Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
19 settembre 2010 7 19 /09 /settembre /2010 10:37

 

Nibiru-telescopio-1.jpgNibiru telescopio 2

Di Nibiru vi sono numerosi articoli su questo sito, ora vi ho pubblicato un video e 2 nuove foto realizzate da dei miei amici; di Nibiru vi avevo già descritto quanto sia difficile poterlo avvistare, ora però, riprendendo con un filtro solare per l’appunto il Sole, mentre per una parte dell’obbiettivo questo filtro viene sminuito, noterete la sagoma di un corpo tondo, che è Nibiru! Le soprapostate foto sono state scattate il giorno 06 settembre 2010 alle ore 08:40 del mattino, quando il Sole è ancora basso sulla linea dell’orizzonte, difatti, quando la luce solare è ancora soffusa, ovvero all’alba e al tramonto, Nibiru risulta più facilmente visibile.

Ormai  ci devono dichiarare la verità riguardo l’esistenza e la pericolosità di Nibiru; vorrei ancora una volta sottolineare alle Autorità che solo tramite l’ufficializzazione di questa verità tante persone come il sottoscritto Gennaro Gelmini verranno finalmente tolte dal diffamante bersaglio quotidiano di individui che combattono questa realtà dei fatti al solo scopo di non volerla vedere, sebbene tra poco non potranno più non vederla, chi combatte affinché la verità di Nibiru venga proclamata deve essere tutelato, mentre agli altri fate comprendere quanto siano in errore, che così ottemperando è un bene anche per loro.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
19 settembre 2010 7 19 /09 /settembre /2010 10:35

Leggete prima di giungere a conclusioni affrettate, grazie.

Avevo 6, al massimo 7 anni, un giorno in cui stavo giocando con le macchinine sul mio balcone al 4° piano di una palazzina di via Benevento numero 3 a Milano, mentre vidi in strada un bambino dell’apparente età di 3, al massimo 4 anni, che passeggiava assieme, mano nella mano, ad un uomo anziano; ad un certo punto questo bambino saluta quest’anziano ed entra nel giardino sottostante il palazzo, chiamandomi così “ehi tu, vieni giù”, al che io gli domando per l’appunto “io?” e Lui mi risponde “si, tu, vieni giù”, quindi vado da mia madre dicendole che andavo a giocare in giardino e lei acconsentì credendo che mi dovessi incontrare col figlio dei vicini di casa, invece no, questo bambino con gli occhi azzurri e i capelli biondi neanche mi precisa come si chiama e mi dice “dai, giochiamo, tu fai Gesù sulla Croce, mettiti lì (indicando di mettermi più in alto sul cordolo delimitante il vialetto pedonale), mentre io faccio il gesto di buttarti delle pietre”, ribattendo io “ma che gioco è?” e Lui “non preoccuparti, tu fai quello che ti ho detto” e mi fa pure sistemare bene in posizione dicendomi “alza ancora un poco le braccia”, le parole le ricordo ancora bene perché questa esperienza è una pietra miliare della mia vita, poi Lui fa il gesto di lanciarmi delle pietre, dicendomi dopo poco una frase del tipo “vedi com’è brutto”, cioè è brutto agire così; successivamente, anche se io gli domandai “ma che gioco è questo? Non è un bel gioco”, si mise Lui nella posizione di Gesù sulla Croce, dicendomi anche “vedi, così”, facendomi capire che le braccia andavano posizionate non proprio parallele, ma lievemente a V, e continuando con “ora lanciami le pietre” e io ancora “ma non è un bel gioco” e Lui “tu fai il gesto di lanciarle”, così feci quel gesto e lui mi rispose “vedi, non è bello” e io di risposta “eh, difatti” e Lui, togliendosi dalla posizione di Gesù sulla Croce e venendomi vicino, mi disse “e allora vai tutte le domeniche a Messa”; in quel mentre sopraggiunse l’anziano e senza che lo chiamasse, Lui subito gli andò incontro e nuovamente mano nella mano se ne andarono e Lui mi salutò semplicemente con “ciao”, sia verbalmente che col gesto della mano, ma mai più lo incontrai, chi era quel bambino e come si chiamava? Non lo rividi mai più, eppure quando vado alla Santa Messa, vedendo Gesù scolpito sulla Croce, mi sembra nei lineamenti di rivedere quel bambino, non so, c’era qualcosa nei suoi tratti somatici che somigliava a Gesù e non solo, il bambino Gesù di tante raffigurazioni in braccio a Maria sua madre e madre di tutti, la Madonna, sembra proprio quel bambino che incontrai, ma, ripeto, chi era quel bambino e come si chiamava? Non lo rividi mai più, ma alla Santa Messa c’è sempre Gesù che attende tutti noi, fidatevi di Lui e quel bambino forse era proprio Lui, Gesù. E quell’uomo anziano chi era? San Pietro?

Or dunque, con quelle parole sono cresciuto, ma non ho mai potuto prendere i Voti per diventare Parroco poiché, vedendo quanto si amavano i miei genitori non concepivo quell’imposizione di dover rimanere senza moglie, d’altra parte perché, le perpetue, le donne che aiutano i Parroci, non aiutano in Parrocchia? Anche loro possono portare la parola di Dio a tutti. Gesù ha detto di lasciare tutto e tutti e seguirlo, ma questo può valere per quando si è in missione, mentre non ha detto di non sposarsi; stessa cosa l’ha detta San Paolo, ma lui, nella condizione in cui si trovava, di recluso, in una villa Romana e al carcere Marmentino di Roma, in attesa della sentenza di condanna, che già preannunziava la morte, non poteva di certo desiderare di lasciare subito vedova la sua compagna; stessa cosa l’ha detta San Carlo Borromeo, ma lui era un Nobile, e il suo desiderio di tornare a ribadire il celibato per il clero nasceva anche dalla volontà di ribadire il distacco della Chiesa dagli domini ereditieri Nobiliari. Completo questo mio discorso con quanto ho postato al link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-gesu-sta-arrivando-madonna-di-gavirate-54677000.html

Or dunque, proprio per questo motivo, per pensare alle cose buone, mi impegnai nella tutela ambientale, aiutando mio fratello nelle denunce che presentava per conto del WWF, prima di inserirsi a titolo gratuito come Guardia Ecologica Volontaria del Parco Campo dei Fiori; successivamente, per tutelare l’ambiente in maniera diretta, militai nella politica locale, fino ad essermi candidato Sindaco del Comune di Marzio a giugno 1999: già prima delle elezioni ebbi il contatto con gli extraterrestri che mi fecero conoscere il futuro del Mondo e la mia nuova missione, e fa nulla se non mi hanno eletto Sindaco, avendo svolto attività in campolaico, ora i miei ex colleghi mi credono, così sono contento per loro che quando la verità di Nibiru sarà ufficializzata, non ne rimarranno sconvolti, e per me, la certezza che gli extraterrestri torneranno in massa a visitarci risulta di grande sollievo sapendo per Fede che loro sono gli Angeli, non sono cattivi, sono amici! Non può essere reputata colpa a loro per l’enorme attrazione gravitazionale di Nibiru e, d’altra parte, alla loro venuta ci aiuteranno a cambiare la nostra economia, perché quella odierna sulla Terra è solo un’azzuffaglia per un tozzo di pane, mentre in futuro comprenderemo che siamo tutti fratelli.

Sono le stesse Creature extraterrestri che hanno deciso di manifestarsi a chi come Extraterrestri, a chi come Divinità, a chi come Angeli, ma il messaggio è sempre lo stesso, lo dico io da 11 anni e lo dicono tutte le persone di buona volontà, chi già prima di me e chi dopo di me ma il tempo non conta, l’importante è non fare passi a retroso sulla via della verità, i nostri amici extraterrestri stanno tornando, Gesù sta tornando, il Messia sta tornando, il vostro Dio del bene, con qualunque nome il vostro popolo lo abbia riverito, sta tornando e gli extraterrestri tutti torneranno! D'altronde non potrebbe essere diversamente, Nibiru si avvicina sempre più al suo perielio situato tra i pianeti Marte e Giove e gli Extraterrestri Annunaki, che abitano in cavità al suo interno, transitando così vicini alla Terra, hanno la cortese concreta benevolenza di farci visita.

Precedentemente a questo articolo per le stesse ragioni avevo pubblicato http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-donne-guerriero-amazzoni-valchirie-monastero-di-valle-christi-45704026.html

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
19 settembre 2010 7 19 /09 /settembre /2010 10:24

Terremoto. L’aggiorniamo noi la lista dei terremoti; Non ci vorrebbero far sapere nulla se solo potessero? Allora ce la caveremo da soli, d'altronde l’abbiamo già fatto per tante cose, nessuno ci aiuta, aiutiamoci quindi da soli; voglio fare una prova, a testimonianza di quanto sappiamo fare, nei commenti a questo stesso articolo vi invito a pubblicare una segnalazione dei terremoti che avverranno il 26 e 27 settembre 2010, scusate i miei alquanto strani articoli, ma è per spezzare presto il giogo delle catene imprigionanti la realtà dei fatti.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
14 settembre 2010 2 14 /09 /settembre /2010 12:05

Replicando ad Enzo Boschi, presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che aveva architettato di non pubblicare più per via informatica i dati sismici, poiché diceva che erano resi oggetto di speculazioni, Massimo Cialente, sindaco di l’Aquila, ha dichiarato: “non credo ci sia nessuno che speculi, c'è solo la fondata paura di un popolo stremato”, sventando come irragionevoli le accuse mosse dall’INGV, ma anche altri hanno avuto molto da dire riguardo lo scempio che si voleva fare della libertà d’informazione, il Commissario per la Ricostruzione post-terremoto, Gianni Chiodi ha detto “spero che gli studiosi dell'INGV e il Professor Boschi tornino sulla decisione di oscurare o ridurre il flusso delle informazioni legate agli eventi sismici di questi giorni, il professor Boschi avrà le sue buone ragioni quando parla di speculatori ma io dico che in primis bisogna guardare ai tanti terremotati dell'area aquilana che in questi giorni stanno vivendo attimi di angoscia, se c'è una richiesta di informazione continua da parte dei terremotati, significa che in questo momento la popolazione aquilana sente sulla pelle il pericolo di un altro evento sismico, non mi sembra che questo possa dare adito a speculazioni, questo atteggiamento di certo non aiuta una popolazione già di per sé stressata da una situazione di potenziale pericolo, il fatto poi, come sostiene Boschi, che si debbano costruire bene e con tutti i sistemi antisismici le strutture pubbliche e abitative, non fa altro che ribadire un concetto giusto, ma vivere con l'angoscia e la paura che da un momento all'altro possa arrivare un terremoto, è un'altra cosa”; questo nel mentre la più vigorosa sferzata l’ha data Mario Tozzi, ricercatore emerito del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è responsabile per la divulgazione della Federazione Italiana Scienze della Terra. Dal 20 novembre 2006 presiede l'Ente Parco nazionale Arcipelago Toscano, che ha detto: “Enzo Boschi deve andarsene dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, in tutti i Paesi del Mondo gli istituti di ricerca hanno come compito istituzionale quello di diffondere i dati, forse sarà il caso che al vertice della più grande istituzione di ricerca italiana nel campo della prevenzione degli eventi naturali a carattere catastrofico, ci sia un avvicendamento, in fondo Boschi sono ormai trent'anni che sta lì, forse è il caso di cambiare passo, nemmeno nella Corea del Nord si governa per trent’anni”.

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dopo quanto detto da Boschi, puntualizza: “l’INGV vuol continuare ad informare sistematicamente la gente dell'attività sismica in atto, però vuol farlo in maniera utile e non allarmistica, 24 ore su 24, per tutti i giorni dell'anno, tecnici e ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia mantengono in piena funzionalità la rete sismica nazionale e forniscono informazioni dettagliate estremamente precise sull'attività sismica di tutto il territorio nazionale, è l'unico Ente di ricerca che al Mondo svolge volontariamente questa attività, la rete sismica nazionale in questi ultimi anni, anche grazie a importanti contributi di Guido Bertolaso, ha raggiunto un livello di sensibilità mai verificatesi per una rete così estesa (oltre 300 stazioni); nell'ultima settimana abbiamo registrato 327 terremoti in tutta Italia”.

Segnalo inoltre che:

1) in un appartamento antisismico post-terremoto del programma CASE a Preturo in frazione Cese, due pensili e la cappa sopra i fornelli sono caduti, la signora e la figlioletta di due anni che lo abitano si sono rivolte al Municipio ed è stata già contattata dal Consorzio “ForCASE”, responsabile della progettazione degli alloggi antisismici, per un sopralluogo per verificare il corretto montaggio di tutti i mobili e gli arredi del suo alloggio;

2) la pagina dello Swiss Seismological Service per la visualizzazione della lista relativa ai terremoti recenti non più visibile è stata sostituita con quella al nuovo link http://www.seismo.ethz.ch/eq/latest/index_EN?list=w ; una nuova veste grafica comunque ridimensionata nell’aspetto (mappa sismica meno particolareggiata e meno bella) e nei contenuti (i terremoti di piccola entità in ambito globale, che possono dare adito a sciami sismici ben più gravi, sovente non sono menzionati, mentre prima lo erano) rispetto a quella precedente.

L’altro articolo riguardante la moratoria dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) alla lista dei terremoti lo trovate cliccando sul seguente link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-perche-la-moratoria-alla-lista-ingv-dei-terremoti-56739450.html .

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
9 settembre 2010 4 09 /09 /settembre /2010 23:54

Ci risiamo, ormai neanche il tempo di respirare tra un articolo e l'altro, che accadono nuovi eventi, stasera stessa il torrente Dragone, che normalmente scorre come piccola roggia, è esondato ad Atrani, paese della Costiera Amalfitana in provincia di Salerno, devastando numerose automobili parcheggiate, quindi fortunatamente senza conducente a bordo, e piombando con la sua massa di detriti e fango in case e negozi: una ragazza che lavora in un bar del paese è stata risucchiata dalla mole di fango penetrata nel locale, secondo la testimonianza del suo propritario di un soffio scampato alla tragedia, ed è data tutt'ora per dispersa. Succede di tutto e ancora negano l'annuncio ufficiale di Nibiru.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 settembre 2010 3 08 /09 /settembre /2010 21:11

Tempo è passato da quando ai meteorologi è stato imposto di essere più delicati nei loro annunci, e quindi anche più superficiali, che ora vogliono nascondere anche la lista sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alla popolazione, e questa è una grave minaccia non soltanto alla libera informazione, ma anche all’incolumità delle persone, in quanto alcuni sciami sismici possono essere il preanninzio di più gravi eventi, un esempio l’abbiamo già avuto col terremoto di l’Aquila del 2009, previsto da alcuni sismologi con settimane di anticipo, oltre che dal sottoscritto Gennaro Gelmini come specificato nell’atto pubblicato al seguente link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-34080950.html ; questa intenzione, che sicuramente ha dei risvolti di un tentativo di fuggire i propri doveri oltreché di informazione, anche di gestione del territorio pur di non incorrere in responsabilità, nasce da una diatriba sorta proprio a L’Aquila nel post terremoto (cioè dopo terremoto), di cui una eloquente comunicazione ve la posso riferire tramite questa lettera aperta, per questo mi permetto di pubblicarla, comparsa recentemente sul sito internet dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che mette in risalto quanto sia sempre più difficile essere negazionisti dei radicali cambiamenti climatici, dovuti in massima parte all’evento Nibiru, che sempre più attanagliano il Mondo intero.

Eccovene il testo tal quale:

                                  

Lettera aperta al Presidente della Repubblica Italiana

 

La settimana scorsa la Procura de L’Aquila ha inviato gli avvisi di garanzia per omicidio colposo al Direttore del Centro Nazionale Terremoti, ai componenti della Commissione Grandi Rischi e a dirigenti del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile. La base di accusa è che non è stato promulgato uno stato di allarme dopo la riunione tenuta a L’Aquila sei giorni prima del terremoto di magnitudo momento 6.3 che ha colpito la stessa città e le zone circostanti.

Le accuse fatte agli scienziati sono completamente prive di fondamento. Anni di ricerca in tutto il mondo hanno mostrato che al momento non esiste alcuna metodologia scientifica per effettuare affidabili predizioni di terremoti a breve termine per le autorità di protezione civile al fine di intraprendere rapidamente misure di emergenza.

La comunità sismologica internazionale ha riconosciuto da molto tempo che il miglior approccio per proteggere la popolazione da terremoti catastrofici non è tramite la predizione, ma operando sulla mitigazione del rischio e l’applicazione di misure appropriate di sicurezza affinché gli edifici non crollino. A questo riguardo, la predisposizione di le mappe della pericolosità sismica, cioè le stime sulla probabilità di eccedenza di valori predefiniti del moto del terreno per un certo periodo temporale in una determinata zona, forniscono le specifiche da adottare nelle norme di costruzione al fine di evitare crolli di edifici e le loro conseguenze.

L’Italia e’ un paese altamente sismico. La mappa della pericolosità sismica del territorio nazionale, che riassume decenni di ricerche sui terremoti e sui loro effetti, è stata  completata nel 2004 (vedi http://zonesismiche.mi.ingv.it/). E’ il risultato del lavoro di molti scienziati e, oltre ad essere considerata una delle migliori in Europa, è stata adottata come base per la redazione delle Norme Tecniche per le Costruzioni (GU n.29 del 04/02/2008). La mappa di pericolosità dovrebbe essere vista come il contributo fondamentale fornito al loro Paese dagli scienziati italiani che si occupano di terremoti.

Le mappe di pericolosità sismica devono essere usate anche per trasferire alla popolazione i concetti di base di pericolosità, consapevolezza e preparazione al fenomeno terremoto. Una coscienza sempre maggiore della pericolosità e del rischio sismico dovrebbe inoltre incoraggiare ulteriori azioni di prevenzione da parte delle autorità locali e nazionali. La preparazione ai terremoti e la prevenzione del danno mediante il rafforzamento preventivo non sono solo possibili ma dovrebbero essere obbligatorie in un paese come l’Italia ove si verificano terremoti in genere moderati ma che hanno conseguenze catastrofiche per la società, principalmente perché la maggior parte dell’edilizia è composta da manufatti non rinforzati.

Istruzione, consapevolezza, preparazione e rafforzamenti preventivi degli edifici sono al momento gli unici strumenti per mitigare l’impatto dei futuri terremoti catastrofici che ineluttabilmente si verificheranno in Italia.

La comunità scientifica coinvolta nella scienza dei terremoti sollecita il governo italiano, le autorità locali e tutti coloro che hanno la responsabilità di decidere ad essere pro-attivi nello stabilire e portare avanti programmi a carattere locale e nazionale a supporto della preparazione e mitigazione del rischio sismico piuttosto che perseguire scienziati per non aver fatto qualcosa che non possono ancora fare: predire i terremoti.

 

E questa la traduzione del testo in Inglese:

 

Open letter to the President of the Republic of Italy

 

Two weeks ago in Italy, the L’Aquila Prosecutor’s office indicted scientists, some of them members of the “Commissione Grandi Rischi” (Commission for High Risks), and civil protection officials for manslaughter. The basis for the indictment is that these people did not provide a short-term alarm to the population after a meeting of the Commission held in L’Aquila six days before the Mw 6.3 earthquake that struck that city and the surrounding area.

The allegations against the scientists are completely unfounded. Years of research worldwide have shown that there is currently no scientifically accepted method for short-term earthquake prediction that can reliably be used by Civil Protection authorities for rapid and effective emergency actions.

The international seismological community has long recognized that the best approach to defending populations from catastrophic earthquakes is not through earthquake prediction, but through risk mitigation and the application of appropriate safety measures to prevent buildings from collapsing. In this regard, the development of seismic hazard maps, which provide estimates of the probability of occurrence of predefined values of peak ground motion in a given time period, provide the specifications required by building codes to avoid collapse of buildings and the resulting fatalities.

Italyis an earthquake-prone country. An improved seismic hazard map that summarizes decades of research on earthquake occurrence and effects was completed in 2004 (see http://zonesismiche.mi.ingv.it/). It is the result of the work of many scientists, it is considered to be one of the best seismic hazard maps in Europe, and it has been used as a basis for the Italian building code beginning in 2008 (“Norme Tecniche per le Costruzioni”, GU n.29 del 04/02/2008). It should be viewed as the primary  contribution of the Italian earthquake scientists to their Country.

Seismic hazard maps must also be used for conveying to the population the basic concepts of earthquake hazard, awareness, preparedness, and response. Increased consciousness of the earthquake hazard and associated risk should also foster further prevention actions by national and local authorities. Overall, earthquake preparedness and damage prevention in the form of retrofitting are not only possible but mandatory in a country affected for the most by moderate size earthquakes that often result in catastrophes for the society because of the large percentage of seismically unreinforced buildings.

Education, awareness, preparedness and retrofitting are the best tools for mitigating the impact of the catastrophic earthquakes that will inevitably affect Italy in the future.

The scientific community involved in earthquake science urges the Italian government, local authorities and decision makers in general, to be proactive in establishing and carrying out local and national programs to support earthquake preparedness and risk mitigation rather than prosecuting scientists for failing to do something they cannot do yet - predict earthquakes.

 

Intanto sullo stesso sito dell’INGV è già apparsa una nota alquanto particolare, eccovela, ve la riporto:

 

7 SETTEMBRE 2010

Problemi tecnici sul sito web dell'INGV

 

I malfunzionamenti del sito web pubblico INGV che alcuni utenti stanno sperimentando da questa mattina, sono dovuti esclusivamente a problemi tecnici accusati dal nostro provider nazionale dei servizi di rete e non sono in alcun modo legati ad eventuali restrizioni nella diffusione di dati da parte dell'Istituto.

 

Infine, come se non bastasse tutto questo, non è più visibile già da almeno 2 settimane la “Red Puma Global List” dello Swiss Seismological Service, ovvero la lista globale dei recenti terremoti del Servizio Sismico Svizzero, rimanendo documentabili soltanto quelli avvenuti in Svizzera e zone confinali, questo è l’unico modo con il quale si è presa in mano la situazione d’emergenza scatenata da Nibiru? Siamo di fronte al cataclisma e ancora negano l’evidenza con sotterfugi illegali, poiché ledenti la libertà d’informazione.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 settembre 2010 3 08 /09 /settembre /2010 21:09

Titolo strano ma che potrebbe già farvi intuire tutto, si, stamattina girava la notizia che stanotte saranno visibili in cielo 2 asteroidi che transiteranno vicino alla Terra a minor distanza della Luna, quindi ho dato adito ad alcune conclusioni:

1) per transitare 2 asteroidi-meteore in contemporanea ciò evince che possano essere stati scagliati da una stessa fonte astronomicamente non molto lontana, possono quindi provenire dalla denominata “Coda del Drago”, ve la ricordate? E’ la coda cometaria di meteore di Nibiru.

2) se ne hanno dato notizia prima del loro passaggio vuol dire che questi asteroidi-meteore sono di dimensioni abbastanza grandi e passanti talmente vicino da poter esser facilmente osservabili, quindi se non ne avessero dato la notizia avrebbero fatto una figuraccia, altrimenti ci avrebbero fatto sapere tutto domani a passaggio già avvenuto.

Ad avvalorare quanto vi scrivo vi sono 2 cadute meteoriche avvenute negli scorsi giorni una in Sud America e l'altra in Spagna sopra le montagne prospicenti la città di Santander.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 settembre 2010 3 08 /09 /settembre /2010 21:04

Dopo la prima eruzione del 26 agosto 2010, il vulcano Sinabung dell’Isola di Sumatra in Indonesia, è nuovamente eruttato ieri 07 settembre 2010 con forza doppia rispetto alla precedente, tanto che la colonna di cenere vulcanica si e' spinta fino a 5000 metri di altitudine, mentre già a partire dalla prima eruzione, oltre 20000 persone dei villaggi attorno al vulcano sono state evacuate.

In Islanda le Autorità rimangono sempre in apprensione anche per l’attività del vulcano Fimmvorduhals, il cui serbatoio magmatico è il medesimo del più famoso altro vulcano Eyjafjallajokull sito nelle vicinanze.

Christchurch, la seconda città della Nuova Zelanda con 342000 abitanti sita nell’isola sud (una delle sue due isole principali), è stata colpita da un terremoto di 7.4° Richter della durata di ben 40 secondi, sabato scorso 04 settembre 2010, dopodichè sono sopravvenute oltre 80 scosse di assestamento, tra cui la più forte oggi stesso 08 agosto 2010 di 5.1° Richter; 100.000 costruzioni, poco meno dei due terzi (2/3) di quelle presenti in zona, sono state danneggiate dalla prima scossa sismica, almeno 500 di essi dovranno essere definitivamente demolite per gli ingenti danni che hanno riportato, mentre il valore economico dei danni, fortunatamente soltanto materiali, ammonta ad oltre un miliardo di euro.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 settembre 2010 3 08 /09 /settembre /2010 20:58

Un’alluvione e una tromba d’aria si sono abbattute la passata notte su Genova; il nubifragio ha interessato anche tutta la regione Liguria, con scantinati, negozi e strade completamente invasi dall’acqua, oltre al verificarsi di alcune trombe marine: se avete ben notato in Liguria nei primi giorni di settembre da 5 anni a questa parte avvengono sempre alluvioni, non è per nulla un fatto normale, ho fatto bene nel mio peregrinare per città e paesi ad essermi recato anche a Genova, anche in questa città, seppure non è stata ancora ufficializzata, in molti ormai conoscono la verità di Nibiru.

Altresì anche il Messico è ora nuovamente flagellato da alluvioni da 6 giorni a questa parte, mentre in Pakistan l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha stimato 10000 senzatetto e un totale di 21000 persone colpite dalle recentissime alluvioni.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
8 settembre 2010 3 08 /09 /settembre /2010 20:55

Ci risiamo, se nessuno vi fa sapere una cosa devo mettervene per forza a conoscenza me medesimo Gennaro Gelmini. Accade sovente che la gente si chieda perché le Forze dell’Ordine possano portare tatuaggi e orecchini, mentre anni addietro questo non era consentito; non avete mai pensato a quale sia la vera risposta a tutto ciò? Tutto iniziò in Giappone diversi decenni addietro, quando la mafia decise di obbligare i suoi adepti a farsi tatuare per il semplice motivo che così facendo non potevano essere scambiati per delle spie della giustizia, agenti della Polizia intromessi nei clan al solo scopo di scovare traffici illegali e persone da arrestare.

I primi a rivelare alle Autorità queste regole della criminalità furono i tassisti di Tokio, che tal volta dovevano accompagnare mafiosi dall’aeroporto a luoghi d’incontro criminali e viceversa senza poterne far parola con nessuno, così essendo il tatuaggio sicuramente più vistoso rispetto a comuni piccoli orecchini, si adoperarono questi ultimi per gli incontri tra mafiosi, la cui sicurezza per loro aumentava di grado siccome si possono cambiare e in base al colore si trasmetteva una primaria informazione, se l’orecchino aveva il centro nero, significava tutto ok, se aveva il centro rosso significava che delle Forze dell’Ordine in borghese erano nei paraggi, il perché siano stati scelti questi colori con codesto messaggio è presto detto, in quanto la prima che li utilizzò era la Mano Nera, la mafia cinese, quindi da qui è chiaro il significato del nero, il loro colore simbolo, e il rosso, il colore della bandiera cinese.

Da codeste cose è sorta l’esigenza di accettare tatuaggi e orecchini tra le fila delle Forze dell’Ordine onde rendere inefficaci le soprapostate accortezze della criminalità.

Occorre però tener presente che l’articolo quivi postato è solo una nozione storica, la Mafia è radicata in tutto il Mondo presso tutte la popolazioni, essa si è diffusa solo per ultimo in Oriente e alla sua nascita era un associazione legittima a difesa degli agricoltori mezzagri per contrastare l’elargimento di metà dei loro proventi al proprio proprietario terriero al fine di contrastare la loro povertà, cosa ben diversa della sete di denaro dell’uomo moderno.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito