Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 settembre 2009 7 27 /09 /settembre /2009 21:19
Varese, 10 settembre 2009, giovedì

 

 

Al Procuratore della Repubblica di Varese

 

 

e per conoscenza:

 

 

Al Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni

 

 

All’Assessore alla Protezione Civile, Prevenzione e Polizia Locale della Regione Lombardia Stefano Maullu

 

 

All’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia Luciano Bresciani

 

 

All’Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Lombardia Massimo Ponzoni

 

 

All’Assessore alla Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo

 

 

Ai Sindaci dei Comuni di Cuasso al Monte (VA), Samarate (VA), Varese

 

 

Al Presidente della Federazione Russa Dimitrij Medvedev

 

 

All’Agenzia Russa per l’Aviazione e lo Spazio (RKA)

 

 

Agli abitanti di Cuasso al Monte (VA) frazioni comprese,

agli amici e a i rimanenti abitanti non ancora contattati della zona centrale di Samarate (VA)

e a chiunque altro, previa possibilità e salvo esaurimento copie

 

 

Oggetto: secondo aggiornamento agli Esposti ex novo continuatio itinere del 29 maggio 2009 e del 16 luglio 2009, concernente studi scientifici del sottoscritto Gelmini Gennaro, in relazione al fattore astronomico riguardante il pericoloso influsso gravitazionale esercitato dal pianeta denominato Sedna, Xena, Eris, Nibiru e siglato 2003 UB 313, causante sul pianeta Terra l’aumento di terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, cadute meteoriche, frane e siccità, allo scopo di imporre l’emanazione di questa sopradescritta notizia nascosta, comunicandola attraverso i media a tutta la popolazione mondiale, in modo da metterla nella condizione di potersi salvaguardare, anche in relazione all’aumento sismico e vulcanico in Italia e globalmente sul pianeta Terra.

 

Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Varese, io sottoscritto Gennaro Gelmini, abitante in Viale Valganna 216 a Varese, avente numero di telefono   0332/232143  , e-mail gennaro.gelmini@email.it e http://gennaro-gelmini.over-blog.it , espongo quanto segue:

 

è notizia recente che il segretario generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Ban ki-moon si sia destato dalla sua scrivania e in visita in Norvegia abbia espresso preoccupazione per il ritmo incalzante con cui si stanno sciogliendo i ghiacci dell’Artico, questo fa parte di ciò che io sottoscritto Gennaro Gelmini ho denominato “effetto frigo”, cioè il naturale contenimento del rialzo delle temperature mediante lo scioglimento dei ghiacci, quando invece assistiamo al discredito improntato alla minimizzazione, se non addirittura alla ridicolizzazione, del problema inerente i cambiamenti climatici, in realtà tutto ciò fa parte di un’azione globale di depistaggio a danno però di tutti noi, poiché gli eventi climatici estremi sono sempre più frequenti, come ad ese mpio in Valceresio, valle della provincia di Varese, dove mercoledì 15 luglio 2009 è avvenuto un diluvio devastante in cui sono caduti 155 millimetri di pioggia distribuiti per la maggior parte nell’arco di due ore, la cosidetta bomba d’acqua, ed in Via Peschiera a Varese, recentemente chiusa per una frana e per la sua messa in sicurezza e solo in questi stessi giorni definitivamente riaperta, senza contare l’alluvione di questi stessi giorni in Turchia: i dati globali del 2008 evidenziano che sono 236000 le persone morte in 321 diverse calamità naturali, media tre volte superiore agli anni 2000-2007.

Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Varese, come già ampiamente documentato negli Esposti consegnatovi in data 29 maggio 2009 e 16 luglio 2009, già sufficientemente presentato nella lettera allegatavi del 02 aprile 2009, io sottoscritto Gennaro Gelmini, tramite codesto aggiornamento intendo rinnovarvi la richiesta di un tempestivo interessamento alla divulgazione della celata realtà riguardante i cambiamenti climatici sul pianeta Terra, che non sono sostanzialmente dovuti ai denominati fenomeni “effetto serra” e “buco dell’ozono”, bensì, come io sottoscritto Gelmini Gennaro sono riuscito a scoprire, sono dovuti per la quasi totalità ad un unico oggetto astronomico distintamente denominato Sedn a, Xena (che si pronuncia Scila), Eris, Nubiru e con la sigla 2003 UB 313, avente le caratteristiche di un pianeta a tutti gli effetti, delle dimensioni ufficialmente identiche a quelle di Plutone, anche se, stando a miei studi, è sicuramente più grande, considerato ancora planetoide, cioè pianeta nano, poiché, quando la comunità astronomica internazionale, condotta in primis dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA), doveva annoverarlo nel 2006 come pianeta, preferì invece declassare Plutone dal ruolo di pianeta a quello di planetoide, in tal modo anche l’oggetto astronomico siglato 2003 UB 313, altresì denominato Sedna, Xena, Eris, Nubiru, è rimasto catalogato come planetoide, cosicché l’interesse degli Astronomi per quest’ultimo è diventato ancor più minimale; altresì vi è importante notare che la NASA aveva scoperto Sedna già dal lontano 1983, mante nendone celata la notizia, finché un gruppo di Astronomi tedeschi e cileni lo scoprirono anch’essi nell’autunno del 2003, denominandolo “Pianeta X”, è stato solo allora che la NASA rivendicò tale scoperta ad appena 6 mesi prima, ad opera del loro Astronomo Michael Brown, siglandolo 2003 UB 313 e facendolo ritenere un planetoide di modestissime dimensioni, avente una scia cometaria, denominata Coda del Drago, e un ancor più minuscolo satellite, ma non solo non poterono più mantenere nascosta la sua presenza che le sue reali dimensioni erano grandi almeno quanto quelle di Plutone, ci è giunto qualcosa che dalla NASA non ci saremmo potuti mai aspettare: si diffuse la notizia che era stato scoperto un altro planetoide a nome Xena, mantenendone inalterata la sigla 2003 UB 313, ma la cosa che più sconcerta è che anche la sua posizione nello spazio e il suo aspetto erano identici a Sedna, era tal quale anche il suo satellite, ora denominato Gabrielle, la sua scia cometaria e il suo scopritore, sempre Michael Brown, ma pur di sfatare il mito di Sedna come 10° pianeta del Sistema Solare, è stato declassato Plutone come sopra già descritto, sconceria simile alla gestione dell’emergenza per il tornado Katrina, che devastò la città di New Orleans (USA) nel 2005, il cui incarico fu conferito dall’Agenzia per le Emergenze degli Stati Uniti d’America (FEMA) allo stesso Michael Brown, che provvide solo ad adibire a rifugio lo stadio della città, che si allagò causando parte dei 1836 morti totali dovuti a tale tornado.

Il pianeta 2003 UB 313, meglio noto come Seda, Xena, Eris, Nubiru, per l’appunto ufficialmente ancora riconosciuto solamente come planetoide, descrive un’orbita estremamente ellittica, a cui quindi corrisponde una sempre mutevole distanza dal Sole e dagli altri pianeti del Sistema Solare e ha una massa estremamente compatta: questi due fattori d’influsso assieme combinati sono la principale causa dei cambiamenti climatici sul pianeta Terra, ovvero dei sempre più numerosi e consistenti eventi quali terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tifoni, maremoti ed onde anomale, repentini sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate e cadute meteoriche, frane e siccità; l’aumento meteorico è naturalmente dovuto alla scia cometaria Coda del Drago, inoltre lo scioglim ento dei ghiacci artici e antartici è talmente repentino, che non può essere addebitato esclusivamente all’effetto serra e al buco dell’ozono; al contrario del sottoscritto Gelmini Gennaro che la divulga, taluni altri conoscono ma omettono la verità adducendo allarmismi, mentre invece sarebbe molto utile, opportuno e intelligente dichiararla senza favole di sorta, ma il vero motivo del perché non venga rivelata la verità va ricercato, oltreché nella mania di alcuni potenti di credere di potersi equiparare a superuomini, nella tutela dell’economia mondiale, che da allarmanti notizie potrebbe risentirne negativamente, seppure l’economia mondiale è già crollata lunedì 15 settembre 2008, per poi risalire e ridiscendere.

Il rischio “Nibiru” non va sottovalutato, che sarebbe un ugual danno a quello compiuto riguardo il denominato “buco dell’ozono”: siccome esso tende a restringersi in primavera – estate e ad allargarsi in autunno – inverno, bastava confrontare dati rilevati a 6 mesi di distanza gli uni dagli altri, anziché un anno, e di un solo emisfero anziché della totalità del pianeta Terra, che il suddetto “buco dell’ozono” sembra richiudersi magicamente, ma così non può certamente essere; oltre a ciò possiamo menzionare che nel mese di agosto del 2009 sono avvenuti i principali seguenti terremoti, espressi in gradi Richter:

31 agosto 2009 5.0° a largo coste Nicaragua

31 agosto 2009 6.1° Cina
30 agosto 2009 6.8° Isole Samoa

30 agosto 2009 5.4° a largo coste Chiapas, Messico

29 agosto 2009 5.2° a largo coste Oregon (USA)

29 agosto 2009 5.0° a largo coste Chiapas, Messico
28 agosto 2009 6.2° Cina
28 agosto 2009 6.8° Indonesia

27 agosto 2009 5.0° a largo coste settentrionali Perù

26 agosto 2009 5.0° a largo coste Chiapas, Messico

21 agosto 2009 5.0° Mar Adriatico (Montenegro)
20 agosto 2009 6.1° Mar di Norvegia
18 agosto 2009 6.1° Giappone
17 agosto 2009 6.7° Giappone
16 agosto 2009 7.0° Indonesia

15 agosto 2009 5.3° Guerrero, Messico

13 agosto 2009 5.6° a largo coste Costa Rica

12 agosto 2009 5.3° prov. di Catamarca, Argentina
12 agosto 2009 6.6° Giappone
10 agosto 2009 6.6° Giappone
10 agosto 2009 7.6° Isole Andamane
10 agosto 2009 6.6° Isole Santa Cruz
09 agosto 2009 6.9° Giappone
05 agosto 2009 6.1° a largo delle coste N. Zelanda
05 agosto 2009 6.4° Giappone
03 agosto 2009 6.9° Golfo di California
02 agosto 2009 6.1° Indonesia

 sicuramente i successivi terremoti di 4.0° Richter a Palermo e di 6.2° Richter in Georgia, avvenuti entrambi il 07 settembre 2009 con epicentro all’identica profondità di 10 chilometri, nonché sulla stessa faglia, rispecchiano chiaramente il continuo aumento di terremoti ed eruzioni vulcaniche, con imminenti nuovi eventi sismico vulcanici in Italia e su tutto il pianeta Terra, siamo ad un istante prima dei cambiamenti radicali che ossequieranno il pianeta Terra, raccogliete serie informazioni a riguardo, Nibiru è realtà e non certamente un riflesso del Sole come qualcuno vorrebbe far credere, e avvicinandosi sempre più al suo perielio, sito tra i pianeti Giove e Marte, diverrà tanto ben visibile da non poter più scherzare a proposito di esso, ne chi nega la verità pur conoscendola, ne gli scettici che impunemente fanno il gioco dei primi.

Codesto aggiornamento agli Esposti consegnativi nelle date 29 maggio 2009 e 16 luglio 2009 rispecchia un intervallo di tempo tra i vari miei scritti riguardanti Nibiru assai breve affinché la mia lotta a favore della verità e della vita non conosca intervalli, essendo l’argomento Nibiru serio e irrevocabile e, mi permetta di aggiungere, affinché si evitino facili archiviazioni d’Atti legislativi, tornando a precisare, come già fatto in passato, che io sottoscritto Gennaro Gelmini, abitante in Viale Valganna 216 a Varese, avente numero di telefono   0332/232143  , e-mail gennaro.gelmini@email.it e http://gennaro-gelmini.over-blog.it , non sono un fomentatore a furor di popolo per interessi, sono una persona venuta a conoscenza di fatti che la scienza ufficiale nasconde mistificandone ogni prova, che da 10 anni a questa parte continuo a divulgare imperterrito, accantonando la politica del Fior del Gelso, lista con cui mi candidai Sindaco a Marzio (VA) nel 1999, per occuparmene appieno, contattando personalmente diverse decine di migliaia di persone sovente in maniera ripetuta, e questo senza contare gli ulteriori contatti di imprecisato numero avuti tramite internet; io sottoscritto Gennaro Gelmini svolgo questo mio lavoro autonomamente per evitare restrizioni d’azione; visionate gratuitamente il mio video dal titolo – Nibiru cambiamenti climatici – sul portale internet You Tube, su http://gennaro-gelmini.over-blog.it , su ufovideoitalia’s Channel di You Tube, ed, autorizzandone la libera diffusione, gentili persone continuino a postarlo sui loro siti, blog e tv; stessa cosa dicasi dei miei scritti, fotocopiateli stampateli, ricercateli su internet e divulgateli liberamente con la cortesia però di voler mantenere inalterate le mie generalità (nome, cognome e indirizzo); ciò che ho fatto è un buon tesoro, differentemente dalla perdita di tempo rovinosa offertaci dall’opportunità di bombardare Nibiru, formato per sua natura una massa 10 volte più compatta del piombo, per intenderci insufficientemente attaccabile anche da missili aventi potenti testate atomiche, questo poiché ; Nibiru in realtà non è un normale pianeta, è una cosidetta “nana bianca”, cioè una stella compattatasi fino a raggiungere le sembianze di un pianeta, fatto alquanto normale nell’Universo, ricordate la stella Sirio A e la sua nana Sirio B? Esistono davvero!

Si! Un segno della vicinanza di Nibiru è anche dato dall’osservazione diretta mediante telescopio del pianeta Giove, che presenta sulla sua superficie, solamente a partire dallo scorso anno 2008, una seconda grande macchia rossa, una cosa fisiologica per gli scettici, ma non per chi crede!

In codesti Esposti non ho discusso riguardo la “nuova influenza” solamente perché le malattie non sono un frutto improvviso e inimmaginabile per l’uomo, ma si evolvono pari passo ad esso, e solamente quando le coscienze saranno più miti le malattie saranno veramente debellate, di certo non è cosa buona in estate minimizzare le conseguenze dell’influenza quando essa, ben si sa, è una malattia soprattutto invernale, mentre è una vera e propria psicosi non dare la mano per paura di contrarre il virus dell’influenza.

Ringrazio la mia amata fidanzata Patrizia Gigli per il suo continuo incoraggiamento.

Allego al presente secondo aggiornamento agli Esposti ex novo continuatio itinere del 29 maggio 2009 e del 16 luglio 2009, per Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Varese e per tutti i suoi intestatari che non lo abbiano già ricevuto o che lo richiedano nuovamente per motivi d’ufficio, fuorché gli abitanti di Cuasso al Monte (VA) e della zona centrale di Samarate (VA), allo scopo di ridurne le pagine aumentandone al contempo la tiratura: copie degli Esposti ex novo continuatio itinere, i due Atti precedenti il presente aggiornamento concernente studi scientifici del sottoscritto Gelmini Gennaro, in relazione al fattore astronomico riguardante il pericoloso influsso gravitazionale esercitato dal pianeta denominato Sedna, Xena, Eris, Nibiru e siglato 2003 UB 313, consegnato a Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Varese il 29 maggio 2009 e il 16 luglio 2009; copia della lettera facente il punto della situazione riguardo gli scettici che polemizzano e ostentano il mio operato, consegnata alla Polizia, ai Carabinieri e ad altri intestatari del 19 agosto 2009; copia dell’Atto di Querela per diffamazione intentata contro il Direttore del Dipartimento per L’Informazione e la Sicurezza (DIS) Giovanni De Gennaro detto Gianni De Gennaro del 27 ottobre 2008, consegnata al Procuratore della Repubblica di Roma; copie di 4 lettere inviate dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) al sottoscritto Gelmini Gennaro recanti le date 08 settembre 2006, 30 gennaio 2008, 29 ottobre 2008 e 29 luglio 2009; copia dell’e-mail inviata da me medesimo Gelmini Gennaro a 9 Scienziati della National Aeronautics and Space Administration (NASA) il 28 gennaio 2009.

Allego inoltre al presente Esposto, per Signoria Vostra Procuratore della Repubblica di Varese, per i rimanenti abitanti non ancora contattati della zona centrale di Samarate (VA) e per tutti i suoi intestatari che lo richiedano nuovamente per motivi d’ufficio, copia della “richiesta di Santa Processione delle Spoglie di San Leone guerriero Martire, Sant’Imerio Martire e San Gemolo Martire per ricorrere Loro a tutela dagli effetti dei cambiamenti climatici”, consegnata il 02 aprile 2009 al Prefetto di Varese e avente tra gli altri importanti intestatari Amministratori ed Ecclesiastici.

Per la città di Samarate (VA) ho indicato “ai rimanenti abitanti non ancora contattati” poiché per la grande moltitudine di suoi abitatori, giunti a quota 16208, devo ovviare a diffondere ivi il mio messaggio in un tempo estremamente dilatato, inoltre tra gli intestatari del presente Esposto ho annoverato il Presidente della Federazione Russa Dimitrij Medvedev e l’Agenzia Russa per l’Aviazione e lo Spazio (RKA) poiché non li avevo ancora contattati, altri importanti intestatari li ho già contattati più volte in precedenza.

Alea. Distinti Saluti da Gennaro Gelmini.

 

Varese, 10 settembre 2009, giovedì

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

 

 

 

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese – telefono  03...

e-mail: gennaro.gelmini@email.it http://gennaro-gelmini.over-blog.it

Condividi post

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito