Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
1 febbraio 2015 7 01 /02 /febbraio /2015 12:40
Oroscopo marzo 2015 mese

Mese che si prospetta con alcune verifiche da attuare marzo 2015, ottimo per concludere le cose intraprese, amore, lavoro, fortuna, questo mese potete contare su alcune lotte per un posto d’onore, spetta a voi, le spinte astrali ci sono, soprattutto nella seconda parte del mese.

Mercurio entra nel segno dei Pesci il 13 marzo 2015, Venere entra nel Toro il 17 marzo 2015, il Sole compie l’ingresso in Ariete il 21 marzo 2015, seguito da Mercurio che veloce arriva anch’esso nel segno dell’Ariete il 31 marzo 2015, con nella medesima giornata anche Marte, che compie il suo ingresso nel segno del Toro.

Giove in Leone è opposto a Mercurio in Acquario in data 1 marzo 2015, Venere è congiunta ad Urano e in trigono a Giove in Leone il 4 marzo 2015, Marte in Ariete in trigono a Giove in Leone il 10 marzo 2015, Marte congiunto ad Urano in Ariete in quadratura a Plutone in Capricorno in data 11 marzo 2015, Saturno in Sagittario quadrato a Mercurio in Pesci il 16 marzo 2015, seguito a sua volta da Urano in Ariete in quadratura a Plutone in Capricorno il 17 marzo 2015, la congiunzione di Mercurio con Nettuno in Pesci il 18 marzo 2015, Venere in Toro sesta a Nettuno in Pesci il 24 marzo 2015, Il Sole in Ariete trigono a Saturno in Sagittario il 25 marzo 2015 e Giove in Leone in quadratura a Venere in Toro il 28 marzo 2015.

A presto da Gennaro Gelmini (scritto in data 01 febbraio 2015).

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
29 gennaio 2015 4 29 /01 /gennaio /2015 22:23
Mix disclosure: grandine, terremoti e comete simili

Tra gli argomenti del quale è utile parlare, la grandine è una consuetudine a piccoli chicchi radi, quando però è caduta su Catania era da non crederci, invece si, sembrava neve, tanto che hanno dovuto spalarla, ma dei chicchi caduti, alcuni grandi quanto una palla da tennis, ci si è lamentato che le cronache di maggior interesse hanno mancato questa notizia, in realtà è stata la politica che ha occupato troppi “speciali”, abbiamo avuto modo però di scriverne e pure io adesso ve ne scrivo, solitamente abituato a vedere eventi simili al nord più che al sud d’Italia, nei miei ricordi infatti, a Napoli le pioggerelline fini fini, qualcuno si copriva col cartone delle pizze che aveva appena asportato, che neanche sarebbe servito fare così, però in questi ultimi anni pure a Napoli la pioggia a volte colpisce fortemente, a Varese storicamente, ecco infatti nella foto la neve sopra il Monte Chiusarella, mentre più a valle la neve deve ancora comparire.

Sui terremoti si annovera il 5.7° Richter di oggi 29 gennaio 2015 a largo delle coste della California, Stati Uniti d’America, che non ha avuto conseguenze a causa fortunatamente del suo epicentro nell’Oceano Pacifico, senza risultare onde anomale, tsunami; altresì il Mare di Groenlandia e il Mare del Nord, dall’Islanda al Regno Unito, vede terremoti per mezzo dell’azione del vulcano Bardabunga, oggi infatti, 29 gennaio 2015, un terremoto di 4.2° Richter ha colpito l’Inghilterra.

Infine sulla cometa lovejoy, con massimo brillamento e perigeo il 7 gennaio 2015 è di buon auspicio per il cambiamento, ricordando l’equivalente cometa McNaught, con massimo brillamento e perielio a pochi giorni di differenza, il 12 gennaio, del 2007, sforzandomi di portare avanti quanto più possibile, nell’attesa delle circostanze del cambiamento, comete simili per ricordi simili, utile divulgare, vado avanti, avanzo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
27 gennaio 2015 2 27 /01 /gennaio /2015 20:30
Perseguitati e streghe dal Medioevo per comprendere il rispetto

Finocchi bruciati sul fuoco, da innocente bambino, le parti esterne dei finocchi che mia madre cucinava, che venivano buttate via, io nascostamente le prendevo e in mancanza di un camino, nei periodi trascorsi in città, le bruciacchiavo sulla fiamma dei fornelli a gas della cucina, per osservare i colori accesi che si sprigionavano, ho saputo solo recentemente che dei finocchi venivano aggiunti ai roghi sui quali nel Medioevo venivano bruciati streghe e stregoni e sono rimasto sbigottito da come fosse congegnato per avere i peggiori effetti, un metodo di censura in grado di azzerare qualunque conoscenza potesse risultare scomoda, ovvero è più facile togliere i diritti alla popolazione tramite l’istigazione all’odio.

Una persona che odia è ugualmente facile indirizzarla, puntando il dito contro “è lui”, ovvero contro chi sa troppo, ha scoperto i misteri, è andata oltre il sapere elargito alle masse, è libera, diversa, di Fede, di modi di Vita, invece di ammirare in essa il bisogno che per rimanere integri qui sulla Terra, sempre, occorre anche che non siamo identici.

A cosa serve la consanguineità? Prendiamola ad esempio per imparare quanto valga la diversità, tra fratelli non ci si può sposare, perché si è consanguinei, anche se ad alcuni potrà sembrare tremendo, prendetelo come un dono, perché altrimenti si sarebbe arrivati, per salvaguardare la pochezza dei beni materiali, a ristretti matrimoni nella stessa famiglia, tra parenti, facendo estinguere così l’amore mediante unioni programmate.

La diversità: quando occorre dirigersi in direzioni diverse, per le quali chi avrà più esperienza di noi in quella direzione, potrà appunto guidarci.

Sopra, nella foto, potete notare ciò che sembra una normale colonna, era la colonna sulla quale venivano poste e messe al rogo le persone, una colonna rara, siccome altre sono state sostituite in un caso in una scalinata che prima mancava, in altri in slarghi, piazze turistiche, rotonde, eppure oggidì 27 gennaio 2015, Giornata della Memoria, occorre tornare a rinvigorire l’intelletto con la coscienza del rispetto, in ogni momento, ho unito le terribili situazioni medioevali poiché da tanto volevo scrivervene, con ciò che in questo giorno si ricorda, l’Olocausto, il terribile sterminio degli Ebrei per la più fetida delle ideologie malsane, il voler prevaricare con la forza con la scusa della razza, da elevare sopra gli altri in base a compiacenze e gli “altri” da sterminare, non sia mai più fatto, conoscere queste cose, gli orrori del passato, è la prima cosa attraverso la quale sappiamo rispettarci a vicenda.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
26 gennaio 2015 1 26 /01 /gennaio /2015 23:53
Tempesta all'Isola dei Famosi edizione italiana

Per chi i reality li vede per riposarsi la sera, i produttori che naturalmente lo presentano come un programma di intrattenimento, in realtà era da diverso tempo che volevo scrivervene, portare in un reality il rischio dei cambiamenti climatici, perché potete immaginare, la divulgazione in un reality è di grande interesse, soprattutto quando si parla dei tafferugli di questa Terra, la trasmissione televisiva è durata però 30 minuti soltanto, perché di cambiamenti climatici si tratta, l'Isola dei Famosi edizione italiana non si è potuta fare stasera, in quanto una tempesta ha distrutto le costruzioni nei quali i concorrenti, chiamati naufraghi, dovevano alloggiare. Anche lì colpiscono i cambiamenti climatici, utile rammentarlo, qualcosa di molto importante sta accadendo al pianeta Terra.

E’ da sapere che già nella scorsa edizione i concorrenti hanno dovuto cambiare isola, proprio per una tempesta, mentre nelle edizioni precedenti queste cose, non si sospettavano proprio potessero accadere, almeno "normalmente", me medesimo Gennaro Gelmini, invece di una news di coscienza, sarei stato indicato per chi vuole utilizzare uno spazio web per parlare di sé, adesso è chiaro che non è così.

Sia di buon esempio questo articolo pure per l’attenzione da porre ai concorrenti, da gestire in piena sicurezza, come certo si fa, però mai “facciamolo lo stesso” perché non si può mancare, quando la barca che trasportava i concorrenti all’isola è divenuta instabile, bene è stato tornare indietro come i concorrenti naufraghi hanno fatto, nell’accortezza di gestire con uguale sicurezza pure le prossime puntate, al lunedì alle 21:30 su Canale 5, parlandovi da questa news del 26 gennaio 2015, poco prima delle ore zero del 27 gennaio 2015, eppure convinto a parlarvene da anni.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 gennaio 2015 3 21 /01 /gennaio /2015 21:20
Nibiru e la disclosure 2015

Sulla spinta delle antitesi, pubblico questo articolo su ciò che ho potuto riscontrare, ho fotografato io stesso i Two Sun da Viale Belforte a Varese, la strada rettilinea che scorre in direzione sud, io stesso ho visto ciò che ho fotografato, dal finestrino dell’autobus linea N, mentre mi recavo a pregare sulla tomba di mio padre.

Alloraquando ad indagare è per conto suo Gennaro Gelmini, c’è chi ha detto “no, quello di Viale Valganna”, ebbene si, sono io, in un nuovo giorno utile alla divulgazione.

Capisco benissimo che in mancanza della visione è difficile crederci, eppure Nibiru rilancia la sfida a credergli, in alternativa Nibiru si fa breccia da solo, tra gli sguardi attoniti di chi si imbatte nelle sue notizie, puramente free, libere, perché provengono da un trapelare della disclosure e da contatti, molto bene!

In alternativa dell’utilizzo consueto dell’autostrada, Viale Belforte è una grande arteria stradale di rapido scorrimento e nelle sue traverse, in Via Friuli c’è il canile municipale, con tanti cani, solari di carattere, da poter adottare, mentre ho saputo soltanto adesso che è scaduto il bando per la gestione del nuovo gattile di Varese, situato sempre immancabilmente in Viale Belforte, all’ex macello, la cui decisione sul luogo di dimora dei gatti trovatelli da adottare non è però condiviso da ognuno, poiché un luogo già teatro di cotanto dolore sugli animali.

Per il resto il titolo, già deciso in anticipo, rispecchia perfettamente quanto si divulga ormai da quasi 16 anni.

La foto sopra è recente, risale a domenica 2 novembre 2014, i miei interessi rivolti agli eventi alluvionali però, me l’avevano fatta rimanere in archivio, adesso eccovela, per il resto, al link “Reiventarsi nel lavoro e nella vita” http://gennaro-gelmini.over-blog.it/2015/01/reinventarsi-nel-lavoro-e-nella-vita.html la foto risale ad 1 anno addietro, era comunque inedita, adesso non mi rimane che tornare ai consueti articoli.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
17 gennaio 2015 6 17 /01 /gennaio /2015 19:50
Nevertheless a UFO tuttavia un UFO

Un UFO! Negare l’esistenza di vita extraterrestre a cosa può servire?

Serve ai successivi avvistamenti, una fitta rete che smente chi smente, avrebbero avuto troppa credibilità le organizzazioni che negano l’esistenza della vita extraterrestre senza nessun avvistamento e segno.

Come fare a capire la versione vera e la versione falsa dei fatti, quando una persona mente e quando dice la verità?

Esiste un metodo comprovato, facile da utilizzare, consiste in semplici indagini, indagate così:

Nella nostra vita siamo testimoni di misteri, ne serve almeno soltanto uno di mistero per questo esperimento, chi ha visto fantasmi, chi Creature extraterrestri, UFO, Alieni, chi gnomi, fate, folletti, cerchi nel grano, parlo di esperienze vere, perché sono le vostre esperienze e non è importante che ci credano o non ci credano, perché sono le vostre esperienze, nessuno quindi ve le potrà togliere.

Adesso, bene, senza dover parlare di voi stessi, che non ve la sentite, inquadrate l’argomento, andate a parlare di ciò che mai potreste negare, almeno a voi stessi, almeno nel segreto, non potete negare, a chi di turno nega l’esistenza delle Creature extraterrestri, Alieni, UFO, lui vi risponderà così dicendo.” Bé, si, c’è qualcosa, però no”, vi spiego meglio, mai troverete chi immediatamente vi dirà no quando cercano di comprendere il vostro atteggiamento per tentare di farlo diventare uguale al loro, quindi dopo la prima impressione positiva, mai di diniego, ricominceranno a catapultarsi contro con negazioni su negazioni.

Da questo loro vociferare riconoscerete l’incongruità, non in riferimento a ciò di cui si discute, in merito a ciò che avete magari mancato di riferire, perché non ve la sentite di essere contraddetti, che appunto non riuscite a dire come Gennaro Gelmini le cose senza il timore di essere contraddetti, tanto pure per le piccolezze già siete contraddetti, eppure…

Gli avvistamenti di dischi volanti delle fattezze sigariformi, numerose in questo periodo, dicembre 2014, gennaio 2015, fanno intuire certamente che mentre si soggiace alla compostezza di un’inafferrabile immutabilità, qualcosa sortisce dal Cielo alla Terra, perché quelle astronavi trasportano circa 100 Creature extraterrestri, Alieni; costruite per questo scopo, reputo improbabile che poche Creature extraterrestri si mettano a pilotare un’astronave semivuota, piuttosto 100 Creature extraterrestri a trasporto per ogni astronave di questo tipo, significa che abbiamo un buon collegamento con le basi sotterranee, dal cielo arrivano sulla Terra e ciò sta già avvenendo.

Nella foto il contestatissimo two Sun, Sole doppio, l’icona più propizia di questo viaggio nel siderale spazio, più vicino a noi di quanto possiate pensare.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
14 gennaio 2015 3 14 /01 /gennaio /2015 21:13
Il rischio nell'implosione, l'Augurio nella realizzazione

Parlando di rischio calcolato, che a calcolarli è d’obbligo, occorre pure calcolare eventuali imprevisti, a riguardo è mio dovere parlarvi delle dimissioni del Capo dello Stato Italiano Giorgio Napolitano stamane avvenute, nell’aspettativa di una nuova elezione interna al Governo, per un subitaneo successore.

Milioni di anni, in un Mondo nel quale si è reputato a fare, l’imprevisto è proprio quello di evitare di fare, si è badato ad evitare ogni sorta di impetuosa turbolenza e mai si è badato alle implosioni.

Affinché crescita e decrescita trovino un certo equilibrio tra loro nei mercati economici, si è evitato di porre delle regole rigide, queste hanno però creato la possibilità di evitare di fare, la stagnazione.

Consigliare un metodo è praticabile, seguire un metodo è auspicabile, mancare di metterlo in pratica può essere contrastato, vietato, però in fin dei conti non si può contrastare il nulla, il niente, la mancanza di fare, questo il rischio più grande, un buco nell’apparato del fare.

Sul nome del nuovo Capo dello Stato della Repubblica Italiana, già oggi 14 gennaio 2015, giorno delle dimissioni di Napolitano, c’è chi azzarda ipotesi, accordi, non è mio compito risolvervi il quesito, piuttosto da me medesimo Gennaro Gelmini, fare i miei più sinceri Auguri.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
13 gennaio 2015 2 13 /01 /gennaio /2015 21:07
Reinventarsi nel lavoro e nella vita

Un locale dove sono andato con i cari amici, una birreria ristorante dove lavorano almeno un 15 persone, come in una piccola ditta, la storia è infatti questa, è nata dal fallimento di una fabbrica nel 2009, gli operai, vistisi disoccupati proprio all'inizio della crisi economica, hanno avuto questa splendida idea, hanno ricoperto il soffitto con un telo azzurro come il cielo, hanno allestito le pareti con del cartongesso, con grandi immagini alla maniera medioevale, riproducenti pareti artistiche e al posto dei camici da operai hanno messo il completo da camerieri/e all'antica, riccamente colorato.

Perché ha funzionato il locale?

I clienti sono facilmente procacciati dalle ditte nelle vicinanze, senza mensa, si è inoltre sparsa la voce e la cosa funziona anche alla sera, basta evitare di pensare che si è in piena zona industriale e a pochi passi da una discarica, autorizzata intendiamoci, di rifiuti.

Notare i modi di fare, la salsina segreta del ristorante sembra essere un'insalata capricciosa e formaggino della pausa pranzo operaia e i modi di servire non sono propriamente da ristorante, ovvero servire col commensale alla sinistra, lì invece sembra di stare alla mensa operaia e che bello, siamo come a casa, gli operai non cambiano mai, operai si diventa, operai si resta, un grande orgoglio essere operaio, almeno quando il lavoro c’era.

Nei paraggi un'altra ditta fallita si è trasformata in un grande magazzino dell'arredamento fai da te e i clienti anche lì non mancano.

Così succede col lavoro, come vedete può andare bene in un solo giorno, il futuro che ci creiamo, oltreché la speranza, è importante per mettere un motore verso degli intenti.

L’immagine sopra è una mia foto, come sempre libera al download, che ottiene bene a supporto dell’articolo, che per tutela della privacy differisce comunque dal luogo dell’articolo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
11 gennaio 2015 7 11 /01 /gennaio /2015 11:34
Oroscopo febbraio 2015 mese

Gli ingressi quasi in contemporanea implicano netti comportamenti, senza mezze misure, Marte e Venere in Ariete, guerra e amore in segno di fuoco, le situazioni cambiano e dapprima non si riesce a trovare accordi a causa del Sole in Pesci che mostra ciò che occorra fare in accordi associativi per appianare divergenze, così non va, tuona il Sole, eppure prima che Venere e Marte cambino segno a marzo 2015, per accordi e proposte di accordo, mese turbolento questo di febbraio 2015, che già in questo potete vagliare però amori e contratti, il consiglio di Gennaro Gelmini è quello di evitare di dire ciò che potrebbe farvi allontanare dall’amore, per tornare a sollevare i vostri diritti vitali su questioni che dissipino la nomea che vi ha tenuto in scacco, ovvero le cose ordite per scongiurare aspettative a tempo debito, dimostrazioni di confronto con la società che non avete mai avuto, le possibilità di un amore duraturo ci sono, le possibilità di esaminare proposte di lavoro ci sono, con profitti ancora da accreditare.

Il 18 febbraio 2015 il Sole entra nel segno dei Pesci, seguito a poca distanza da Venere e Marte in Ariete dal 20 febbraio 2015.

In data 1 febbraio 2015 Venere in Pesci è congiunta a Nettuno, il 2 febbraio 2015 il Sole in Acquario è in sestile ad Urano in Ariete, il 5 febbraio 2015 Mercurio in Acquario è sesto a Saturno in Sagittario, il 6 febbraio 2015 il Sole in Acquario è opposto a Giove in Leone, l’8 febbraio 2015 Venere in Pesci e sesta a Plutone in Capricorno, il 22 febbraio 2015 Venere è congiunta a Marte in Ariete, il 23 febbraio 2015 il Sole, entrato in Pesci, è in quadratura a Saturno in Sagittario, il 24 febbraio 2015 Saturno In Sagittario è trigono a Venere in Ariete, il 26 febbraio 2015 è la volta di Marte in Ariete ad essere trigono a Saturno in Sagittario e il 26 febbraio 2015 Nettuno è congiunto al Sole nel segno dei Pesci.

 

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 gennaio 2015 4 08 /01 /gennaio /2015 12:05
Ioduro d'argento per mitigare il clima

Le ninne parlano, le realtà tacciono: la continua negazione ha dato agio a sospetti, che la continua mancanza di risposte hanno assai fomentato.

Come sapete io ho le mie affermazioni che si dilettano, lungo le nuvole, che a vedere da casa mia, Varese, Italia, la foto che sopra vi pubblico, scattata da me medesimo Gennaro Gelmini nel mese di dicembre 2014 è eloquente, una nuvola a solchi dietro una nuvola classica.

Una nuova tipologia di nuvole, quindi ufficialmente sono normali perché sono elencate, eppure già questo mette perplessità, le nuvole, da sempre osservate in cielo, solamente di recente, cioè in questo secolo 21°, hanno appunto ricevuto nuove aggiunte di tipologie, come se le nuvole fossero pesci misteriosi della Fossa delle Marianne, animali della Foresta Amazzonica al momento da elencare, perché permangono a vivere in luoghi nascosti, nei quali è pure possibile incrociarsi tra le specie senza che nessuno li infastidisca, le nuvole invece non si nascondono, pure a nascere di notte, con quegli strani rumori come di volteggi, molto sottili, impalpabili, si osservano di giorno.

Ricordo che già nel 1990 i professori del Tecnico Agrario ci insegnavano che una pratica agricola, molto dispendiosa e per questo utilizzata con metodi estensivi, si poteva lanciare lo ioduro d’argento, si, leggete bene, ricercate queste parole su internet e scoprirete molte cose, ringrazio chi non è tra noi per il sostegno a questo articolo, mi fa ricordare ciò che potrei aver dimenticato, dicevamo quindi, la tecnologia già c’era, già c’è, viene praticata con successo, la differenza oggidì è il notevole migliorio attuato.

Veniamo quindi a dare una lampante spiegazione al fenomeno, addentrandoci a parlare di ciò che sta succedendo in questi giorni del mese di dicembre 2014, come fosse anche agli inizi del 2015, che cadrà pure la neve, il rendiconto non cambia, certamente in pieno giorno le temperature meteo superano i 10° Centigradi pure qui a Varese, ai piedi della catena montuosa delle Alpi, le cosiddette Prealpi, ufficialmente dagli 8 ai 13°C col cielo sereno, appunto, diciamo col cielo sereno e immagino, come si sa che sia, temperature settembrine, ovvero di almeno 3 mesi di sfasamento rispetto a quanto dovrebbe, ciò che potrebbe costringermi a spogliare meccanicamente gli alberelli di melo che posseggo, tagliandogli le foglie, che altrimenti il mancato riposo invernale li farebbe indebolire, una cosa mai accaduta, per lo meno a Varese.

Riceviamo che pure i ghiacci della Calotta Polare Antartica subiscono in questo periodo un disciogliersi in pratica senza eguali e in Artide non c’è sufficiente copertura e insufficiente riformazione di ghiaccio, niente venti freddi da nord, una dimostrazione estera è data non a caso dall’Ucraina, le cui forniture di gas dalla Russia scarseggiano spesso a causa dei debiti ucraini sulle forniture, ebbene, news confortanti escludono ogni grave incertezza per questa penuria, il gas sembra sufficiente, che per il riscaldamento l’utilizzo è moderato, che, come detto, in mancanza di una mole vasta di ghiacci ai poli, vi è la mancanza di una mole vasta di freddo invernale.

Mitigare il clima si può, cambiare il clima si può, da una parte lo si fa, dall’altra lo si nega, giusto è farci sapere le reali condizioni della Terra, del suo surriscaldamento climatico, che innegabilmente è in atto e i motivi per il quale è in atto, nulla ci dicono perché? Perché vi sono concause oltre a quella umana, sapendo che una risposta genererebbe nuove domande e frattanto che già sappiamo, una enorme ragnatela a quadrati di transiti di aerei in direzione sud-nord ed est-ovest sminuisce le funzionalità delle rotte calcolate sulla mappa, lo ioduro d’argento che l’esperienza dei nostri professori insegnava, mitiga il clima e fa piovere dove non piove, una chimica che naturalmente comporta che tali sostanze vadano infine disperse al suolo, con l’immancabile inquinamento che ne comporta.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito