Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 gennaio 2017 2 03 /01 /gennaio /2017 19:11
Albero monumentale Piantone Varese attaccato da funghi che fare?
Albero monumentale Piantone Varese attaccato da funghi che fare?
Albero monumentale Piantone Varese attaccato da funghi che fare?
Albero monumentale Piantone Varese attaccato da funghi che fare?

Il gigantesco Albero Monumentale Cedro del Libano, chiamato dai Varesini “Il Piantone”, esistente in Via Veratti angolo Via Del Cairo, già dai secoli scorsi si trova in quella condizione tanto amata, ovvero a sentinella della città di Varese, difatti trovando sfoggio all’inizio dell’isola pedonale del centro storico, è attulmente in decadimentose condizioni.

Le forti piogge dell’autunno scorso hanno fatto crescere dei funghi, potrebbe trattarsi del Poliporo Sulfureo (Laetiporus Sulphureus), che hanno attaccato la base del suo tronco, mostrati qui sopra nelle foto eloquenti, dove si vede il proliferare fungineo.

Una mia personale soluzione vede, al di fuori di quelle che sono le decisioni agronome che potranno essere adottate, di grattare via i funghi per quanto possibile e mettere un funghicida, che però sia innocuo per l’albero, affinché possa continuare sempre a vivere, che c’è il rischio hanno detto, che vogliano abbatterlo, senza considerare che “Il Piantone” è l’albero che sta simbolicamente a guardia della città di Varese, toglierlo equivale esotericamente a togliere una colonna portante, l’equivalente di un’obelisco delle grandi città, così un albero Cedro del Libano per la piccola Varese.

Condividi post

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

commenti

Tebano Visconti 01/05/2017 18:53

Caro sig. Gelmini, leggo i suoi post e mi sovviene che lei abbia anche seguito corsi di agraria, oltre ad essere un evidente gastronomo.
Volevo porle questo quesito, chè lei mi pare persona adatta per i vari aspetti che compongono il quesito stesso:
la massiccia immigrazione di persone dalle aree sud italiane - africane - asiatiche sta portando ad un massiccio import di piatti stranierk, vedi kebab e 'nduja, a discapito della nostra polenta taragna.
Oggi stesso un articolo di Repubblica titolava: La cucina calabrese è la cucina italiana più apprezzata del mondo.
Cosa possiamo fare noi Varesotti DOC per proteggere ed esportare la taragna?
Spero che anche lei ne mangi quanto me, cioè almeno un paio di piatti a pasto.
Saluti,
Tebano.

Gennaro Gelmini 01/06/2017 23:45

(Risposta a Tebano 6 gennaio 2017 11:36) Grazie Tebano, ho già comprato la farina taragna, rigorosamente di mais e grano saraceno integrali, ho visto che c'era anche nella versione istantanea, invece ho preferito quella tradizionale, da dover girare nel paiolo per quasi un'ora intera, so già come fare, la farò io di persona per farla più consistente di come la fa mia madre, per chi non avesse la ricetta, ho visto che ci sono tanti video esplicativi su vari canali dedicati alla cucina, ci farà bene, nell'alimentazione occorre sempre variare, grazie dell'idea salva ricotta Tebano, a presto.

Tebano Visconti 01/06/2017 11:36

Mio incredibilissimo Gelmini! Un chilo e sette solo di ricotta per la taragna! ma lei è un mito, un maestro! Non credo riuscirò mai a raggiungere le sue capacità ma una cosa sola mi è certa: lei ha salvato la taragna! Viva la taragna, viva Gelmini!!

Gennaro Gelmini 01/06/2017 00:44

(Risposta a Tebano 5 gennaio 2017 18:53) Grazie del commento e dell'idea Tebano, la polenta taragna è una gran bella cosa, fatta col mais e grano saraceno, ottima in queste giornate d'inverno e durante escursioni, camminate in montagna e campagna e che bello, mi hai fatto venire in mente che per finire un chilo e 700 grammi di ricotta che mia madre ha comprato (davvero troppa), posso fare una ricetta con polenta taragna e ricotta aggiunta assieme e benissimo, la ricotta è salva, qualche pensata per la polenta taragna la farò, occorre che organizzi, comunque ogni cucina è buona se fatta con passione, è importantissimo mantenere le tradizioni, soprattutto in difesa della salute mangiando bene, per il resto devo solo ricordarmi di cliccare sempre sul 7 di 2017 quando rispondo nei commenti, che il 2016 è trascorso.

Federico 01/04/2017 11:53

"Una mia personale soluzione vede...."
Ah, questa mancava all'elenco, sei anche un agronomo!
Peccato che il nostro esperto ha solo una terza media regalata e presa con l'insegnante di sostegno.

Aggiorniamo l'elenco:
Agronomo
Astronomo
Astrologo
Meteorologo
Fisico
Fotografo
Parapsicologo
Informatico
Medico
.....

Gennaro Gelmini 01/09/2017 16:20

(Risposta a Federico 7 gennaio 2017 08:41) Questo è solo l'inizio.

Federico 01/07/2017 08:41

Dinattiti? perchè tu vuoi dibattere sulle isole che galleggiano?
E' interminabile la tua ottusità a voler comprendere che il mondo nonfunziona per come credi tu.
Non basta fare sogni la notte, visioni, allucinazione per capirne il funzionamento.
Bisogna studiare, applicarsi, proporre delle tesi e determinarne l'esito.
Ma purtroppo spreco tempo con te.
La tua la chiami divulgazione? ma lo sai che per fare divulgazione ci vogliono i titoli, ci vogliono le ricerche, i risultati.
Gelmini, quali sono questi progetti del 2017?
Cambiare registro, questo sì che dovrebbe essere un tuo progetto

Gennaro Gelmini 01/07/2017 00:04

(Risposta a Federico 6 gennaio 2017 12:10) Dai Federico, che quest'anno 2017 abbiamo grandi progetti, il resto sono dibattitti interminabili.

Federico 01/06/2017 12:10

Certo io posso credere in sincerità che un asino abbia le ali, ma non ho mai portato una prova pertanto la mia sincerità diventa una falsità.
p.s. le isole galleggiano e pertanto sono esenti dal terremoto!
L'ha detto mia nonna?
ri p.s. infatti in Sicilia non ci stanno mai terremoti, vero?

Gennaro Gelmini 01/06/2017 00:10

(Risposta a Federico 5 gennaio 2017 14:56) Ecco, di queste isole che galleggiano, non è propriamente come si era convenuto dire, comunque ho sempre continuato, non ho mai smesso la divulgazione, la sincerità mi ha sempre contrassegnato, non la credibilità, la sincerità, per la credibilità, in troppi hanno guardato alle versioni ufficiali, senza metterle in dubbio, seppure qualcuno aveva detto che il dubbio è un'arte.

Federico 01/05/2017 14:56

punto e daccapo: su di te nessuno mi ha mai detto nulla, l'opinione viene da quello che scrivi, che filmi, che asserisci... Se sei una barzelletta vivente non è colpa di altri che hanno parlato male di te, ma tua per come ti comporti!
Lo capisci?
Fai un passo indietro e comincia a scrivere:
scusate signori, le isole non galleggiano, sono solamente delle terre emerse, cioè più alte del livello del mare che le circonda.
Sotto l'isola non c'p il mare ma terra. Le isole non sono canotti

Gennaro Gelmini 01/05/2017 13:17

(Risposta a Federico 4 gennaio 2016 11:53) Non hai mai voluto conoscermi per quello che sono realmente, ciò che avevo da dirti ti dava nuova luce, hai solo badato a ciò che su di me si è scritto, senza verificare, senza che ti ho potuto mai dire le cose come stanno, seriamente.

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito