Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
12 luglio 2015 7 12 /07 /luglio /2015 01:08
Tornado e alluvioni estive in Italia

 

Un tornado sull’Italia, come fino a qualche anno addietro non se ne vedevano, stavolta il più colpito il Veneto, in precedenza un nubifragio si era abbattuto sul medio versante tirrenico, ma procediamo per ordine.

Sul Veneto, in provincia di Venezia, ha fatto la comparsa un tornado che si è letteralmente divorato delle case intere, salvi gli occupanti, fuggiti approfittando della velocità ridotta di spostamento del terribile evento meteorologico, mentre nel suo cosiddetto occhio la velocità era di centinaia di Km/h.

Si sa, quando l’acqua di mare supera i 35°C  possono avvenire questi eventi, col caldo estremo di questi giorni ha fatto la comparsa il tornado avvenuto giovedì scorso 9 luglio 2015.

In viaggio per recarmi a Roma, ho visto molte nuvole scaricarsi sulla città, ai giardini di Villa Borghese ho scattato questa foto il 20 giugno 2015, sacchi messi a contenimento del flusso d’acqua.

Cambiamenti climatici estremi, lo scioglimento dei ghiacci artici ha provocato un momentaneo abbassamento delle temperature sull’Oceano Pacifico, mentre in altri luoghi dell’emisfero settentrionale il caldo è talmente torrido che, come in Italia, temperature del genere sono uguali solamente a quelle registrate nel 2002.

Ricordo che ai tempi dell’uragano Katrina raccontavano che Tornado, Uragani e tifoni era impossibile che si verificassero in Italia, piuttosto era possibile qualche tromba d’aria o marina, poi già da alcuni anno hanno dovuto cambiare idea, simili eventi possono accadere anche in Italia, siccome abbiamo già vissuto tali esperienze e in 16 anni di divulgazione sui cambiamenti climatici, la mia posizione la conoscete.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
9 luglio 2015 4 09 /07 /luglio /2015 14:55
Caldo estivo: camicie da cowboy e fibre naturali

Ma tu lo senti? Cosa? Il caldo estivo! No, stavolta posso anche sudare, sia per le corse, sia per il caldo oltre i 40° centigradi, perché ho imparato a verificare i vestiti che compro e quelli che ho a saperli modificare.

Così, oltre a leggere l’etichetta, strofino leggermente tra 2 dita la stoffa, a verificare trama e ordito del tessuto ed è capitato che un 100% cotone nell’etichetta, al tatto si percepisca come un 65% acrilico e 35% cotone, qualche tempo addietro scovarono pure l’ennesimo caso di tessuti non confacenti a quanto indicato, quest’anno strofinando delle camicie, mi è convenuto cambiare negozio, esigendo fibre naturali.

Tra le camicie che mi sono ritrovato negli anni, un venduto per cotone in buste trasparenti, che non volevano aprirmi dicendo che altrimenti si spiegazzava, dopo il primo lavaggio abbiamo scoperto essere in fibra di bambù e una camicia con etichetta 100% cotone si è dimostrata un misto cotone, più acrilico che cotone.

Sono camicie a maniche corte, non si possono indossare d’inverno, cosa me ne faccio?

La risposta è alquanto facile, poco conosciuta, d’estate sudate 7 camicie o spendete di più per un condizionatore, finché potete, però c’è un’altra soluzione, diciamoci francamente quale.

L’idea è nata ai cowboys, che a cavalcare anche d’estate sudavano molto, decisero quindi di apportare delle modifiche alle camicie, applicando degli occhielli con rondelle, dei veri e propri buchi alle camicie, asole per respirare.

Un esempio pratico lo trovate nella foto sopra, lavoro da sarto, che sappia battere anche col martello, importantissimo è che gli occhielli abbiano anche le rondelle, per chiudere da una parte all’altra il tessuto, evitando così che l’occhiello si sfili, 2 rondelle da un lato, non troppo sotto l’ascella, 2 dall’altro e due dietro ed è fatta, si respira.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
5 luglio 2015 7 05 /07 /luglio /2015 00:06
Oroscopo agosto 2015 mese

Mercurio fa il suo ingresso nel segno della Vergine l’8 agosto 2015, seguito da Marte che entra in Leone il 9 agosto 2015, Giove in Vergine dal 12 agosto 2015 e Mercurio che nel suo moto diretto entra in Bilancia il 28 agosto 2015.

La Luna è Nuova il 14 agosto 2015 nel segno del Leone ed è Piena il 29 agosto 2015 in Acquario.

Il 6 agosto 2015 Saturno in Scorpione è trigono a Marte in Cancro e il Sole è congiunto a Venere in Leone, il 14 agosto 2015 Sole e Urano sono in trigono.

Ottimo mese da non utilizzare soltanto per sdraio e ombrelloni, occorre guardarsi attorno, un po’ di riconoscenza a ciò che di buono c’è, riscoprire le tradizioni, sentirsi parte integrante della società e consolidarne il rapporto, siamo un’unione di persone, un po’ di pensieri si affollano, meglio discernere quelli che ci occorrono per davvero, nell’attesa della congiunzione alquanto curiosa tra Marte e Venere nel segno del Leone il giorno 1 settembre 2015, poiché avviene mentre Venere dal moto indiretto torna a quello diretto, una congiunzione che quindi dura di più, prolungata.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
30 giugno 2015 2 30 /06 /giugno /2015 10:53
Una nuova etichetta al cibo

Mi sono accorto che a mangiare i frutti di ribes dell’orto, con qualche bicchiere di bacche ci si sazia a volontà e ci si nutre di ciò che si ha bisogno, occorre semplicemente raccogliere la frutta quando è matura per trovare gli elementi di cui abbiamo bisogno, da aggiungere all’alimentazione, occorre semplicemente raccogliere la frutta quando è matura.

Le essenze arboree come il sorbo, il sambuco, l’uva spina, la fragolaccia o fragola di bosco , il gelso coi gelsi suoi frutti, alberi quasi dimenticati, il rovo con le more suoi frutti, pianta cespugliosa, che per il suo moltiplicarsi in terreni incolti, assieme alle sue numerose spine, è trattata alla stregua di una erbaccia, pure tal volta essendo le migliori erbe.

Un tempo di progresso deve arrivare e mi spiego meglio, nel Medioevo si moriva per gotta, peste, denutrizione e mancanza d’igiene, finché già ai tempi le erbe aromatiche furono utilizzate come rimedio, lavare i pavimenti con acqua profumata, l’antecedente del detergente, il naturale alla lavanda e altre profumazioni, con la scelta di poter evitare, delle nuove composizioni, gli ingredienti chimici poco conosciuti.

Il rosmarino dell’Acqua della Regina d’Ungheria, petali di rosa, aceto: come per la casa, per l’igiene, per il mangiare bene, vita nuova e anche saper vivere, frullati di frutta, verdura, bacche, tuberi come lo zenzero e la patata.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
25 giugno 2015 4 25 /06 /giugno /2015 20:55
Roma nuovo inizio Nibiru 2015
Roma nuovo inizio Nibiru 2015

Roma, 22 giugno 2015, lunedì

 

Al Ministro all’Ambiente, Tutele del Territorio e del Mare

Gian Luca Galletti

 

Al Ministro all’Istruzione, Università e Ricerca

Stefania Giannini

 

Al Ministro alla Giustizia

Andrea Orlando

 

Al Ministro alla Salute

Beatrice Lorenzin

 

Al Ministro alla Difesa

Roberta Pinotti

 

Al Ministro all’Interno

Angelino Alfano

 

Al Ministro all’Economia e alle Finanze

Pier Carlo Padoan

 

Al Ministro agli Affari Esteri

Paolo Gentiloni

 

Al Ministro alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Maurizio Martina

 

Al Direttore dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna

Alberto Manenti c/o AISE, Roma

 

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Matteo Renzi

 

Al Direttore dell’Osservatorio Astronomico INAF di Roma

Fabrizio Fiore

 

Al Direttore Generale dell’Università La Sapienza, Roma

Carlo Musto d’Amore

 

Al Sindaco di Rho (MI),

Pietro Romano

 

Agli abitanti di Coccolia di Ravenna e delle Vie Mazzo e Pace di Rho (MI)

e in free diffusion

 

Lettera divulgativa studio sui cambiamenti climatici, causa di un rilevante e persistente aumento dei terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, rapidi sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandine, impatti meteorici e anomalie elettromagnetiche, frane e siccità, originate tramite l’influsso gravitazionale esercitato dal pianeta tradizionalmente conosciuto col nome di Nibiru e pure come Sedna, Eris, Xena, Marduk, Hercolubus e siglato 2003 UB 313, denominanti un unico corpo celeste, divulgata con risolutezza nel corrente periodo, da me medesimo Gennaro Gelmini osservati con studioso impegno.

 

Gentili Ministri e titolari della corrente, me medesimo Gennaro Gelmini, con tale atto, scritto con scorrevolezza poiché è utile approntare più azioni possibili più velocemente possibile, cosicché la divulgazione è arrivata ovunque la si sapeva recepire, perché fatti inspiegabili sussistono, trovando ben fatto concedermi una tempistica, iniziando da un periodo a quello successivo, un continuo che mi porta fino a giovedì 3 settembre 2015 a divulgare attivamente, nell’attesa Nibiru, da celato pianeta, diventi palesemente conosciuto, nuovamente continuando oltre questo periodo per ciò che è necessario fare, piuttosto che fermarmi, faccio divulgazione quando nulla più della normalità possa accadere, senza illuderci, sapendo che qualcosa si prospetta, un drastico cambiamento, dire non accada niente è incorretto.

Cronologicamente ho incominciato nel secolo scorso ad occuparmi con interesse ai cambiamenti climatici e già senza conoscenze pratiche di astronomia, l’alluvione di Sarno in provincia di Salerno prese la mia attenzione per il travolgente ed elevato danno che avveniva in un frangente limitato di tempo in quel dì 5 maggio 1998 e nell’anno successivo, tra meditazioni in alta montagna ed incontri criptici, iniziai una sequela divulgatrice che mi ha portato da 16 anni a girovagare per paesi e città in Italia e all’estero, cambiandone pure per lavoro, acquisendo la consapevolezza di riuscire a divulgare ciò che conosco, che per l’appunto non c’è solamente un’azione umana nel provocarli, esiste un influsso gravitazionale causato da un pianeta tradizionalmente conosciuto col nome Nibiru e altresì Sedna, Eris, Xena, Marduk, Hercolubus, denominanti un unico corpo celeste, al quale la National Aeronautics and Space Administration (NASA, USA) conferì nel 2003 la sigla 2003 UB 313, denominandolo Sedna, palesandone la scoperta soltanto nella primavera del successivo anno 2004, un fatto alquanto strano, poiché simili scoperte andrebbero divulgate nell’immediato, seguendo poi le vicende della declassificazione di Plutone allorquando si doveva decidere di classificare pure Sedna come pianeta, un fatto che fece pensare a quanto già si voleva evitare l’assiduo coinvolgimento d’interesse, in quanto un planetoide desta meno attenzioni di un pianeta e così, tra i distinti eventi, tellurici, alluvionali ed altro, sono trascorsi 16 anni e la certezza rimane, con pure l’arguta sensazione che per le novità ce ne accorgeremo di seguito all’accadere.

Per un momento come questo che vede l’economia in molti casi allo stallo, il rischio consistente di tensioni globali, la tutela ambientale rimandata nei tentativi di accordo globale, con eventi meteo, sismici, vulcanici e cadute meteoriche sempre più irrefrenabili e pure avvistamenti e rivelazioni, occorre uno scadenzario, il meccanismo delle date che evita di rimandarle, avvalendomi del fatto che ogni situazione si trasforma, un nuovo inizio, un ricominciare al 3 settembre 2015 a breve distanza, che oggi, domani, si è certi pure dopodomani, la trasformazione avviene senza mai finire, la data l’ho avuta in sogno 2 settimane addietro e volendomene sincerare a trovare qualcuno che ne sapesse, ho trovato riscontro con calcoli dimostranti la divergenza tra calendari, che la data del 3 settembre 2015 è la posticipazione del 21 dicembre 2012 e adesso, in un’ottica di severità di vedute, concepiamo che il nuovo è per davvero alle porte, dalla stagnazione ad una nuova partenza, un nuovo inizio.

Incurante delle fatiche dei passi che compiamo, ho dato sfoggio di una realtà, non importa quanto bistrattata, importa che sia una realtà recepita da chi ha saputo recepirla, si richiede l’attuazione di un protocollo di disclosur che faccia luce su ciò che alla gente comune non si è dato modo di sapere per volerla tutelare e che adesso occorre informare. Pure difficoltosamente condivisa è la questione ufologica: evitando di redimerci a ruoli superficiali, occorre si sappia che esistono creature extraterrestri intelligenti a contatto con l’Umanità, benevole poiché il progresso lo si consegue anche nel rispetto per la vita; codeste creature troveranno di nuovo il contatto con i terrestri tornando qui sulla Terra, provenendo da pianeti abitati nelle cavità, come Nibiru e noi siamo i precursori di questa conoscenza, utile per ognuno, che diverrà palese ad ognuno e questo lo può attestare il crop circle appena comparso a Cervia di Ravenna, che rappresenta il pianeta Nibiru e il Sole col disco solare.

Sempre aggiornato, me medesimo Gennaro Gelmini ho trovato la possibilità di divulgare dal cartaceo alle nuove tecnologie, col sito http://gennaro-gelmini.over-blog.it , 4 canali video, social network ed e-mail gennaro.gelmini@email.it , gennarovarese@gmail.com ed ancora gennaro.gelmini@katamail.com e gennaro.gelmini@bigmir.net , oltre ai consueti telefoni fisso 0332232143 e mobile 3407077946, chiedendo appunto la disclosure sugli argomenti qui trattati, in particolare modo sulla causa dei cambiamenti climatici ed eventi tettonici, dovuti per la gran parte all’influsso gravitazionale esercitato dal pianeta Nibiru nei confronti del pianeta Terra e di ogni pianeta del Sistema Solare, i cui effetti li abbiamo osservati nella formazione di un ulteriore ovale di vortici sulla superficie di Giove e molto altro.

Allego alla corrente lettera, per Ministri e ogni gentile titolare, ad esclusione degli abitanti di Coccolia di Ravenna e delle Vie Mazzo e Pace di Rho (MI), unicamente per risparmiare sulla carta da fotocopiare, comunque visionabile nel web, gli Esposti consegnati a Torino il 2 aprile 2015, a Como il 3 febbraio 2015, a Cremona il 9 ottobre 2014 e le lettere consegnate a Roma il 28 e 29 luglio 2014 e a Piacenza l’1 luglio 2014.

Distinti Saluti e grazie per l’attenzione.

 

Roma, 22 giugno 2015, lunedì

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

 

 

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese, telefono fisso 0332232143, mobile 3407077946

e-mail: gennaro.gelmini@email.it – sito web http://gennaro-gelmini.over-blog.it

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
19 giugno 2015 5 19 /06 /giugno /2015 21:32
Il pianeta Nibiru dal giardino della specola

Con video. Un’entusiasta occasione di idee si prospetta avanti, ci troviamo a parlare del pianeta Nibiru, mentre le mie certezze si affinano sempre più, sempre ai massimi, senza mai venirne meno, conferendoci così ulteriori indizi per un nuovo inizio, con Nibiru e Creature extraterrestri.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
18 giugno 2015 4 18 /06 /giugno /2015 22:42
Il tempo del sapore: barbabietola

Nella vita occorre trovare l’opportuna direzione e io, siccome avevo fatto pure un corso di Operatore Sala Bar a 18-19 anni, seguendo le indicazioni di un amico che vi lavorava, andai a fare il barman al ristorante “Il tempo del sapore”.

Il primo giorno non c’era granché da fare e io ai tempi ero pure un tipo vergognoso, di certo questo non mi aiutava, poi mi chiesero di servire un’acqua minerale e non avendo esperienza lavorativa, non capii che delle bottiglie, nel banco frigo sotto al bancone, andavano prese quelle dietro, non quelle davanti, cosicché servii acqua calda, siccome prima che arrivassi al ristorante, ne avevano aggiunta qualcuna, che non si era raffreddata per tempo.

La sera, dopo l’orario di cena, prima che arrivassero gli avventori nottambuli, il cuoco invitò sia me, sia il pizzaiolo, a mangiare un pesce gatto, che è un pesce lontanamente somigliante alla carpa, con barbigli.

Il secondo giorno andò bene fino a che stavamo decidendo cosa mangiare e fu allora che il proprietario del ristorante ci fece una sorpresa, barbabietole cotte!

Ce le preparò e servì lui in persona, dicendoci che il pesce del giorno prima era un suo buon guadagno a venderlo, 50000 Lire (25 Euro) a piatto, così ci servì un buon piatto di barbabietole, spettando a noi di aggiungere sale e olio.

Il terzo giorno il capo era a fare le carte, della mia assunzione non proprio, il ristorante chiudeva, ecco perché avevo trovato lavoro con così tanta facilità, qui nulla di fatto, nessun guadagno, tranne il mangiare, però altri lavori nel corso degli anni mi spettarono.

Nell’attesa di importanti articoli, ho scritto questo, ancora non conosciamo la dieta che ci spetterà in futuro, qualcosa possiamo immaginarla, ne parleremo, aggiungendo anche noi sale e olio alla vita.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
17 giugno 2015 3 17 /06 /giugno /2015 22:29
Flash flood nel nord Italia giugno 2015

Da domenica scorsa a stamattina mercoledì 17 giugno 2015 nel nord Italia e in particolar modo qui dove abito in provincia di Varese, si sono verificati molteplici flash floods, improvvisi molteplici eventi alluvionali, cosa è successo, direttamente osservato?

Dell’aria calda si era formata sulla pianura e sui laghi, dove era rimasta in mancanza di ventilazione da nord, finché da nord ovest è arrivata dell’aria fredda che si è unita alle nuvole scaturite per la maggior parte dall’evaporazione dell’acqua dei laghi, dando origine a diverse alluvioni, che le cronache hanno assimilato in un’unica alluvione, dividendosi in molteplici eventi poiché l’aria fredda e umida era rimasta negli strati alti dell’atmosfera, senza riuscire a scendere negli strati bassi, occupati da aria calda e secca, finché tra lampi e tuoni trovava dei varchi, dove scendeva improvvisa, causando alluvioni in aree concentrate.

Molto eloquente è la fotografia sopra, scattata a Varese, Italia, nella zona dei laghi; visibile in primo piano l’ufficio postale con dietro, a distanza di qualche chilometro, un turbine come quello di un uragano, ma più semplicemente sono le nuvole dell’aria fredda e umida che hanno trovato il passaggio verso terra, un turbine che le porta talmente basse a scaricare, che purtroppo la tempesta è garantita, ecco come avviene un flash flood, un’improvvisa alluvione, con le nubi cospicuamente attratte a terra.

Sempre ringrazierò mio padre che la domenica ci portava a passeggiare anche quando pioveva, un modo per saper sopportare l’acqua quando arriva alle ginocchia, il fango dei boschi.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
14 giugno 2015 7 14 /06 /giugno /2015 23:14
Alluvione record e ippopotamo vagante

Come ho reagito stamattina a ciò che mi facevano sapere contatti ucraini su ciò che era accaduto nella confinante Georgia, a ridosso del Mar Nero?

Sembrava uno scherzo che era propagato, invece è realtà dei fatti, per un alluvione in Georgia, per la nazione un record nella storia recente, oltre una decina le vittime nella capitale Tibilisi e un ippopotamo vagava indisturbato per la città, un ippopotamo?

Si, un ippopotamo, non un elefante, un ippopotamo vagava, finché l’hanno addormentato con una iniezione sparata a distanza, una domenica 14 giugno 2015 di calamità, pure in nord Italia diluvia, ma qui i danni sono più contenuti.

Avevano ordinato agli abitanti di Tibilisi di chiudersi in casa per l’alluvione e a causa degli animali dello zoo fuggiti, ma il coraggio di andare a fotografare il mastodontico ippopotamo era più grande, uno scatto veloce e fuga.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini
13 giugno 2015 6 13 /06 /giugno /2015 17:06
Gesù? Lui è dove lo si cerca

Vi spiego come è andata questa settimana della metà del mese di giugno 2015 , che è una graziosa logica a questo articolo.

Al lunedì 8 giugno 2015 la sequela di quelle domande su come io faccia a credere a svariati misteri, piuttosto che indirizzarmi verso uno soltanto e la risposta è semplice, come esiste un mistero, ne esiste un altro e questa mia certezza ha dato i suoi frutti.

Alla sera, tornando in treno a Varese, avendo la ferrovia Nord Milano due binari fino alla stazione precedente, Malnate, siamo rimasti immobili ad aspettare un treno proveniente da Varese, col locomotore che si era rotto, viaggiante coi metodi moderni di un motore sussidiario a velocità ridotta, intanto però noi che aspettavamo eravamo tentati di prendere il bus che proveniva da Como, che da quelle parti interseca la nostra rotta ferroviaria, per giungere a Varese senza attendere, uscendo quindi dalla stazione per prendere il bus, dove una cassetta di ferro con le tubazioni carpisce il mio sguardo, scorgendoci sopra la sagoma di Gesù, almeno per chi è credente, che per trovare Gesù occorre cercarlo, che non possiamo trovarlo senza cercarlo.

Ho fatto la foto che vi presento sopra col telefono cellulare, per chi ha fede sembra proprio l’immagine di Gesù, la sera di venerdì 12 giugno 2015, cioè ieri, sullo stesso treno proveniente da Milano per Laveno, sul Lago Maggiore, trovo un passeggero che si lamentava della fede, reputandola ad un metodo per fare guadagno danaroso e mi domanda se dovesse essere più forte del Papa per accrescere la fede, parole sue e si, ad una domanda così incredibile occorre rispondere in maniera incredibile, occorre difatti essere più forti del Papa per accrescere la fede.

Scusandomi per la maniera con la quale ci siamo espressi in viaggio, è nostra intenzione continuare a fare, siamo riusciti a seguire la strada per fare del bene, comunque sia, che sia o non sia compreso.

Oggi 13 giugno 2015 ci stava quest’articolo, che è la Festa di Sant’Antonio da Padova, grande Santo, per una fede inespugnabile.

Condividi post
Repost0
Published by Gennaro Gelmini

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito