Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 gennaio 2014 1 13 /01 /gennaio /2014 22:29

Vesuvio-bella-Napoli.jpg

“I Napoletani, furbi come sono, sanno già come salvarsi, se l'eruzione avviene a mezzanotte, mentre nelle altre città gli abitanti verrebbero presi di sorpresa nel sonno, i Napoletani avrebbero appena finito di cantare e suonare O'Sole mio, così, belli svegli, saprebbero come gestire la situazione”: questa una mia risposta ai link che circolano nei social network di questi tempi, designanti come all’eruzione del Vesuvio un milione di Partenopei, ovvero abitanti di Napoli, non potrebbe scamparne, a questo punto occorre fare una riflessione seria sulla vicenda, innanzitutto intendiamo che le attività vulcaniche sono frequenti in tutto il Mondo, così avviene che, come Napoli, nessuna città può dirsi esente da un accadimento sismico e/o vulcanico, con nessi e connessi di onde anomale in prossimità degli specchi d’acqua.

E’ doveroso quindi fare un punto sulla situazione in modo reale, veritiero ed essendo realistici ecco profilarsi una situazione non di possibili eventi tellurici, di eventi tellurici certi e in conformità a questi occorre dire che a prescindere dalle vittime, è opportuno dire la verità, suddividendola in certe cose da sapere e in tal modo operare, ovvero che se un milione su 3 milioni di abitanti rischierebbe di non farcela, questa, permettetemelo, sarebbe un’enorme sfortuna, che neanche ad andarsela a cercare ci si rende conto che possa capitare, suvvia, per prima cosa speranza, essere speranzosi, divenire speranzosi, piuttosto i Napoletani, come tutti quelli che hanno cara la propria vita, spero tutti, proprio tutti, debbono sapersi comportare durante le calamità, attuare i comportamenti che in simili momenti sono necessari, volendo avere cura delle vite pure degli altri, salvando chiunque esso sia, che si trovi nel bisogno ed evitare di andarsela a cercare, come scendere dalle scale in tal fretta da poter cadere, soprattutto se si indossano pantofole o scarpe col tacco, si ravvisa di evitare di scendere le scale durante una scossa di terremoto, potrebbero essere più pericolose che rimanere in casa, meglio sotto travi portanti, sotto le porte tra una stanza e l’altra, le scale sono da percorrere se lo stabile deve essere evacuato, evitare pure l’ascensore, allora scarpe col tacco e pantofole potete semmai tenerle in mano o metterle in un sacchetto e scendere per le scale con le calze, o si voglia collant, che tocchino il pavimento e salviamoci tutti!

 

Ed eccoci qui che l’impossibile diviene certo e il possibile può non esserlo, sono stenuo credente nel cambiamento, l’immutabilità è illusione e così seguitando si persegue oggettivamente ogni contesto.

Condividi post

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

commenti

Federico 01/18/2014 00:06

E a me mi sembrava che era Star Trek.

Gennaro Gelmini 01/18/2014 11:14



Va bé, comunque quello.



Federico 01/17/2014 17:14

"Star Treck."

Mmmmhh, sempre secondo la grammatica del nike name.

Gennaro Gelmini 01/17/2014 23:45



Mi sembrava staccato.



Andrea 01/16/2014 17:19

1000 altri pensieri, ceeerto... del tipo? Fare le tagliatelle con la mentuccia? Parlare con un pupazzo credendo che sia Patrizia? Intrecciare cestini e dire che è un lavoro part time? Dimmene uno
di questi mille pensieri che non ti lasciano neanche un secondo di riflessione, oppure ammetti di essere una capra.

Gennaro Gelmini 01/17/2014 15:04



Gnocchi alla fonduta, mangiamo pure noi quando occorre.



Federico 01/15/2014 20:16

NON CI POSSO CREDERE, GLIE L'HAI FATTA!!! Dai Gennaro, che qualcosa davvero sta cambiando forse, il tuo cervello! Ma ci sei arrivato da solo o te l'hanno spiegato? E se ci sei arrivato da solo,
quanto tempo ci hai messo? E di quale film stiamo parlando?

Gennaro Gelmini 01/17/2014 15:02



Star Treck.



Andrea 01/14/2014 20:39

Ma non c'è da scoprire una sega! Leggi e ragiona!
Ci vuole UN SECONDO!
Ce l'hai UN SECONDO?
Non ci arrivi e basta, Gennaro, NON CAPISCI NULLA!

Gennaro Gelmini 01/15/2014 19:02



Ecco, intendi che il nome è lo stesso du un Capitano di un film? Va bé, nel frattempo ho 1000 altri pensieri.



Andrea 01/14/2014 15:56

Ma come non sai se credergli o no!?
Ma GUARDA LA FIRMA!!!! E cerca di capirla!!
L'hai capita?? Noooooo?? E figurati se capisci qualcosa!

Gennaro Gelmini 01/14/2014 19:21



Abbiamo pensieri da trattare, cose da portare avanti, non è che posso mettermi a scoprire.



Gianni Tiberio Chirc 01/13/2014 23:12

Salve Gennaro, sono un astronauta mandato in missione segreta su Nibiru, che quindi confermo non solo esistere, ma essere abitato. Abbiamo avuto persino uno scontro con gli annunaki, ma siamo
riusciti a fuggire in tempo. Lei ha ragione, il tempo è arrivato.

Gennaro Gelmini 01/14/2014 09:50



Non so quanto gli utenti potranno crederci, io posso confermare per Nibiru e Creature extraterrestri.



Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito