi secondo l’ultimo ciclo del Calendario Maya;

16.45 Coffe Break;

17.00 Proiezione del video "Stargate 2012 - Alba di una Nuova Era";

18.00 Dibattito e confronto con il pubblico insieme a Giorgio Terzoli;

19.00 Conclusioni di Giorgio Terzoli e chiusura dei lavori.

Il costo del biglietto è di 15 Euro; sarà dato in speciale omaggio a tutti i partecipanti il libro di Giorgio Terzoli e Pier Luigi Trombetta dal titolo “Intervista con gli Dei”.

Si richiede per la partecipazione all’evento la prenotazione ai seguenti numeri telefonici 3206242454 – 3407552113, oppure inviando una e-mail al seguente indirizzo: info@romanimamundi.it .

Convegno promosso dall’Associazione Romanimaminidi: http://www.romanimamundi.it/ .

Comunicazione gratuita.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
23 febbraio 2012 4 23 /02 /febbraio /2012 11:09

ho fatto alcune considerazioni sull’avvistamento di una Creatura extraterrestre a Mortegliano in provincia di Udine, avvenuto in data 11 febbraio 2012:

innanzitutto il sentimento di estrema paura espresso dai testimoni dell’avvistamento mi faceva presumere che la Creatura in questione fosse un insettoide dalla postura eretta e la corrispondenza appare esatta anche in considerazione della sua altezza di circa 4 metri.

Da dove provenisse questa è facile dirlo, occorre semplicemente analizzare i dettagli del programma della loro pacifica invasione della Terra, che inizialmente doveva contare su di un milione di Creature extraterrestri Annunaki, ma siccome gli abitatori di Nibiru, gli Annunaki per l’appunto sono circa un milione, questa invasione si rendeva non fattibile per due ragioni, la prima era che non è possibile lasciare un pianeta abbandonato, seppure per un breve periodo e seppure sotto la supervisione Annunaki a distanza, il secondo è che non è plausibile pretendere che tutti quanti gli Annunaki debbano, nel medesimo momento, giungere sulla Terra, così si è giunti alla conclusione che la Terra deve essere invasa più abbondantemente da un numero di Creature extraterrestri varie e a questo punto bando alla parsimonia con cui, inizialmente, dovevamo conoscere solo Creature extraterrestri dall’aspetto umanoide, servono ulteriori forze e non tutte possono contemporaneamente giungere sulla Terra con dei dischi volanti o sfere di luce, per questo sono state create nuove basi sotterranee extraterrestri anche sul pianeta Terra, dove riposano ibernate Creature extraterrestri soprattutto insettoidi ed anfibie evolute allo stadio terracqueo e vegetali evolute a livello motorio, che quando al segnale verranno irrorate di luce blu proveniente dallo spazio siderale, formeranno degli agglomerati vivi per il mantenimento dell’amore fraterno anche nelle periferie del Mondo, inibite lo stimolo alla paura e andategli incontro con amore, sono amici! Sono fratelli!

La Creatura extraterrestre avvistata era semplicemente uscita dall’ibernamento dalla Base sotterranea extraterrestre sita nei pressi del fiume Natisone, Italia, prima del tempo, lasciando sgomenti taluni terrestri, testimoni dell’accaduto, intanto il pianeta Nibiru è stato avvistato anche dal Sacro Monte e dal Campo dei Fiori, montagna soprastante Varese, due settimane addietro, ma la notizia mi è giunta per passaparola solo alcuni giorni fa.

Le Creature extraterrestri stanno per tornare, salutiamole, debbono tornare per forza sulla Terra per tutelare il bene universale, che non può permettere al male terrestre di diffondersi ulteriormente, ama il tuo prossimo come te stesso è la regola nell’Universo, perché il male demolice, solo il bene costruisce, che amore sia! Delle Creature extraterrestri, le “addette ai lavori (Alien insiders)" saranno le prime che incontreremo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
22 febbraio 2012 3 22 /02 /febbraio /2012 00:11

Non è solo un detto, la Luna storta a falce, Luna coricata o a barchetta come dicono gli Astronomi, poiché dà la sensazione di una barca nei flutti celesti, sarà nettamente visibile, per la mia esperienza in altri simili eventi, è uno dei segni del cambiamento, mi attendo grosse novità per questa primavera 2012, stavolta l’appuntamento per osservare questa particolare Luna è nelle serate da mercoledì 22 febbraio 2012 a venerdì 24 febbraio 2012, ma gli eventi sono appena iniziati, in quanto, nella notte tra domenica 25 febbraio 2012 e lunedì 26 febbraio 2012 vi è prima una congiunzione astronomica tra la Luna e Venere e nelle successive serate la Luna sarà visibile in cielo tra i pianeti Venere e Giove.

Stavolta non mi sono lasciato perdere l’occasione di scriverne, giacché di questi eventi se ne discute tanto nelle campagne, esenti da inquinamento luminoso, quanto nelle città, in questi stessi giorni da me medesimo Gennaro Gelmini percorse.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 febbraio 2012 2 21 /02 /febbraio /2012 09:54

L’Italia in recessione, se ne sono accorti solo adesso, se anche un posto di lavoro di pulizie è ambito e introvabile, ciò che posso fare in aiuto alle persone, che sono state appena licenziate dopo un anno di lavoro in regola, è quella di indirizzarle all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) per un sussidio economico della durata di 7 mesi, i documenti da presentare all’Ente suddetto, per avere ogni mese il 50% di quanto si guadagnava a lavoro, che arriverà al 70% considerando che l’importo viene elargito anche per i giorni festivi, conseguendolo una volta al mese tramite assegno recapitato per posta o direttamente sul conto corrente postale o bancario (normalmente inizieranno a pagare due o tre mesi dopo).

Per avere il sussidio di disoccupazione occorrono i seguenti documenti: documento d’identità, codice fiscale, iscrizione al collocamento per la disoccupazione e per la disponibilità lavorativa e l’elenco, fornitovi dall’azienda in cui lavoravate, di quanto percepivate mensilmente negli ultimi 12 mesi.

Ho scritto questo articolo poiché, anche se a me non serve, ma mi è servito 9 anni fa, mi è capitato diverse volte di far felice un amico riferendogli ciò di cui aveva diritto, questa paga che permette di evitare di sprofondare nel baratro; quando una ditta lasca a casa i lavoranti, troppo spesso gli fa intendere che non hanno futuro, ma questa è una violazione ai diritti dei lavoratori, perché per 9 mesi, considerando il ritardo nei pagamenti, ci si potrà destreggiare nella nuova situazione venutasi a creare senza per questo rimanerne oppressi, gli amici che tramite questa informazione ho aiutato, sono subito apparsi ripresi da giornate di deperimento psicologico che sempre riguardano i licenziati, potendo, nei successivi mesi, anche coltivare i propri hobby più belli, liberamente.

Il sistema economico appare ora in tutta la sua crudità, quando ad una persona viene tolto anche il lavoro, come sta accadendo, è proprio cruda, mentre io un piatto di pasta c'è l'ho, guardo altre persone per la città, che avrei scommesso avrebbero fatto una vita felice, che ora invece sono allo stremo, rimane solo la consapevolezza che tutto cambierà.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
17 febbraio 2012 5 17 /02 /febbraio /2012 14:14

Una copia dell’originale è sempre pronta, fa parte del programma, se l’originale non rispecchia il programma, gli eventi prendono il loro corso, subentrando qualcun altro che è maggiormente capace nella missione, così anche gli eventi belli e brutti che si susseguono, anche gli incidenti talvolta avvengono in coppia, il 3 febbraio 2012 una nave della Compagnia Tirrenia, in rotta verso Olbia in Sardegna, appena salpata dal porto di Civitavecchia, per il mare in burrasca si è scontrata contro la diga foranea del porto stesso (per chi non è marittimo di mestiere, le dighe foranee sono quei parziali sbarramenti a muro che impediscono alle onde anomale di subentrare in porto, al fine di evitare conseguenti danneggiamenti eventuali), squarciando il suo scafo, tragedia evitata per le 300 persone imbarcate anche per il tempestivo intervento della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, l’incidente ricorda il porto dell’Isola del Giglio e lo squarcio alla nave da crociera, ma qui si è evitata ogni tragedia, ogni evento per una concezione del caso, dovrebbe avvenire di tanto in tanto ad intervalli più o meno regolari, invece tal volta avvengono eventi in coppia, di cui uno storicamente significativo per le cronache nel mentre l’altro passa nel dimenticatoio, nel 2002, al principio dei miei 3 anni lavorativi a Milano, anche il grattacielo Pirelli venne sventrato da un aereo al pari delle Torri Gemelle di New York nel 2001 e da bravo reporter mi trovai in zona a scattare le fotografie pubblicate nell’articolo dal titolo “Terrorismo aereo Pirelli” al link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-36944942.html .

Da parte mia, quando in pensieri, scritti e azioni vi chiamo tutti fratelli e perché lo penso per davvero e questa non è un’illusione, perché estromesso dal ruolo di schiavo in cui tutti appaiono come perfetti sconoscuti, ci si ritrova nella dimensione di fraternità, nel mio ruolo mi accorgo anche delle estromissioni d’altri, come un figlio diventa padre, così immaginatevi in un circolo immenso, la morte avviene soltanto per il corpo, tutto torna al suo principio e si nasce nuovamente dopo un certo periodo di tempo.

Il bene può talvota superare qualsiasi barriera, portando a compimento qualunque prode scalata di vita, me medesimo Gennaro Gelmini per amore di chi, diverso da noi, ha gli stessi nostri diritti alla vita, qualche anno addietro trovai dei parassiti che chiamano Balani (dal nome latino Balanus Amphitrite) sopra 2 kg di cozze che comprai, segno che erano proprio di prima qualità, delle veraci cozze di scoglio, ma i Balani erano anch’essi ancora vivi, le cozze le mangio, ma di quelli che potevo farne, appaiono come vulcani di color bianco sopra le cozze, quello è il loro guscio, dentro gli animaletti si erano tutti salvati poiché avevano iglobato un po’ di acqua di mare, non potevano essere gettati in spazzatura e neppure nei rifiuti organici riciclabili, dovevano essere salvate, ma sono creature che vivono però nel mare, non nei nostri laghi prealpini (pensate però che fino agli anni ’50, cioè prima dell’industrializzazione, si pescava la cozza lacustre anche nel Lago di Varese e nel Lago Maggiore), le salvai così, le misi in un barattolo con acqua e un poco di sale e le misi in borsa per non dimenticarmele, dovevo partire anche allora per Roma, quindi dopo i miei consueti giri di divulgazione in città, presi il treno per Ostia, l’autobus per la spiaggia mentre una pioggia con venti di scirocco imperversava e vi arrivai in pochi minuti, c’era un tempo terribile, ma i venti di scirocco tenevano calde le temperature nel mentre tutte le persone che vedevo in zona erano bagnate fradice, presi allora la decisione secondo cui se lanciavo i Balani in acqua dalla spiaggia, sarebbero potuti morire insabbiati fuori dall’acqua per colpa delle onde e i flutti del mare tempestoso, ma chi avrebbe potuto notare se io fossi rimasto bagnato dall’acqua di mare o dall’acqua della pioggia? Nessuno! Mi gettai in acqua vestito, perché non era più tempo di bagni di mare e sfidai la forza delle onde del mare con un nuoto in apnea di cui sono alquanto provetto, scendendo quel tanto che occorreva ad aprire il barattolo e liberare i Balani in acque calme più profonde, era tutto così calmo qui sotto, nulla degli effetti della tempesta arrivava fino a noi altri, distanti dal mondo immaturo presente quel tanto che bastava a vivere un istante anfibi per poter partecipare, trasformato anch’io in Creatura marina, alla gioia della loro ritrovata libertà.

Tornato sulla spiaggia a riprendermi la borsa, trovai un uomo col suo cane che ni disse che era rimasto molto preoccupato per me, avendomi osservato fin da lontano per poi perdermi di vista mentre rimanevo in fondo al mare; quando salii su di un altro autobus per tornare a Roma città, nessuno notò la mia differenza come previsto, comprai un kg di uva, siccome era autunno; in albergo non gustai nessuna doccia perché avevo ancora il sapore di mare della libertà riscoperta.

Nell’articolo “cucina creativa extraterrestre-extraterrestrial creative cooking”, al link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-cucina-creativa-extraterrestre-extraterrestrial-creative-cooking-98648380.html taluni internauti non mi avranno creduto, spinti, senza dirmelo, da incompatibilità alimentare.

E’ vero, me medesimo Gennaro Gelmini mangio di tutto, però ho un’estrema considerazione anche per quelle creaturine che altri invece schiacciano impunemente sotto i piedi o lasciano morire, cosicché potrei fare altri esempi, di quando trovai uno strano millepiedi con la testa rossa, estremamente lungo, nella vasca da bagno di casa mia, seppure impauriti, sia io che lei (era una femmina, come poi vi spiegherò), presi una bacinella capiente, la accostai al millepiedi, lei vi salì, si arrotolò dentro a ruota e io la potei portare fuori casa salvandola, mentre, nei giorni e settimane successive, degli esserini con le ali continuavano ad uscire a gruppi, di tanto in tanto, dallo scarico della vasca da bagno e ogniqualvolta li salvavo, giacché da soli non riuscivano ad uscire dalla vasca, erano così buffi con quelle ali in miniatura, che di certo non avrebbero potuto portarli lontano, riuscendo però a planare sul sottostante giardino dal davanzale della finestra dove andavo a depositarli, prima che mia madre se ne mettesse paura, evidentemente non aveva visto la loro madre!

Poi c’era Paolino, scusatemi se l’avevo chiamato con un nome umano, uno scarafaggio che quando facevo l’operaio, mi teneva compagnia nel turno di notte, usciva dall’aria condizionata quando ero da solo a lavorare in una fabbrica ai bordi di un bosco in Valle Olona, mi sembrava si nutrisse di acari della polvere e in quei tubi ne trovava parecchi, continuando così a vivere per qualche anno, poi non lo vidi più, evidentemente era morto di vecchiaia.

Ed ancora, la storia di quella salamandra che spesso vedevo uscire da una delle sue tane mentre mi recavo, tramite il bosco, a lavorare; era notte, ma io percorrevo lo stesso il sentiero nel bosco per recarmi al lavoro, affascinato anche dal chiarore emanato delle lucciole in primavera, la paura del buio l’ho ormai inibita anche grazie a ciò, una mattina però ritrovai la salamandra schiacciata sulla strada statale ai bordi del bosco, doveva essere stata un’automobile e allora, per il dispiacere, non trovai la forza psicologica per rimuovere l’animaletto, giorni dopo però ne ritrovai il cadavere sotto casa, credo che fosse arrivato fin li appiccicandosi nuovamente a qualche pneumatici d’automobile, faccio notare però che in famiglia nessuno di noi è automunito, anche per devozione all’ambiente, quindi nessuno della nostra famiglia può essere accusato di quel che era successo, fatto sta che evidentemente la salamandra voleva essere sepolta vicino casa e così ottemprai, seppellendola in giardino, mancando solo di sistemargli una croce sopra la tomba solo per non destare lamentele da parte dei vicini di casa.

Così tratto gli animali che altri impunemente schiacciano, bisogna avere rispetto delle Creature, qualunque esse siano, non più rispetto, ma rispetto completo, il più prevede anche un meno, che vi sia invece rispetto sempre, non di tanto in tanto, salvate le creaturine! Così, quando verremo invasi dalle Creature extraterrestri, non avremo paura di quelle aventi sembianze diverse da quella umana, siamo tutti fratelli! Con amore prendiamoci per mano, ma quale mano delle 16, gentile Creatura?

E’ vero, oggi ho comprato del filetto di baccalà pescato nel Golfo di Finlandia, in offerta a 10,90 Euro al Kg (chilogrammo), ma l’ho fatto per sentirmi vicino a casa.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
16 febbraio 2012 4 16 /02 /febbraio /2012 13:13

15-02-12-Terr-6.0--R-Oregon.png

La neve si scioglie ed ancora una volta la terra trema, con 6.0° Richter negli Stati Uniti d’America a largo delle coste dell’Oregon, con epicentro nell’Oceano Pacifico, scongiurando ripercussioni sulla terraferma, anche in considerazione della fortunata mancanza di tsunami (onde anomale), poi la notizia di un altro terremoto di 3.8° Richter in Italia nei pressi della città di Latina, tutto questo appena ieri, il 15 febbraio 2012.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito