Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
28 marzo 2017 2 28 /03 /marzo /2017 13:03
Creare una mail e spedire lettere

Siccome tal volta l’esperienza insegna, occorre avere più legami, che all’occorrenza non funzioni 1, ce n’è un altro e ciò capiterà proprio quando ne avrete più bisogno, quindi procediamo, un collegamento in più può essere dato da una mail e comunque in generale gli account internet funzionano solo se una mail l’avete, anche se c’è chi sta dando la possibilità di immettere il numero del proprio telefono cellulare al posto della mail, comunque se potete, se volete e se non l’avete, potete farvi una mail, spiego in che modo, brevemente:

E’ necessario anzitutto avere un collegamento internet, in mancanza andare ad esempio in un internet point e iscriversi per avere la tessera personale per il collegamento;

Collegarsi ad internet aprendo una finestra, in poche parole aprire internet e cercare, proprio nelle ricerche o nelle opzioni della finestra aperta, un sito dove aprire una “mail”;

Cliccare su apri mail e crea mail, a seconda dei siti divesamente indicato e inserire i dati anagrafici e di contatto richiesti;

Scegliere un nome o nickename (nomignolo, soprannome) che più tra tutti sarà conforme a noi stessi, comunemente potremmo mettere nome.cognome@ (la a col cerchio attorno si dice chiocciola), più la restante parte nella quale comparirà espressamente il nome del sito sul quale andiamo a creare la mail;

Rendendosi necessaria una differenzazione tra tutte le persone che tramite quello stesso sito hanno la mail, nel caso il nome scelto sia uguale ad un’altra persona, occorrerà differire il nome per poterselo fare approvare, ma è sufficiente anche il punto tra nome e cognome tolto o abbreviazioni, per creare la differenza occorrente, totalmente in minuscolo pure nelle iniziali di nome e cognome, se volete farvi trovare con facilità, farete così, altrimenti certo, c’è chi, per farsi trovare ad esempio solo da amici e parenti, mette nomi strampalati, di fantasia;

verrà richiesta una password, che è un codice alfanumerico, insomma, per intenderci, parole, numeri e punti di interpunzione senza spazi, ciò che comunque è importante ricordare, la password per il virtuale di mail e siti, equivale nella via reale alle chiavi di casa, una casa soltanto vostra, una casa nella quale se entrasse qualcun altro, come minimo svuoterebbe il frigo o peggio, farebbe sparire la casa, una password totalmente estranea a ciò che siete e ciò che fate, però il vostro cervello deve sempre ricordarla, senza che mai la pronunciate a voce e quando capiterà di dover cambiare password, perché magari avete il sospetto che qualcuno la stia insinuando, fate prima delle scansioni antivirus complete, poi ricordate sempre la nuova password, anzi, consiglio di premeditarla, ovvero pensate già prima a quale password metterete, così che sia veramente buona;

entrando nella mail, sarà facile trovare e cliccare su “spedisci” mail, si aprirà sulla stessa finestra o su di un’altra finestra, a seconda del funzionamento della mail, la finestra sulla quale scrivere la mail, in pratica la pagina, un foglio in bianco sul quale scrivere la lettera, dove apporterete il destinatario della missiva e dove comparirà il vostro indirizzo mail, ad indicazione del mittente, quindi scrivete e spedite, in alto o in basso troverete delle opzioni, per inserire un allegato, foto, video o testi in formato pdf che voglite spedire ad esempio, oppure sarà una semplice lettera di cortesia, per gli allegati, cliccando su “allega”, oppure su di una semplice graffa disegnata, che le mail in diversa maniera indicano, si aprirà un’ulteriore finestra, nella quale si potrà scegliere dove andare a prendere il file da allegare cliccandoci sopra per evidenziarlo, quindi cliccando nuovamente per allegarlo, nel caso poi all’apertura di quest’ultima finestra il file non si visualizzi, significa che è di un formato non spedibile, verificare i file e all’occorrenza quando possibile modificarli in un formato spedibile;

Cliccare “spedisci” ed è fatta, per ultimo controllare in “posta inviata” se effettivamente la mail è stata spedita.

Alla prossima.

Nella foto: portalettere, statua situata sulla parete di Palazzo del Maino che volge verso Piazza Leonardo da Vinci a Pavia.

Condividi post

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

commenti

Federico 03/29/2017 13:32

Si vede che nella vita hai tempo da perdere! Ma secondo te, quelli che leggono non hanno un email? Cioè semmai uno ha la posta elettronica e non naviga ma non al contrario.
Visto questo tuo tempo a disposizione perchè non ti prendi un bel libro di grammatica italiana, oppure uno di scienze e comincia ad imparare qualcosa?

Gennaro Gelmini 03/29/2017 21:31

(Risposta ad Aurelio 29 marzo 2017 17:50) Andando al Museo del Risorgimento a Milano, avevamo notato che tanti oggetti appartenuti a Giuseppe Garibaldi, avevano un simbologia nettamente Massonica, questo posso confermare.

Gennaro Gelmini 03/29/2017 21:22

(Risposta a Giuseppe 29 marzo 2017 14:56) La sorpresa comunque ci sarà Giuseppe, dovremo imparare a convivere con le Creature extraterrestri senza granché molto preavviso, che in generale l'Umanità ha sempre voluto negarsi all'incontro, adesso avverrà, chi ha voluto come me è già dall'altra parte, pronto al nuovo Mondo.

Gennaro Gelmini 03/29/2017 20:54

(Risposta a Federico 29 marzo 2017 13:32) Si, si Federico, adesso mi metto a studiare musica, ma non lamentarti più, segui il link, sembri proprio tu in questo video:
https://www.youtube.com/watch?v=cWaOvm7LX18

Aurelio Saffi 03/29/2017 17:50

Caro Giuseppe, ti ricordo che i moti del 1848 ed anche la fondazione della Giovine Italia, nacquerò da un idea annunaka che già a quei tempi era profonda nel cuore del popolo. Gelmini potrà confermarlo.

Giiseppe Mazzini 03/29/2017 14:56

Caro Federico, vedo che non afferri la sottigliezza di Gennaro. Egli ci insegna prima.a comunicare con le sue missive scritte, pee poi passare al blog, ai video e alle email. Il prossimo passo è la comunicazione telepatika annunaka, che egli già usa al posto del cellulare. Quando ci insegnerai la telepatia Gennaro? attendo con impazienza, non vorrei che l'arrivo degli annunaki mi cogliesse impreparato.

Cristoforo Colombo 03/29/2017 12:44

L'articolo più inutile di tutti i tempi.

Gennaro Gelmini 03/29/2017 20:43

(Risposta a Cristoforo 29 marzo 2017 12:44) In utile, certamente.

Emilio 03/28/2017 15:28

Brravo molto interessante..... nessuno lo sapeva.
Ah, si dice e-mail o email (eletronic mail)

Gennaro Gelmini 04/01/2017 09:07

(Risposta a Emilio 30 marzo 2017 08:20) Un commento diverso da questa prassi da te Emilio non potevo aspettarmelo, almeno si è visto quante cose so continuare a fare, senza dover aspettare, avessi dovuto chiedere una rilettura, avrei trovato solamente motivo d'inciampo, mentre non ho motivo per dover trascinare a forza gli altri, che seguiteranno quando comprenderanno.

Emilio 03/30/2017 08:20

Perchè mail senza e non è italianizzato?
Comunque il tuo articolo precedente, ovvero la lettera inviata alle autorità, è un obrobrio.
Centinaia di parole senza un punt fermo. Decine di frasi concatenate nelle quale si perde il soggetto. Lo capisci che in una frase occorre il soggetto? Non puoi tralasciarlo altrimenti perdi il filo del discorso.
Fallo leggere a qualcuno, anhe ad una maestra della materna, vedrai le risate che si farà.
A proposito, ma quando arrivano gli annuni? Sai lo ripeti da 18 anni, mi sono un po' scocciato ad aspettare.... e non voglio più sentire chiacchere, basta con le date a casaccio: lo sai o non lo sai?

Gennaro Gelmini 03/29/2017 20:21

(Risposta a Emilio 28 marzo 2017 15:28) Come sempre italianizziamo molte parole.

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito