Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
28 novembre 2009 6 28 /11 /novembre /2009 18:04

Roma, 27 novembre 2009, venerdì 


Al Procuratore della Repubblica di Roma

   

e per conoscenza:

   

Al Ministro all’Economia e Finanze

Giulio Tremonti

c/o Ministero dell’Economia e Finanze, Roma

 

Al Ministro all’Interno

Roberto Maroni

c/o Ministero dell’Interno, Roma

 

Al Ministro ai Beni e Attività Culturali

Sandro Bondi

c/o Ministero dei Beni e Attività Culturali, Roma

   

Al Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale (CICAP)

sede di Padova e Gruppo Lombardia

 

Unione degli Atei ed Agnostici Razionalisti (UAAR)

sede di Roma e sezione di Varese

 

Ai Sindaci

del Comune di Cuasso al Monte (VA) Massimo Cesaro,

del Comune di Lozza (VA) Fervida Adriana Fabbian

 

Alle trasmissioni televisive

“La prova del cuoco” di Rai 1, “I fatti vostri” e “Voyager” di Rai 2,

“Striscia la notizia” di Canale 5, “Mistero” di Italia 1.

 

Alla National Aeronautics and Space Administration (NASA) Headquarters,

Washington DC, USA

 

A varie associazioni e siti internet che si occupano di Astrologia

e a chiunque altro, previa possibilità e salvo esaurimento copie

 

Oggetto: diffida contro XXX XXX e aderenti, sostenitori e simpatizzanti XXX e XXX per le loro fuorvianti, inattendibili e falsate affermazioni astrologiche e astronomiche.

 

Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Roma, io sottoscritto Gennaro Gelmini, abitante in Viale Valganna 216, 21100 Varese, avente e-mail gennaro.gelmini@email.it e sito internet http://gennaro-gelmini.over-blog.it , con la presente diffida espongo quanto segue:

 

Tra dicembre 2008 e gennaio 2009 abbiamo assistito alla ridicolizzazione degli oroscopi da parte di XXX XXX e di aderenti, sostenitori e simpatizzanti XXX e XXX, asserenti che da una verifica da loro stessi effettuata, gli Astrologi non avevano indovinato la crisi economica de 2008, ma a oro suddetta verifica è una farsa, in quanto ciò doveva essere considerato alla luce di Plutone, che ha cambiato astrologicamente segno, passando dal Sagittario al Capricorno, e così, come aveva anche predetto l’Astrologo “Branko” in “Branko e le stelle”, rubrica di Astrologia presente al sabato nella trasmissione della rete televisiva Rai 1 “La prova del cuoco”, durante lo scorso passaggio di Plutone dal segno del Sagittario a quello del Capricorno era avvenuta la rivoluzione francese, ora si sapeva che qualcosa di importante sarebbe dovuto accadere, seppure non si poteva sapere di preciso che cosa solamente perché questo precedente passaggio era avvenuto talmente tanto tempo addietro che era astrologicamente poco studiato; il passaggio recente dal segno del Sagittario a quello del Capricorno è avvenuto inizialmente il 26 gennaio 2008, ma successivamente, tornando Plutone in moto retrogrado, è rientrato nel segno del Sagittario il 14 giugno 2008, per poi rientrare definitivamente nel segno del Capricorno il 27 novembre 2008, ove tutt’ora staziona e rimarrà per un lunghissimo intervallo di tempo: tale balletto di moti diretti ed indiretti preludeva il verificarsi di eventi eccezionali, circoscrivibili anche nell’avvenuto crollo delle borse valori e della conseguente crisi economica planetaria.

Vostra Signoria Procuratore della Repubblica di Roma, io sottoscritto Gennaro Gelmini, abitante in Viale Valganna 216, 21100 Varese, avente e-mail gennaro.gelmini@email.it e sito internet http://gennaro-gelmini.over-blog.it , con la presente diffido XXX XXX e tutti gli altri aderenti e simpatizzanti del XXX e XXX, nonché le comuni persone, dal voler tornare a riferire in televisione che gli Astrologi si sono nuovamente sbagliati, adducendo a tal proposito il fatto che non avevano indovinato l’avvenimento dei terremoti che ancora accadranno nel mese di dicembre 2009, dopo che quest’anno ha già visto numerosissimi eventi distruttivi quali terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche ed interferenze elettromagnetiche, frane e siccità, mentre invece questi eventi li avevo ampliamente previsti io sottoscritto Gennaro Gelmini nei miei Esposti, Querele e lettere consegnate a Procuratori, a Politici, Enti, eccetera, di mezza Italia e all’estero, giungendo a contattare per questo 25000 diverse persone, talvolta in molteplici occasioni, dal 1999 al 2008, cifra divenuta oramai incalcolabile data la sua mole nel corrente anno 2009 tramite la postura su internet dei miei lavori di questa mia missione di conoscenza della verità riguardo l’origine dei cambiamenti climatici sul pianeta Terra, ovvero del sopranzidetto aumento, scusi se ripeto, di terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche ed interferenze elettromagnetiche, frane e siccità, che principalmente non sono dovuti ai cosiddetti “effetto serra” e “buco dell’ozono”, ma sono dovuti in verità ad un pianeta denominato Sedna, Xena (che si pronuncia Scila), Eris, Nibiru e siglato 2003 UB 313, che per via della sua orbita estremamente ellittica e della sua massa estremamente compatta, a cui quindi corrisponde un’elevata attrazione gravitazionale che provoca i sopradetti fenomeni, un interessante video a tal proposito, avente titolo Nibiru cambiamenti climatici, lo potete consultare sul portale You Tube, ulteriormente postato in diversi altri siti internet tra cui il mio.

Sono d'accordo anche io che bisogna sperare che non accadano eventi drammatici, ma occorre anche render conto degli eventi che sempre più repentinamente stanno accadendo, l'8 novembre 2009 due terremoti di magnitudo 3° e 4° Richter sono avvenuti in Sicilia e si sono risvegliati i vulcani Etna e Stromboli; il 10 novembre 2009 una frana ha investito il paese di Casamicciole Terme (Isola d'Ischia, provincia di Napoli); il 20 novembre 2009 un'alluvione, come non se ne erano mai viste in quella zona, ha colpito il nord dell'Inghilterra, cadendo nel corso di poche ore ben 25 centimetri di pioggia; fino alle scorse settimane uragani, tifoni e tornado fuori stagione hanno continuato a flagellare l'America e l'oriente; in Italia 27° centigradi di temperatura massima a Catania negli scorsi giorni, e siamo ormai nella seconda metà del mese di novembre 2009; tutti segni inequivocabili per chi crede in Nibiru, del suo prossimo passaggio al perielio situato tra i pianeti Marte e Giove, ma ancora non ci rivelano la verità, attendiamo con impazienza il prossimo periodo della rivelazione senza più indugi possibili: Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Roma, vogliate gentilmente aiutarci verso tale scopo. Sono d’accordo nel voler in più scongiurare che accada il Big One, il grande terremoto in California (uno dei famosi Stati USA), ma i terremoti che già attanagliano l’oriente incitano ormai talmente tanto i movimenti delle faglie americane che il terremoto Big One in California sembra ad un passo dal dover accadere, le pareti rocciose ancorate ai fondali oceanici hanno retto all’ecatombe, ma ora non più: credetemi tutti, poiché ad esempio dovete sapere che due satelliti geostazionari hanno rilevato che tra aprile 2002 e aprile 2008 nel solo ovest dell’Antartico l’arretramento della calotta è stato valutato in circa 800 gigatonnellate.

Resomi forte dalla Fede per prima cosa, e per seconda dai miei successi, tra questi il riguardo che mi viene elargito dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA), da cui mi è da poco giunta una quinta lettera sulla cui intestazione appare scritto “Priority A”, ciò significa che se hanno dovuto spedirmela con la massima priorità la verità riguardo Nibiru e gli extraterrestri sta per essere resa pubblica e accettata dalla scienza ufficiale, tornando io stesso ad attestare che tale pianeta Sedna, Xena, Eris, Nibiru, 2003 UB 313, è abitato nelle sue cavità sotterranee da delle creature extraterrestri denominate Annunaki, di cui ripeto che tra poco i governanti di tutto il Mondo, dopo aver recentissimamente reso noti alcuni archivi di documenti riguardanti gli UFO prima top secret, ufficializzeranno scientificamente la loro presenza, poiché gli Extraterrestri hanno intenzione di mostrarsi apertamente invadendo pacificamente tra breve tempo il pianeta Terra; coscienti di questo, attendiamo rivelazioni anche da parte di tutte le persone che devono per forza essere al corrente dei nostri bisogni esistenziali di voler puntare dritto alla verità, e che sia così.

Nell’Esposto di Varese ex novo continuatio itinere del 10 settembre 2009, non funzionando bene sul computer da me medesimo utilizzato il tasto della “l”, nella frase “Ringrazio la mia amata fidanzata Patrizia Gigli per il suo continuo incoraggiamento”, non è rimasta scritta la “l” di “la”, ma sappiate tutti che la colpa è da ricercarsi nella solita fretta senza cui non potrei gestire continuamente un messaggio incalzante, ma la cosa che più conta è che il mio amore per Patrizia Gigli rimane sempre inalterato, da innamorato fedele: se doveste trovare altre “l” mancanti saprete già perché ciò è successo.

Inoltre, è anche possibile consultare l'ulteriore mio sito http://gennarogelmini.maxiblog.it .

Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Roma, le chiedo gentilmente ma concitatamente di voler intervenire affinché il signor XXX XXX e aderenti, sostenitori e simpatizzanti XXX e XXX non facciano rivelazioni inattendibili e falsate sia riguardo l’Astrologia che riguardo l’Astronomia, anche e soprattutto in considerazione dei sempre più numerosi e consistenti eventi quali terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche ed interferenze elettromagnetiche, frane e siccità, che non sono principalmente dovuti ai cosiddetti fenomeni “effetto serra” e “buco dell’ozono”, ma sono in sostanza da attribuirsi, per la quasi totalità a dire il vero, ad un unico pianeta che in realtà è una nana bianca, cioè una piccola stella compattatasi talmente tanto da conseguire le dimensioni di un pianeta, avente in questo caso una scia meteorica denominata “Coda del Drago”, che tuttora viene annoverato alla stregua di un insignificante planetoide, avente i distinti nomi di Sedna, Xena, Eris, Nibiru, e con la sigla 2003 UB 313: tale situazione intrigatasi vuole essere di sbrigliata, altrimenti, come in passato già ho scritto in altri miei documenti, “intere popolazioni giungeranno impreparate ai catastrofici imminenti eventi di questo 2009 infuso ancora nell’omertà astronomica”: la rivelazione di Nibiru risulta quindi irrinunciabile.

Allego alla presente diffida verso XXX XXX e aderenti, sostenitori e simpatizzanti del XXX e XXX, per Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Roma e per tutti gli intestatari di questo documento, copia degli Esposti ex novo continuatio itinere del 26 settembre 2009 e del 10 settembre 2009, consegnati al Procuratore della Repubblica di Varese e ad altri importanti intestatari; copia della “richiesta di Santa Processione delle spoglie di San Leone Guerriero Martire, Sant’Imerio Martire e San Gemolo Martire per ricorrere Loro a tutela dagli effetti dei cambiamenti climatici”, consegnata il 02 aprile 2009 al Prefetto di Varese, ad Amministratori ed Ecclesiastici; copia dell’Atto di Querela per diffamazione intentata contro il Direttore del Dipartimento per l’Informazione e la Sicurezza (DIS) Giovanni De Gennaro detto Gianni De Gennaro del 27 ottobre 2008, consegnato a Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Roma e ad altri importantissimi intestatari a partire dal 28 ottobre 2008; copie delle 5 lettere inviate dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) al sottoscritto Gennaro Gelmini il 08 settembre 2006, il 30 gennaio 2008, il 29 ottobre 2008, il 29 luglio 2009 e il 01 novembre 2009, quest’ultima con la sua busta riportante la dicitura “Priority A”.

Ora ci siamo. Distinti Saluti.

 

Roma, 27 novembre 2009, venerdì

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

 

 

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese – tel. 0332/232143.

e-mail: gennaro.gelmini@email.it – sito internet http://gennaro-gelmini.over-blog.it

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
22 novembre 2009 7 22 /11 /novembre /2009 10:40

NASA-5.jpg
"Priority A". La lettera della soprapostata foto mi è appena giunta da parte della National Aeronautics and Space Administration (NASA).
Cosa contiene?
Dovete sapere che gli Enti Spaziali, i Servizi Segreti e i Governi di quasi tutto il mondo sono convinti che nel caso di una catastrofe planetaria la rete internet è quella cui potremo affidarci per continuare a tenere senza intoppi le nostre relazioni interpersonali, quindi mi hanno fatto pervenire una loro e-mail presso la quale dovrò continuare a contattarli. Capita anche che preferiamo spedirci lettere cartacee giacché abbiamo corrieri fidati per far recapitare le nostre missive senza che "Servizi" non autorizzati possano intercettarle in alcun modo, ed è la quinta lettera che ricevo dalla NASA; il mio recapito è segnato al 276 anziché al 216, un errore dovuto al fatto che io scrivo a loro parte delle mie lettere, i miei dati, a mano, ottima cosa per non farsi intercettare, ma avendo in precedenza scritto 216 con a linetta alla base del numero 1, esso poteva sembrare un 7, cose che possono capitarci, siamo umani anche noi, ma questo non è un problema per il mio corriere che ben conosce dove abito, avvalorando ancor più l'autenticità di tale lettera, in quanto se ne avessi postata una falsa sicuramente avrei provveduto a mettere un indirizzo correto.
Perché Priority A?
Significa che è una lettera che doveva essere consegnata con la massima sollecitudine, guarda caso subito dopo aver istallato internet a casa (prima andavo all'internet point) e poco prima che obama prenda la parola, ma allora cosa significa, che il Presidente degli Stati Uniti d'America Barak Obama ci dira tutta la verità, si? Caro Presidente Obama, noi siamo con lei, ci dica la verità, non si faccia piegare da nessun potere occulto, pensi a noi come a dei fratelli, e a dei fratelli si racconta tutto. Sentitamente concludo scrivendovi che, onde mantenere rapporti unilaterali, me medesimo Gennaro ho iniziato nelle scorse settimane nuovi contatti anche con il Presidente della Federazione Russa Dimitrij Medvedev.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 novembre 2009 6 21 /11 /novembre /2009 17:32
La notte appena trascorsa hanno riattivato l'accelleratore dell'Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (CERN), messo fuori uso all'inizio del corrente mese di novembre 2009 da una briciola di pane persa da un uccello (voegel in tedesco): cosa lo fermerà stavolta, considerando che non c'è 2 senza 3? In precedenza persone preoccupate da questi esperimenti erano state derise asserendo che tutto aveva funzionato, ma funzionato cosa? Finora nessun esperimento è stato condotto a buon fine nell'accelleratore suddetto.
Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 novembre 2009 6 21 /11 /novembre /2009 17:24

Sono d'accordo anche io che bisogna sperare che non accadano eventi drammatici, ma occorre anche render conto degli eventi che sempre più repentinamente stanno accadendo, l'8 novembre 2009 due terremoti di magnitudo 3° e 4° Richter sono avvenuti in Sicilia e si sono risvegliati i vulcani Etna e Stromboli; il 10 novembre 2009 una frana ha investito il paese di Casamicciole Terme (Isola d'Ischia, provincia di Napoli); il 20 novembre 2009 un'alluvione, come non se ne erano mai viste in quella zona, ha colpito il nord dell'Inghilterra, cadendo nel corso di poche ore ben 25 centimetri di pioggia, e, come se non bastasse, fino alle scorse settimane uragani, tifoni e tornado fuori stagione hanno continuato a flagellare l'America e l'oriente,  in Italia a Catania si sono raggiunti nei giorni scorsi i 27° centigradi, un segno inequivocabile per chi crede in Nibiru, che si trova sempre più vicino alla nostro amato pianeta Terra, ma ancora non ci rivelano la verità, attendiamo con impazienza il prossimo periodo della rivelazione senza più indugi possibili.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
20 novembre 2009 5 20 /11 /novembre /2009 07:08
Una mattina dell’inverno 1997/1998 io e mio padre Giancarlo ci recammo in un paese di montagna a trovare una mia amica che, in quei giorni, aveva collaborato con gli abitanti del luogo per allestire un carro di carnevale sormontato da un’enorme gallina di cartongesso dal lunghissimo collo. Partecipammo con gradimento alla festa rallegrata fin anche da una banda musicale e da adulti e bambini travestiti. Al pomeriggio salutammo la mia amica e seppur sconsigliatoci dall’alimentarista ove comprammo due panini, ci addentrammo nel bosco a sud est del paese seguendo un sentiero che ci avrebbe condotto in un altro centro abitato, distante, in periodo di buona percorribilità del tragitto, 3 ore e mezza, ma, mentre il camminamento era, per lunghi tratti, impaludato e allagato da numerosi torrenti alimentati anche dal ghiaccio che sovente lo ricopriva, si fece buio pesto, notte fonda, mentre noi lo seguitammo ugualmente verso la meta, giungendo ad un alpeggio,denominato Alpe della Croce, disabitato in quella stagione, dove mio padre consigliò di ivi rimanere per trascorrere la notte; la selva era però popolata da numerose insidie e non facendo presto ritorno a casa mia madre si sarebbe impensierita. Decidemmo allora di tornare indietro sui nostri passi verso il paese d’inizio del nostro cammino e siccome mio padre nulla vedeva, lo guidai tenendolo per mano, finché, dopo una manciata di minuti, come guidato, deviai, con appresso mio padre, verso una radura ove vedemmo in cielo, a non più di 100 metri in linea d’aria, una sfera luminescente molto grande, rotante su se stessa e viaggiante a non più di 5/10 chilometri orari, che ci fece esclamare la sua natura aliena (un ufo!); la palla, in breve tempo, meno di 20 secondi, scomparì dietro la cresta di un vicino monte e immediatamente dopo, volgendo lo sguardo alla nostra sinistra, vedemmo a circa 20 metri da noi il primo palo del paese in cui dovevamo far ritorno; potete immaginare la nostra incredulità di fronte all’evento, essendo già colà arrivati: come era possibile se l’alpeggio in cui il nostro cammino si era arrestato, era distante 3 ore dal paese di partenza dell’escursione, ove però, in così pochi minuti, ci ritrovavamo? Ci avevano portato gli angeli a destinazione? Addentrandoci 200 metri all’interno del paese, entrammo in un albergo, fungente anche da bar e ristorante, in cui devo ammettere che si mangia molto bene, e chiedemmo se aveva delle camere libere ove trascorrere la notte, ma non vi erano poiché il servizio hotel di quel locale era solo stagionale, limitato ai mesi meno freddi; essendovi poi in quel luogo un telefono pubblico comunicai a mia madre di non impensierirsi, presto o tardi avremmo fatto ritorno a casa e, poco dopo, il proprietario del ritrovo ci chiese se vi fosse qualchedun nostro conoscente che avesse potuto ricondurci a casa con un auto, onde poterci far trascorrere più agiatamente la notte, ma noi gli replicammo che non vi era persona, in quanto l’unico automunito nei paraggi che avesse potuto farlo, un mio zio in ferie a casa nostra, si era importunato una gamba il giorno addietro al palaghiaccio mentre pattinava; ci domandò allora come mai, noi forestieri ci trovavamo in quel luogo, a quell’ora, senza una vettura, giungendo quindi il momento quindi il momento in cui gli raccontammo la nostra avventura, compresa la parte riguardante la sfera lucente: a quel punto il nostro interlocutore fece un inequivocabile gesto di scaramanzia e provvide a farci accompagnare prontamente a casa da una gentile persona provvista d’auto. Il giorno dopo telefonai alla mia amica del paese di montagna e, subito dopo avermi risposto, mi novello che della gente, in quel paese, osservava la notte strane luci nel bosco, di cui si discorreva fossero aliene, e che lei conosceva l’esatta posizione ove esse, tal volta, giungevano a posarsi, e io, a quel punto, gli risposi raccontandole tutta la storia mia e di mio padre della passata notte. La cosa però più importante di codesta storia rimane però l’ulteriore prova che i Divini ci vogliono così tanto bene da non lasciarci mai soli nel momento del bisogno.
Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
15 novembre 2009 7 15 /11 /novembre /2009 10:08

Obama potere contro potere. Premettendo che ho stima di barak Obama fin da quando ancora non si intravedeva una sua sicura candidatura per la Presidenza degli Stati Uniti d'america, il titolo di quest'articolo è dovuto, giacché i potenti della Terra che ben conoscono gli extraterrestri stanno sempre più ammettendo la loro esistenza, sapendo che nel futuro prossimo le creature di altri pianeti invaderanno pacificamente la Terra e seppure me medesimo Gennaro Gelmini vado dicendo di queste cose a voce, nei miei scritti e nei miei video da tempo ormai, non sarà ammesso più lo scetticismo quando i già menzionati potenti della Terra dovranno ammettere la verità, intanto però il potere degli scettici, che hanno contatti con i potenti della Terra, ma che nulla sanno di ciò che loro nascondono, inconsapevoli continuano ad affermare su talune trasmissioni televisive, in Italia come in tutto il Mondo, in pratica che la verità è falsa, ma in aiuto alla verità arrivano i fatti: i potenti della Terra ben sanno che non possono permettere che degli extraterrestri invadino la Terra e rimangano nostri ospiti senza che l'Umanità sia avvisata in precedenza.
Gli extraterrestri arriveranno con sentimenti d'amicizia e fraternità, sono esseri benevoli, ed ecco che giustamente Barak Obama prenderà la parola il 27 novembre 2009, cioè tra meno di due settimane a partire da oggi 15 novembre 2009, e in una conferenza stampa farà delle rivelazioni riguardo gli extraterrestri che saranno di primaria importanza, a cui tutti dovranno, per forza di cose, credere.
Barak Obama, siamo tutti con te, fai sapere la verità senza nulla nascondere, non farti piegare da nessuno scettico o consapevole ma interessato a nascondere tutto: Mister Barak Obama, voi potete, voi dovete, dirci la verità, ora.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
31 ottobre 2009 6 31 /10 /ottobre /2009 13:43

Ora ci siamo. Nibiru è sempre più facilmente visibile da tutto il mondo, Italia compresa, occorre avere solo un filtro solare poiché è visibile di giorno. Visualizzate su you tube gli ultimi video, postando in cerca Nibiru Padova.
Non è un riflesso, in quanto un riflesso non si vede sempre, sempre, sempre fisso rispetto il Sole, ma cambia posizione di volta in volta.
Nella foto, possiamo ammirare  in basso a sinistra parte del disco solare, e poco più in alto in senso obliquo il pianeta Nibiru.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
31 ottobre 2009 6 31 /10 /ottobre /2009 12:50

Torino, 28 giugno 2007, giovedì

 

 

All’ Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia

(UNICRI), Torino

 

 

Oggetto: aggiornamento alla lettera presentata in data 08 novembre 2006 al suddetto Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino e, per conoscenza, ad altri numerosi intestatari, recante “richiesta di comunicazione a tutta la popolazione mondiale, del pericoloso influsso gravitazionale esercitato dal pianeta conosciuto con i nomi di Sedna, Xena, Eris e con la sigla 2003 UB 313, causante sul pianeta Terra l’ aumento di terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado e uragani, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate e siccità, in modo da metterla in condizione di potersi salvaguardare”.

 

 

e per conoscenza:

 

 

Al Procuratore della Repubblica della sezione di Torino

 

 

Al Procuratore della Repubblica della sezione di Varese

 

 

Al Ministro dell’ Agricoltura e delle foreste

c/o Ministero dell’ Agricoltura e delle Foreste, Roma

 

 

Al Ministro dell’ Economia e delle Finanze

c/o Ministero dell’ Economia e delle Finanze, Roma

 

 

Al Dirigente dell’ ufficio di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera

del Ministero della Salute della sezione di Genova, Dott. Massimo Lobrano

 

 

Al Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Monsignor Angelo Bagnasco, Vescovo di Genova

 

 

Al Grande Oriente d’ Italia (GOI), Roma,

Collegio dei Maestri Venerabili del Piemonte e della Val d’ Aosta, Torino

e Collegio dei Maestri Venerabili della Lombardia, Milano

 

 

All’ Ordine Equestre del Sacro Sepolcro di Gerusalemme

Luogotenenze di Roma e Milano

 

 

All’ Associazione Sacerdoti Lavoratori Sposati,

Chia (VT)

 

 

Ai Presidenti delle Regioni Piemonte e Lombardia

 

 

Ai Presidenti delle Province

di Pisa e del Verbano Cusio Ossola

 

 

Al Direttore del Parco Nazionale della Val Grande,

Verbania Pallanza

Al Direttore dell’ Istituto di Biometeorologia (IBIMET),

Prof. Giampiero Maracchi, Firenze

 

 

All’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia,

sede di Roma e sezioni di Pisa, Napoli e Catania

 

 

All’ Ente per le Nuove  tecnologie, l’ Energia e L’ ambiente (ENEA)

presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), sezione di Ispra (VA)

 

 

Ai Sindaci dei Comuni di

Ispra (VA), Lozza (VA), Pisa, Rapallo (GE) e Verbania

 

 

Al Direttore dell’ Accademia dei Lincei di Pisa

 

 

Alla Polizia Locale dei Comuni di Pisa e di Varese

 

 

All’ Associazione “Il Silvestre”, Pisa

 

 

Al Servizio Monitoraggio Oggetti Spaziali (SMOS),

presso il Consiglio Nazionale di Ricerca (CNR) di Pisa

 

 

All’ Istituto Superiore di Fulminologia (ISF) di Varese

 

 

A Legambiente, sezioni di Roma, Milano e Varese

 

 

All’ Istituto Studi e Ricerche sulla Protezione Civile

(ISPRO), Roma

 

 

Alle trasmissioni televisive

Voyager di Rai Due, Rebus di Odeon Tv, Stargate di La 7 e Striscia la notizia di canale 5

 

 

All’ Office of Public Affairs care of

Central Intelligence Agency (CIA),

Washington DC, USA

 

 

Al Public Inquires Business Center care of

National Aeronautics and Space Administration (NASA) Headquarters,

Washington DC, USA

 

 

A chiunque, previa possibilità e salvo esaurimento

 

 

Gentile Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino, riguardo la “richiesta di comunicazione a tutta la popolazione mondiale, del pericoloso influsso gravitazionale esercitato dal pianeta conosciuto con i nomi di Sedna, Xena, Eris e con la sigla 2003 UB 313, (indicante un medesimo unico corpo celeste) causante sul pianeta Terra l’ aumento di terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado e uragani, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate e siccità, in modo da metterla in condizione di potersi salvaguardare”, presentata in data 08 novembre 2006 al suddetto vostro Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino e ad altri numerosi intestatari, tramite una lettera del sottoscritto Gelmini Gennaro, nato a Milano il 24 novembre 1974 e residente a Varese in Viale Valganna 216, rinnovo, con codesta nuova aggiornata missiva, il mio cimento, affinché venga riconosciuto e dichiarato, a tutta la popolazione mondiale, che i pericoli gravanti sul pianeta Terra sono da addebitarsi in massima parte all’ astro sopradescritto, conosciuto anche con il nome di Nibiru, piuttosto che ai pur sempre allarmanti, ma di minor portata, “effetto serra” e “buco dell’ ozono”.

Otto anni (8) ho passato con la mia ossequiante istruzione di decine di migliaia di persone, per l’ esattezza certamente più di 22.000, con l’intenzione di giungere a contattarne 25.000 entro il prossimo inverno 2007 / 2008, se necessario con un surplus a Ravenna, eppure solo dallo scorso anno 2006 giornali, televisioni ed amministrazioni varie si sono accorti che, parole testuali loro, “le previsioni catastrofiche non sono più una zoppa caricatura di qualche visionario”, e solo da pochi mesi ne discutono maggiormente seppure con insufficienza, prima la questione veniva relegata a colloqui informali e nulla più, il che bloccava e ghettizzava la possibilità di un’ azione concreta di gruppi di persone verso l’Umanità tutta, comportando la privazione da informazioni seriamente affermate.

Con l’ intenzione di sciogliere ogni possibile dubbio riguardo il perché io sottoscritto Gelmini Gennaro continui inflessibilmente a lottare per la verità astronomica che sempre più sta attanagliando il Mondo, stiate pur certi che io non compio ciò per conto di una di quelle sette o filosofie basate sul compenso economico, ricevuto apertamente o di nascosto che sia, poiché è cosa saggia attenersi a ciò che ci ha insegnato Gesù, e cioè che bisogna ricercare compensi in Cielo, e non in terra, affinché il nostro individuale tesoro in Cielo sia un forziere ricco di sentimentali tesori paragonabili solamente all’ amore per la nostra sposa/o fedele, e bene intesi che non intendo parlare di quegli amori momentanei, che io sono contento di non aver mai avuto per non lenire con un graffio l’ amore, ma di un travolgente unico grande amore per una moglie/marito che ci ami anch’ essa/o travolgentemente, come la mia amata Patrizia Gigli, addizionate in affidabilità verso il sottoscritto Gelmini Gennaro, una lettera di ringraziamenti, stampata su carta filigranata e con tanto di Emblema in evidenza, pervenuta a me medesimo da parte dell’ Headquarters della National Aeronautics and Space Administration (NASA), Washington, DC, recante testualmente scritto “Thank you for your inquiry to NASA” e anche “Thank you for your interest in America’s space program”, frasi che tradotte significano rispettivamente “Ti ringraziamo per la tua inchiesta sulla NASA” e “Ti ringraziamo per il tuo interesse al programma spaziale Americano”, ma come se ciò non bastasse, sono riuscito ad incontrare, dialogare e consegnare i miei scritti anche all’ Illustre Umberto Guidoni, l’ Astronauta dell’ ESA (European Space Agency), l’ Agenzia Spaziale Europea, che con uno Shuttle della NASA è riuscito ad attraccare e alloggiare nella Stazione Spaziale Internazionale, e non è certo cosa da nulla! Sia per me medesimo Gennaro Gelmini che per Umberto Guidoni.

Per poter meglio comprendere il futuro che ci accingiamo a vivere, occorre concepire la realtà senza negare l’ evidenza delle catastrofi che, seppure è vero che sono sempre accadute, occorre rendersi conto che esse sono in continuo repentino aumento, senza illudersi che tutte le giornate possano essere passate a farsi un bagno al mare gratuitamente alla spiaggia del castello di Rapallo (GE), contenti del vincolo che vieta l’ apertura di uno stabilimento balneare con i relativi costi per i bagnanti (fino a 25,00 € risparmiate, che in alcune altre località balneari arriverebbero a 50,00 €), nuovi eventi distruttivi attanagliano il pianeta Terra, quindi nulla è “tutto sotto controllo” come tendono ad informarci successivamente ad ogni catastrofe, allo stesso modo dobbiamo avere una visione di aspettativa maggiormente speranzosa riguardo gli ostacoli che ci attendono, poiché se prendiamo in considerazione le parole “fin du Monde” (scritto in francese per rendervelo meno tragico psicologicamente), ecco subentrare l’ idea che non vi è speranza, quindi conviene che non succeda nulla, e sarebbe la cosa migliore, ma bisogna rendersi conto che, se nulla accadesse, gli unici a trarne giovamento sarebbero, mi dispiace dirlo, chi ha intenzioni maligne, poiché non punire i reati equivale al reato di istigazione a delinquere, la violenza dei potenti contro la popolazione inerme, le guerre utilizzate per fare profitto, ma un identico grave errore, e tutti questi di cui scrivo sono veramente errori, consiste in ciò che ho quivi già accennato, l’illudersi di poter progettare la nostra vita per i prossimi vent’ anni, se non sappiamo neanche cosa vivremo oggi; nel primo caso vince la violenza, nel secondo la tragedia, siccome viene meno la preparazione psicoattitudinale di ogni individuo, finché giunge inesorabile la sorpresa, e per tutti, poiché chi come me si accorge che tutto sta andando a catafascio, viene messo alla berlina dalla gente e bollato come pazzo, malato, demente, schizofrenico, paranoico, psicopatico, scemo, folle, squilibrato, anormale, mentecatto, infermo, bacato, marcio, sofferente, guasto, ossessionato, e dalla società estraniato, ma, così compiendo, il conto giunge all’ improvviso e con un colpo maggiorato, difatti, ad esempio, due inverni addietro gli scienziati responsabili del progetto europeo di studio sullo scioglimento dei ghiacci in Antartide, denominato “EPICA”, rassicurarono la popolazione mondiale offrendole i primi risultati del loro progetto, che adduceva che nessuna catastrofe climatica era ipotizzabile, il clima sarebbe rimasto stabile per altri 15.000 anni (quindicimila anni!), ma questo serve solo a rallentare le coscienze della gente sui problemi astronomico – ambientali che ci attanagliano, un ennesimo grande obbrobrio, per fortuna che, secondo dati forniti dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA), tramite il loro ricercatore Robert Thomas, nell’ ambito di un progetto avviato dal Jet Propulsory Laboratori (JPL) e dall’ Università del Colorado (USA), ricavati da foto satellitari effettuate tra il 1999 e il 2005, un’ area di 400.000 KM2 sita in Antartide mostra evidenti segni di scioglimento dei ghiacci; la ricerca ha dimostrato che dal 2005 a tutt’ oggi, in quella zona che si sta liquefacendo, per prolungati periodi di tempo le temperature hanno raggiunto anche i +5°C, una “novità compiuta”, considerando quanto ha delucidato Konrad Steffen, Direttore dell’ Istituto di Scienze Ambientali del Colorado, poiché tale superficie antartica non aveva mai mostrato nel recente passato segni di scioglimento, ciò che sta succedendo è quello che io sottoscritto Gennaro Gelmini ho già in passato denominato “effetto frigo”, ossia che tutto il ghiaccio sciolto contribuisce a raffreddare l’ atmosfera, decretando delle correnti d’ aria e di acqua che ha tratti comportano degli improvvisi bruschi cali delle temperature, creando l’ effetto illusivo di un raffreddamento del Globo terrestre, mentre invece è la canicola ad aumentare continuamente, difatti se tempo addietro vi erano gigantesche alluvioni e grandi siccità molto raramente, oggigiorno alluvioni e siccità imperversano incessantemente a macchia di leopardo su tutto il pianeta Terra, come ad esempio identificano i dati del mese di giugno del 2007, giorni in cui vi erano in contemporanea: alluvioni in Cina, con 66 morti,500.000 evacuati e 50.000 abitazioni distrutte; in Blangadesh, con 115 vittime e 55.000 senzatetto; in Australia, su cui si sono abbattute le intemperie più violente degli ultimi trent’ anni, causanti 9 morti in diverse cittadine completamente inondate; in Gran Bretagna, la più mastodontica alluvione dal 1973 a questa parte; in Germania; in Romania; in California (USA), che è stata tempestata da un’ alluvione procurante soprattutto ingenti danni materiali, immediatamente successiva ad un protratto periodo estremamente siccitoso; il ciclone denominato Gonu imperversava in Oman ed in Iran, ambedue territori mai colpiti a memoria d’ uomo da un simile evento, provocando 73 morti e 24 dispersi in decine di villaggi rasi al suolo dalla furia dell’ acqua e del vento, giunto a soffiare fino alla velocità di 150 Km/h;  prolungate siccità interessavano l’ India, finché, all’ improvviso, una sterminata alluvione ha ivi causato 228 morti; il tutto dopo che fino a maggio del 2007 in Italia vi era stata la siccità, mentre da giugno 2007 imperversano a tratti diverse piogge torrenziali che hanno causato un' alluvione a Firenze, seconda in importanza solo a quella che già la colpì nel 1966, quando tracimò il traversante la città fiume Arno e una tromba d’ aria sull’ Heineken Jammin’ Festival 2007 (un famoso festival musicale), in sede di svolgimento a Venezia, con venti soffianti fino a 200 Km/h, sorta all’ improvviso facendo tabula rasa delle torri delle luci con annessi amplificatori, progettualmente installate per resistere a venti spiranti fino a 90 Km/h, interrompendo il festival e determinando un totale di 30 feriti, rammentandovi ancora che tutto questo riguarda solo le scorse settimane: compiendo calcoli che io sottoscritto Gelmini Gennaro ho già in passato supportato, nelle appena sovradescritte zone del Mondo or ora attanagliate dalle alluvioni, nel poch’ anzi trascorso periodo precedente vi erano protratte siccità che hanno attanagliato tali luoghi fino all’ attuale loro conclusione tramite il sopraggiungere di copiose piogge, che al loro cessare, per risucchio, velocizzeranno momentaneamente lo scorrimento delle faglie tettoniche, traendo da ciò vigore nuovi prossimi forti terremoti e/o eruzioni vulcaniche; difatti successivamente al presente periodo alluvionale, vi sarà tra breve tempo un novello periodo di forti terremoti ed eruzioni vulcaniche su tutta la Terra, accertato senza alcun dubbio dal suo preludio in cui, delucidandovene solo una rapida cernita, sono avvenuti i seguenti terremoti ed eruzioni vulcaniche: il 25 febbraio 2007 un’ effimera eruzione è principiata dal vulcano Stromboli; il 05 marzo 2007 un sisma di 4.8° R. è avvenuto nel centro del Mar Mediterraneo, uno di 3.7° R. nell’ Italia centrale ed un altro di 4.3° R. nella Grecia meridionale; il 06 marzo 2007 un terremoto di 6.4° R. ha devastato Padang, città capoluogo della provincia occidentale dell’ Isola di Sumatra in Indonesia; il 25 marzo 2007 in Giappone si e verificato il più forte terremoto in assoluto tra  tutti quelli ivi registrati, con una scossa di 7.0° Richter, causante un morto, 170 feriti, 40 case crollate e 200 lesionate; l’ 01 – 02 aprile 2007 un terremoto di 8.0° R. con relativo tsunami avente onde raggiungenti i 5 metri d’ altezza, si sono abbattuti sulle isole Salomone, site nell’ Oceano Pacifico, provocando almeno 12 vittime e numerosi dispersi, radendo al suolo molteplici abitazioni, talune delle quali situate anche a 200 metri dalla costa; nuove colate laviche continuano ad eruttare per brevi periodi ad intermittenza dalle bocche del vulcano Etna, una volta iniziando l’ 11 aprile 2007, un’ altra volta incominciando nella notte tra il 06 e il 07 maggio 2007; nel nord est d’ Italia una tromba d’ aria, che ha percorso la ragguardevole distanza di 150 Km dal paese di San Michele al Tagliamento, in provincia di Venezia, a quello di Manzano, in provincia di Udine, il 26 maggio 2007, causando un morto e nove feriti, ha raggruppato talmente tante nubi temporalesche da permettere di scaricare la mattina successiva, il 27 maggio 2007, 300 millimetri di pioggia torrenziale in sei ore su diverse decine di paesi siti sulla sua scia, il più colpito dei quali era Latisana (UD); un terremoto a largo della costa occidentale del Guatemala, nei pressi della località balneare “La Gomera”, di 6.8° R. il 13 giugno 2007, ha causato la distruzione di alcuni edifici e l’ evacuazione di altri; in Uganda è avvenuto un terremoto di 5.9° R. il 15 giugno 2007; per quanto riguarda gli Stati Uniti d’ America, sono avvenuti terremoti in Oregon, 4.8° R. il 29 aprile 2007, in Montana, 5.3° R. il 08 maggio 2007, e in particolare, per quanto concerne la California (USA), 5.4° R. a largo della sue coste settentrionali il 09 maggio 2007 e 5.0° R. il 12 giugno 2007, il primo avvenuto nell’ Oceano Pacifico, il secondo in una zona desertica, ma per via di queste omesse notizie, parrebbe da credere che nulla possa accadere in California, acclamato sito agricolo, turistico e cinematografico degli Stati Uniti d’ America, eppure, per quanto è successo negli USA a partire da maggio del corrente anno, a far nuovamente verifiche, si giunge alla sempre unica e condivisa conclusione, che in California presto vi sarà un movimento di faglia talmente improvviso, quanto gigantesco, tale da scatenare un fortissimo terremoto che loro identificano col nome di “Big One”, che già colpì nel 1906 le megalopoli di Los Angeles e San Francisco, ricostruite negli identici luoghi tramite la presa di coscienza che sarebbero dovuti passare altri 100 anni circa al prossimo “Big One”, trasferendo tale problema ai loro posteri invece di trasferire le città soprastanti faglie tettoniche, famose per aver già fatto scaturire numerosi terremoti, come la faglia di Sant’ Andrea, in zone maggiormente al riparo dai vari rischi geologici, ma ora che un secolo è trascorso, gli effetti di ciò che non si è antecedentemente deciso si risentiranno in un subitaneo nuovo futuro terremoto “Big One”, consone al continuo aumento nell’ accadimento di forti terremoti ed eruzioni vulcaniche un tutto il Mondo, Italia compresa, se escludete le consuete minimizzazioni, e a proposito di questo, vi è da considerare che l’ influenza gravitazionale di Sedna, Xena, Eris, Nibiru, 2003 UB 313, nei confronti del Sistema Solare e quindi, del pianeta Terra, è in continuo graduale aumento, poiché continua ad avvicinarsi verso i pianeti cosidetti “interni” del Sistema Solare, sempre più verso il suo perielio, creandosi però, in alcuni periodi, dei picchi sbilancianti nelle devastazioni che attanagliano la Terra, infatti alla distanza di 18 giorni da un’ eclissi anulare di Sole o totale di Luna, con l’ effetto identico ad un’ esigua scintilla per il gas, avvengono forti terremoti e/o eruzioni vulcaniche sulla terra, oltre ad essere venuto recentemente a conoscenza del calcolo che tra le due settimane e le due settimane e mezza di distanza dal lancio e dal rientro sulla Terra di navicelle spaziali, sul nostro pianeta avviene un forte terremoto e/o eruzione vulcanica.

Discutendo di codeste periodicità, occorre affrontare anche ciò che dalla televisione ci viene propugnato di tanto in tanto, ma molto raramente ed insufficientemente, concernente le antiche civiltà dell’ America precolombiana, in particolar modo riguardo i Maya, che adoperavano una misurazione del tempo, un calendario, addirittura più preciso di quello  indicante come data attualmente internazionale l’ anno 2007, poiché comprendeva anche i circa 11 minuti da aggiungere ogni 4 anni (l’odierno anno bisestile), che con quello presente non vengono calcolate: tale calendario era suddiviso in giorni ed anni come tutti gli altri, con l’ inizio dell’ anno in primavera, seguendo la logica dello sbocciare delle gemme nei vegetali e del risveglio letargico negli animali, con l’ aggiunta di cicli temporali estremamente lunghi dedicati agli Dei del fuoco, della terra, dell’ aria e dell’ acqua, molto affini ai 12 segni astrologici dell’ oroscopo greco, che secondo quanto dedotto e stabilito da alcuni studiosi, suggerisce il corrispettivo con il nostro calendario, dell’ anno 2012 come data di passaggio dall’ era del capricorno all’ era dell’ acquario, in realtà taluni di questi studiosi attendono con ansietà il 2012 sperando di potervi comunicare in tale data che le voci annuncianti cataclismi epocali erano solo frottole, poiché i Sacerdoti Maya erano gli unici conoscitori dei celati calcoli del loro calendario, e siccome praticavano sacrifici umani, ai tempi delle prime colonizzazioni europee in America furono tutti messi a morte e i loro scritti furono bruciati, mentre il resto della loro popolazione non era stata istruita in alcun modo, era analfabeta poiché così conveniva ai regnanti del loco per poterla mantenere assiduamente dominata, andando persa, così facendo, ogni possibilità di poter comprendere la scrittura Maya, le poche nozioni che ci sono pervenute ai giorni nostri, ci sono giunte tramite quanto erano venuti fortuitamente a scoprire i uomini di fatica dei Sacerdoti Maya e rivelato ai pionieri europei, cosicché la data del 2012 non è indiscutibile, è semplicemente la data più lontana nel tempo tra le diverse ipotizzate dagli odierni studiosi dei Maya, il che fa intuire che il veritiero momento di passaggio dall’ era del Capricorno a quella dell’ acquario sia da ritenere antecedente al 2012, pur in codesto scritto mantenendo le cognizioni di un indirizzo a carattere scientifico, smascherando così l’ intento illusivo degli scienziati poch’ anzi descritti, non certo per rovinargli la festa, ma perché sono in un continuo crescendo sfrenato i terremoti, le eruzioni vulcaniche, le alluvioni, i tornado e gli uragani, i maremoti e le onde anomale, i repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, le grandinate e le siccità che attanagliano la Terra, e non sono cose da poco, o qualcuno non è pronto ancora? I segnali di un cambiamento io sottoscritto Gelmini Gennaro li intravedo anche tramite le nuove intese tra la Chiesa Cattolica, l’ Ortodossa e l’ Anglicana, seppure, ripristinando Papa Benedetto XVI l’ antica norma secondo cui per eleggere il futuro Papa occorrerà la maggioranza sempre fissa dei due terzi degli elettori in Conclave, senza poterla travalicare come compiuto di recente, ci dovremo attendere, a mio avviso, elezioni Papali lunghe, complesse, litigiose e sofferte.

Le peggiori decisioni sbagliate sono però state decise durante l’ ultimo incontro degli 8 paesi più industrializzati del Mondo, il cosiddetto “G8”, svoltosi ad Eiligendamm in Germania, ove si è giunti all’ accordo di dimezzare le emissioni di anidride carbonica (CO2) nell’ atmosfera, per ognuna delle otto Nazioni aderenti, entro l’ anno 2050, cioè entro 43 anni, il che equivale ad un completo disinteressamento verso questa scottante faccenda, difatti vi è da notare che da tale incontro non è minimamente trapelato il sempre prodigo di record “buco dell’ ozono”, cioè la sempre più consistente diminuzione, l’ assottigliamento, del gas denominato ozono, presente negli strati alti dell’ atmosfera, che ha la facoltà protettiva, per il pianeta Terra, dai raggi ultravioletti provenienti dal Sole, che sopra l’ Antartide continua a produrre record di anno in anno, di cui, mentre negli anni scorsi se ne minimizzava il pericolo mediante studi che ne confrontavano la presenza sull’ anzidetto luogo, comparandoli con dati precedenti di soltanto sei mesi, invece che di un anno, che siccome durante le stagioni autunno/inverno si allarga mentre in primavera/estate si restringe, quindi, ad esempio, quando è primavera/estate nella parte settentrionale dell’ emisfero terrestre, sull’ Antartide il buco dell’ ozono ha la massima estensione, quando è autunno/inverno sempre nella parte settentrionale dell’ emisfero terrestre, sull’ Antartide si restringe, essendovi l’ estate antartica, cioè la stagione in cui, a quelle latitudini, il Sole non tramonta mai, ottenendo quindi, mediante dati truffaldini e rassicuranti proclami, la credibilità presso l’ opinione pubblica che tale buco si stesse restringendo, in quanto, sfruttando i suoi continui spostamenti ed evoluzioni, secondo cui, quando il buco dell’ ozono si restringe su di uno dei due poli, si allarga sull’ altro polo, continuando in realtà ad ingrandirsi sempre di più (altre delucidazioni a riguardo le troverete nella mia lettera del 08 novembre 2006): al “G8” hanno avuto la faccia tosta di far finta che il buco dell’ ozono non sia un cospicuo problema; in concomitanza a questo, Guido Bertolaso, Capo del Dipartimento della Protezione Civile italiana, aveva enunciato che l’ emergenza rifiuti nella regione Campania non era in una fase critica, era “tutto sotto controllo”, per poi dover sfuggire dalle ire dei Campani, inferociti dalla sua completa mancanza di risultati che risolvessero il problema: chi si vuol far aiutare da lui? Sembrano tutti convertiti alla difesa dell’ ambiente, ma rimembrando il recente passato, troviamo numerosissime testimonianze scandalistiche di come si rifuggivano i vari pericoli attanaglianti il pianeta Terra, che più che ricerche sembrano dei crimini contro l’ Umanità tutta, nell’ antichità per alcuni versi erano più evoluti dell’ uomo dicasi “moderno”.

Sono ben altri che, per propria utilità e tornaconto, la realtà dei problemi che ci sovrastano, in alcuni casi la minimizzano, in altri la nascondono, io scrivo con sincerità mista a rapidità, per cui, successivamente alla lettera consegnatavi l’ 08 novembre 2006 non ho atteso del tempo prima di conseguire un mio nuovo lavoro, difatti, in data 01 febbraio 2007, ho consegnato un nuovo Esposto al Procuratore della Repubblica della sezione di Milano e, in successione, al Ministro dell’ Ambiente, al Ministro della Difesa, a varie congregazioni ecclesiastiche Cattoliche, in cui ho continuato a trattare l’ argomento mio consueto della difesa della Terra dall’ incombente pericolo astronomico esercitato dal pianeta conosciuto con i nomi di Sedna, Xena, Eris, Nibiru e con la sigla 2003 UB 313, ed anche a contrastare l’ attività di un tale comitato avente nome CICAP, con sede a Padova e esercitante attività scientifico - educative, prettamente diseducative per la validità pari a zero dei loro discorsi, a Milano, eppure, per gli smisuratamente importanti scritti redatti dal sottoscritto Gelmini Gennaro, mentre in molteplici altre occasioni ho conseguito importanti risultati, in Procura a Milano sembra che i miei Esposti abbiano fatto le ragnatele, forse perché ho scritto la verità in maniera talmente palpabile che i meno preparati non ci hanno creduto, mentre gli altri hanno preso una strizza, difatti non lo dico tanto per dire: dovete sapere che l’ indirizzo di Romano Prodi a Bologna non me lo ricordo più, mi sono ricordato invece dell’ indirizzo di Silvio Berlusconi, ma non quello della sua villa di Arcore (MI), dove per motivi di sicurezza vi giunge di rado, siccome conoscono tutti ove è ubicata e ha il giardino troppo grande per essere adeguatamente controllato la notte, ma quello della sua villa di Milano, avente un esiguo giardino, ultraprotetta, con una lastra d’ acciaio verniciata di nero al posto di un comune cancello, dietro cui è posizionato un vetro antiproiettile, e con annesso rifugio antiatomico avente l’ entrata principale sita sul lato destro della costruzione, villa la quale Silvio Berlusconi vi fa sovente ritorno nei fine settimana; così, senza paura di essere osservato dalle numerose telecamere e da guardie armate, dato che tanto ormai già me ne ero abituato ai tempi in cui facevo politica nelle Amministrazioni Comunali, ho ivi consegnato i miei scritti con la richiesta di farli leggere a Berlusconi, difatti Silvio, prima di andare a Vicenza sabato 19, si è recato in codesta sua villa venerdì 18 maggio 2007, data in cui le cronache ufficiali hanno dato notizia di un suo malore cardiaco, e per poco non gli era venuto un infarto, esistendo l’ elevata probabilità che si sia sentito male ad aver letto i miei preavvertenti scritti astronomici, per cui, in effetti, si è potuto costatare che è cosa indubbiamente opportuna che io sottoscritto non divaghi da un approccio scientifico riguardo il pianeta Nibiru, affinché sempre più persone credano nella reale causa che così repentinamente sta trasformando l’ assetto della Terra, mentre per quegli ulteriori particolari che apportano timori facenti nascere malori o incredulità (quest’ ultima tal volta psicologicamente acquisita a protezione da infartuanti malori), che potrebbero inibire diverse persone dal seguitare la verità, poiché troppo scioccante per loro, seppure è vera in tutto e per tutto, e continuare a sparlare del sottoscritto, ho in tal maniera pianificato che di questo extra faccia occupare un’ agenzia governativa che in passato avrebbe potuto disinteressarsene, ma da quando, due mesi addietro, è stata incaricata dalla Commissione Intelligence della Camera del Governo degli Stati Uniti d’ America, Grazie soprattutto ai voti e alla buona volontà dei Democratici, di interessarsi dell’ ambiente, poiché, riferendovi tale e quale quanto è stato deciso, i mutamenti climatici, le inondazioni, i terremoti e le carestie, con correlati possibili spostamenti emigranti di milioni di persone, sono una minaccia alla sicurezza nazionale USA: or ora, con ciò che in quelle pagine dello scorso 01 febbraio 2007 ho esplicitamente riportato, potete star certi che richiameranno, sensibilizzandole, quelle maestranze distratte del Ministero della Difesa, del Ministero dell’ Ambiente, delle Procure di Milano, Varese e Busto Arsizio (VA), che hanno finora impunemente lasciato alle ragnatele e alla polvere i miei inestimabili scritti, tra cui quelli con scottanti particolari lampanti, dandogli degli immensi grattacapi, facendogli il terzo grado su come sia possibile che realtà così terribilmente pericolose siano state in tal modo dimenticate, quest’ agenzia non è una nullità, non sto scrivendovi idiozie, è la Central Intelligence Agency, la CIA, che certo, lo so benissimo che loro già conoscono le verità di cui io tratto, ma di certo mai ne hanno avuto notizia nell’ avvolgente maniera in cui io sottoscritto Gelmini Gennaro la espongo, e ben venga che la CIA sua subentrata nelle mansioni in quello che prima trattava soprattutto la Federal Emergency Management Agency (FEMA), affinché i pericoli astronomico-ambientali siano trattati con la dovuta serietà che la vicenda in se impone (andatevi a rileggere la pagina 3 della lettera del 08 novembre 2006 per maggiori ragguagli), oltre a consegnare il mio scritto del 01 febbraio 2007 anche alla National Aeronautics and Space Administration (NASA) poiché anche loro sono degli “addetti ai lavori” che comprendono benissimo la mia missione riconoscente la verità, affinché talune informazioni aiutino a gestire con più novizia di forze i problemi e le soluzioni che ci attanagliano, considerando che tra questi problemi, che ci crediate o no, vi sono anche quelli relativi alla scia di Sedna, Xena, Eris, Nibiru, 2003 UB 313, la cosidetta “Coda del Drago”, la scia cometaria composta da meteore, che risulta un pericolo per il Mondo, in quanto taluni di questi componenti possono cadere sulla Terra sotto forma di meteoriti, cosa di natura più che logica, oltre che veritiera, dato che tale pianeta, sminuito volutamente al ruolo di planetoide e avente caratteristiche similari anche ai corpi celesti del tipo cometa e nana bianca (come approfonditamente scritto nella lettera del 08 novembre 2006) è vacante nello spazio, oltre al verificarsi di tempeste magnetiche sempre più frequenti e di sempre maggior intensità.

Chi ipotizza che io sottoscritto Gelmini Gennaro abbia desideri di protagonismo, sappia invece che io e la mia fidanzata Patrizia Gigli siamo devoti a Gesù e al Papa: Patrizia voglio abbracciarla una volta ogni ora e per un’ ora ogni volta, Gesù e il Papa li amiamo ogni qual volta compiamo una buona azione.

Per ulteriori informazioni scientifiche riguardo Sedna, Xena, Eris, 2003 UB 313, noto anche col nome di Nibiru, è sufficiente rileggere la mia lettera di torino del 08 novembre 2006.

Allego alla presente lettera, per l’ Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino e per tutti gli altri intestatari che la riceveranno, osservandole in senso orizzontale, dall’ alto in basso e da sinistra a destra, le immagini illustranti: i terremoti avvenuti negli Stati della California e del Nevada (USA) il 13 maggio 2007 e nella precedente settimana; un’ originale raffigurazione su pietra del calendario Maya; il terremoto avvenuto il 06 marzo 2007 nella città di Padang in Indonesia; i terremoti avvenuti nel Mondo il 09 maggio 2007 e nelle due settimane precedenti; il ciclone Gonu 20 giorni addietro oggidì; la città di Los Angeles in gran parte devastata dal terremoto “Big One” del 1906; io sottoscritto Gennaro Gelmini in un amichevole abbraccio con Umberto Guidoni, astronauta dell’ European Space Agency (ESA); un’ originale statuetta Sumera; i terremoti avvenuti sulla Terra il 09 marzo 2007 (immagine posta di traverso per esigenze di spazio) e nelle due settimane precedenti; i terremoti avvenuti nel Mondo il 13 maggio 2007 e nelle due settimane precedenti. Inoltre consegno, per l’ Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino e per gli altri intestatari di questa lettera che non l’ abbiano già ricevuta o che la richiedano per motivi d’ ufficio, copia della lettera datata 08 novembre 2006, consegnata all’ Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) di Torino e ad altri importanti intestatari, con annesse foto allegatevi e, solo per la Central Intelligence Agency (CIA) e la National Aeronautics and Space Administration (NASA), copia dell’ Esposto datata 01 febbraio 2007, consegnato alle Procure della Repubblica delle sezioni di Milano, Varese e Busto Arsizio (VA), ai Ministeri dell’ Ambiente e della Difesa di Roma e ad altri ragguardevoli intestatari.

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

   

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese - telefono
0
3
3
2
2
3
2
1
4
3

 
La precedente lettera di torino la potete visionare in questo sito al titolo "Sacra Sindone Gesù Torino 2006".

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
27 ottobre 2009 2 27 /10 /ottobre /2009 19:06

San Pietroburgo: quasi nessuno è al corrente dell'esistenza di una collezione di feti dello Zar di Russia.
Di tale collezione non vi è traccia di foto o video, essa è mantenuta nel riserbo ... è costituita da decine di feti abortiti umani e animali, la cosa che più sconcerta è che sono tutti deformi, alcuni ritenuti di cani, sembrano più di Cupracabra, e quelli ritenuti umani, chi con due teste e chi visibilmente in altra maniera deformi, sembrano essere, almeno per taluni di loro, dei feti abortiti di abdactions, degli ibridi uomo-alieno.
Mi avevano detto: "tu sei l'unico che può riuscire a scattare quelle foto".

La collezione apparteneva allo Zar di Russia Pietro il Grande, fondatore della città di San Pietroburgo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
27 ottobre 2009 2 27 /10 /ottobre /2009 19:05

Windows Vista file Word:

si ha qualche problema, per chi non conosce il programma, a trovare il modo di stampare, giacché non esiste l’icona con raffigurata la stampante; per stampare dovete ciccare su di un minuscolo trattino con freccetta posto in alto nella barra del menù.

Di pagina in pagina io già stampo su carta questo mio sito poiché trascrivendolo su carta si ha la certezza che esso abbia la possibilità di salvarsi per millenni, siccome vi è a certezza storica che taluni libri antichi siano riusciti a scampare alle ire del tempo, mentre non vi è la certezza scientifica che su supporti magnetici esso possa salvarsi nel tempo senza smagnetizzarsi, per ovviare a questo problema si possono effettuare back-up dei file, cioè copie dei file, ma occorre che qualcuno faccia le dovute copie magnetiche di decennio in decennio.

Stampate questo sito per realizzare un libretto da poter tenere nell’archivio della vostra libreria, sappiate che l’energia impiegata per quei fogli che andrete a stampare è di molto inferiore all’energia che si impiega tenendo acceso in computer, inoltre, mentre lo sfondo di questo sito vi appare scuro, sappiate che ciò è fatto apposta onde concedervi di risparmiare sull’elettricità e per affaticare di meno i vostri occhi, ma quando lo stamperete lo sfondo apparirà bianco e gli articoli risulteranno di formato pagina.

Il mio numero di telefono fisso di casa talvolta, per un giro di automazioni internet, non appare nella stampa, cosicché tal volta ve lo posterò in senso latitudinale; il mio telefono è:
0
3
3
2
2
3
2
1
4
3

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito