Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 aprile 2017 1 10 /04 /aprile /2017 22:18
L'accettazione del diverso: Camille Claudel

Camille Claudel è la degna rappresentante di quel Mondo di libertà cercate e trovate che la vita dona, che trascorsa la fanciullezza, Camille sviluppa l’atteggiamento disinvolto a pensare liberamente come più si sente, divenendo una prorompente scultrice di bellissimi e disnudi Angeli che la rendono felice, senza chiedere altro.

Ed è proprio questa mancanza che la rende diversa dai suoi contemporanei, ci troviamo a quell’epoca nella Bell’Epoque degli inizi del 1900 e come d’altronde nei secoli non si è mai voluto ammettere, sempre si è fatto, le persone diverse nello stile di vita, a parole godono gli stessi diritti della massa di persone che vanno tutte in un senso, le une dietro le altre, nella stessa direzione, ad avere gli stessi schemi vitali, a credere che fumare e bere sia tanto diverso dagli altri, mentre stanno facendo le stesse medesime cose di tutti gli altri, come diceva Camille, a meno che se ne voglia uscire da questo contesto, per approdare agli Angeli appunto.

E ciò non andava bene, al rispetto non si è mai dato rispetto, il rispetto è soltanto formale, sulla carta, purtroppo è per davvero così, perché una donna che decide di pensare alle sue sculture di Angeli, anziché fare la buona massaia mettendo su famiglia, si nega ogni bene, sono parole sprezzanti, speriamo non sia mai così, però purtroppo abbiamo le prove di ciò nella vita di Camille Claudel.

Camille, vissuta nella Francia della Bell’Epoque, un periodo tanto liberalista, dove poteva sembrare che ci fosse posto per tutti, per ogni voce di pensiero, si trovò presto al confino.

Camille Claudel, nata l’8 dicembre 1864 e passata a miglior vita il 19 ottobre 1943, scolpiva gli Angeli più sublimi, ciò che le dava conforto, Angeli dalle fattezze in movimento, nel pieno svolgimento delle loro attività, Angeli da inquadrare, far risaltare, spavaldi alfieri del bene che si erge sopra ogni cosa.

Il padre la aiutava per quanto possibile e confortava per ogni necessità, ma poi venendo improvvisamente a mancare, passato a miglior vita, Camille si ritrovò con madre e fratello, una madre pienamente contraria alla scelta di vita di Camille, che per ciò per il quale viveva non andava bene ed elevatasi a peggior nemico, prese prima le redini a divenire tutrice di Camille, facendola ritenere insana di mente e successivamente, contro il parere dei medici, che non vedevano nulla di quel mostro che aveva descritto la madre, capace soltanto di andare contro i valori morali della società, la fece rinchidere in manicomio, dimenticandola completamente e così fu per 30 anni, ovvero per tutto il resto della vita di Camille, che giustamente asseriva di non sentirsi più Umana a stare lì dentro.

All’epoca che Camille Claudel era ancora libera, per motivi artistici incontrò l’amico Auguste Rodin (François-Auguste-René Rodin), col quale intrattenne promettente quanto seria condivisione degli studi artistici, naturalmente un così bravo amico glielo allontanarono subito, perché temevano che quelle anormali sculture potessero divenire normali e la vita stessa di Camille, col suo modo di viverla in disappunto da schemi precondizionati, potesse essere pensata come una libera scelta, molto meglio farla diventare pazza pensò certamente la madre, che senza attendere troppo architettò lo stratagemma distruttivo del sangue del suo sangue, sua figlia, l’angelica Camille distrutta dalla perfidia della madre.

Oggidì, a dispetto della infamante reputazione inflitta a Camille Claudel, assieme a ogni azione devastatrice la sua vita, sono stati aperti 2 musei che la ricordano e presentano al pubblico le meraviglie dei suoi Angeli scolpiti, è incredibilmente bello, nuovo, aperto da qualche settimana, il museo dedicatole, il Camille Claudel, all’indirizzo di Rue Gustave flaubert 10, (Codice avviamento Postale 10400) Nogent-Sur-Seine e la stanza dedicatole al Museo Rodin, del suo caro amico Auguste Rodin, all’indirizzo di Rue de Varenne 77-79, (Codice Avviamento Postale 75007) Parigi, indubbiamente entrambi da dover visitare, trovando la possibilità.

Claudel & Rodin sono binomio di quell’entusiasmo che va oltre gli schemi prefissi, le loro opere scultoree sono rappresentative della forte passione per l’arte che non sopisce mai, senza filtro, venendo presentata ad un pubblico che ne è sempre rimasto sbalordito.

Se non abbiamo la possibilità di cambiare il passato, almeno dobbiamo avere il coraggio per cambiare il futuro.

Nella foto: Camille Claudel al tempo nel quale era autonoma e desiderosa di costruirsi una sua vita.

Condividi post

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

commenti

Federico 04/15/2017 10:36

dovresti essere felice per quando torneranno le Creature extraterrestri, nel disegno Divino è stato deciso il 2017.
Bene, l'1/1/2018 cosa farai? Chiudi il blog? chiederai finalmente scusa e ti deciderai di andare da uno specialista, di andare a scuole. OPPURE SEMPLICEMENTE COME HAI GIA' FATTO INNUMEREVOLI ALTRE VOLTE, FARAI FINTA DI NULLA ED ALLE DOMANDE RISPONDERAI: STO PREPARANDO UN ARTICOLO, A BREVE GROSSE NOVITA'?

Gennaro Gelmini 04/17/2017 15:47

(Risposta a Federico 15 aprile 2017 10:36) Ripeto che ci troviamo consoni quest'anno 2017 ad indicarlo per il ritorno delle Creature extraterrestri, tantissimi i segni e pure chi preannuncia il ritorno, abbiamo pure il Dalai Lama:
http://www.universo7p.it/dalai-lama-genere-umano-dovra-pronto-ad-un-contatto-civilta-extraterrestre/
Devi considerare Federico che si, sono 18 anni che sto facendo divulgazione, molto bene, così un giorno non si portà dire che non avremo fatto abbastanza, le Creature extraterrestri a varie ondate avevano cercato degli Umani che facessero divulgazione, siamo precursori, il Genere Umano che aiuta il Genere Umano, finché arriveranno le Creature, non ci vorrà molto, sono qui dietro l'angolo, anzi, ci vorrà pochissimo, di giorno in giorno le aspetto, anche domani e a seguire, sii contento, pubblicherò prestissimo le nuove prove che ho e se mi conoscessi veramente non scriveresti di specialisti.

Emilio 04/11/2017 22:58

Noooo, ma che dite.... l'importante che si capisce, vero Gennarino? Non importa come scrivi, chi è andato a scuola a perso tempo, chi ha imparato ha sprecato soldi e fatica, chi ha perso la vista sui libri è un coglione. Si deve fare come Gelmini, che non ha bisogno delle scuole.

Gennaro Gelmini 04/15/2017 00:10

(Risposta ad Emilio 11 prile 2017 22:58) Mi fai ricordare belle cose della scuola a Laveno, sul Lago Maggiore, dai Emilio, scherzi pur sapendo che la scuola è importante e siccome è importante, prova tu, Aristide e gli amici tutti a vedere questo video per intero:
https://www.youtube.com/watch?v=WOkDYbN_W9o

Aristide Massacesi 04/11/2017 09:37

Gennaro abbiamo capito perchè scrivi di questi personaggi quantomeno particolari in vita e riscattati da morti, il.messaggio è arrivato. Solo una cosa: glielo non si scrive gli e lo. Ad ogni modo è un obbrobrio e non va usato, ma se proprio devi si scrive glielo.

Gennaro Gelmini 04/15/2017 09:50

(Risposta ad Aristide 11 aprile 2017 09:37) Ti ringrazio Aristide, ma mai per intero potrebbe arrivare il messaggio, per ora arriva solo frammentato, perché a comprendersi tramite internet, rimane comunque la distanza, io preferisco quando ci si incontra e si riesce a dialogare, che per dialogare ci vuole pure la possibilità di poter parlare liberamente, grazie per l'ortografia, sistemerò.

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito