Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
27 giugno 2017 2 27 /06 /giugno /2017 17:25
Estate 2017 tra siccità e alluvioni e conseguenti incendi

Un inizio estate siccitoso, intervallato da piogge torrenziali, alluvioni, le frane cadono a ridosso delle abitazioni, in Italia in Trentino Alto Adige 2 frane hanno interessato la Strada Statale del Brennero e la Strada Provinciale tra Chiusa e Velturno e una terza frana con copioso smottamento del terreno è scesa dai monti sopra l’abitato di Fossi di Sotto, frazione di Enego, paese della Provincia di Vicenza, disastrando l’intera arteria stradale del borgo, mentre in Cina una frana ha interessato 140 abitanti del villaggio di Xinmo, nella Regione Sichuan, provocando almeno 15 vittime.

Incendi hanno interessato il Portogallo; durante la siccità le stoppie divengono numerose nel sottobosco, durante improvvisi quanto modesti acquazzoni i fulmini copiosi innescano gli incendi.

Una situazione altamente instabile, che quando al grande caldo delle alte pressioni, subentrano le basse pressioni dei temporali, i tuoni sono estremamente fragorosi e prolungati.

A Roma imperversa una siccità eccezionale, da 6 mesi piovendo pochissimo, quasi per nulla, tuttavia essendo le prese dell’Acquedotto Romano situate a 50 Km di distanza sui monti dell’Appenino Laziale, non ci si accorgeva particolarmente, soltanto adesso che l’acqua inizia a scarseggiare e ne fluisce sempre meno, ci si è accorti della drammaticità della vicenda.

Tornado imperversano negli Stati Uniti d’America, finanche danneggiando 2 aerei Boeing 747 Presidenziali conosciuti con l’appellativo di “Aerei del Giorno del Giudizio” poiché costruiti per trasportare il Presidente USA lontano dal conflitto nel caso di attacco nucleare.

Prima il corrente periodo siccitoso, a cui subentrerà un periodo alluvionale, infine la sismicità che torna e tornerà a imperversare, la casistica ammette tali eventi.

E sono tantissime le news di questo periodo che avvia alla conclusione il mese di giugno 2017, io ho dato un assaggio di quelle di cui ho saputo direttamente, molto altro sta accadendo, sempre ne farò sapere, affinché sia fatta chiarezza sui motivi scatenanti tali eventi e come consuetudine pure la foto in modalità free è mia, essa rappresenta un grande cratere nel terreno.

Saluti alla prossima da Gennaro Gelmini.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
25 giugno 2017 7 25 /06 /giugno /2017 23:18
Una domenica a ricordare i nostri cari del Commonwealth
Una domenica a ricordare i nostri cari del Commonwealth

Cari amici, intervallando gli articoli con degli interessanti video, oggi ricordiamo i nostri cari, che hanno dato la vita per noi, ci riferiamo alla Seconda Guerra Mondiale, avvenuta tra il 1939 e il 1945, nella quale le vittime militari inglesi e della coalizione del Commonwealth riposano in pace nel Cimitero di Guerra di Milano (Milan War Cemetery).

Io Gennaro Gelmini e Youtuber Maury compiamo la dovuta visita per atto di Fede, ulteriori 2 video al canale di Youtuber Maury Urbex e Vlog, ai seguenti link:

Cimitero Britannico Parco Trenno Milano 1 parte:

https://www.youtube.com/watch?v=cn_sUYrKWxs 

Cimitero Britannico Parco Trenno Milano 2 parte:

https://www.youtube.com/watch?v=y8BD7V48LOA 

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
24 giugno 2017 6 24 /06 /giugno /2017 06:16
Chi è il migliore al cospetto di Dio?

- Gli oggetti possono compiere un reato? - No, soltanto le persone fisiche lo possono compiere. - E allora perché sui sacchi della spazzatura c’è il microchip?

E incominciamo superficialmente, per addentrarci più approfonditamente, perché è dalla superficie che si inizia, pure per un soffio del vento, una battuta, si entra, poi si con serietà si continua.

Chi è il migliore al cospetto di Dio? Chi può giudicare? Soltanto Dio.

E Dio sa assumere i suoi devoti, sapendo scegliere i migliori e chi sono i migliori?

In verità l’esperienza insegna e certamente Dio sceglie per le esperienze che abbiamo nella vita e non soltanto per la preparazione.

Partiamo da un semplice concetto, ciò che è facile e ciò che è difficile, ma che cosa è facile e che cosa è difficile?

E’ un concetto soggettivo, ciò che per noi è facile, ciò che per noi è difficile, dipende in realtà da ciò che siamo abituati a fare, che se facciamo un lavoro rischioso o una vita stessa piena di rischi, ci sembrerà la normalità, mentre ciò che andremo a fare, senza un adeguato riscontro esperienziale, ci parrà una cosa assurda a portarlo a compimento se lo giudichiamo difficile, mentre ad altri apparirà estremamente facile, magari è solo questione d’abitudine, magari!

In verità, da giovani ci si reputa più saggi dei maturi, da maturi ci si reputa più saggi dei giovani, restando però, vedete, sempre in un confronto nel quale reputiamo essere migliori di altri, piuttosto che cercare di migliorare noi stessi, giorno dopo giorno.

Le esperienze della vita ci plasmano e ci sono taluni, talmente tanto plasmati, che non lo possono essere ulteriormente, erano quelli i Sacerdoti e Sacerdotesse dell’antichità, votati al loro Dio, senza una sola intransigenza.

Oggigiorno si presenta la compassione con estrema naturalezza, senza pensare che non ci si può anteporre al giudizio di Dio, perché Dio Padre può tutto, è quindi pure compassionevole, vuole bene come una madre ai suoi figli, Dio Creatore è Padre e pure Madre allo stesso tempo, lui può! I genitori hanno però l’obbligo di essere compassionevoli e severi allo stesso tempo, per il bene dei figli e questo è un importante concetto di vitale importanza.

E infine ho sognato che il file di una lettera che scrivevo assumeva il nome Giada e la giada rappresenta le 5 virtù dell’Umanità, la saggezza, la giustizia, la compassione, il coraggio e la modestia, di giada erano gli strumenti dei rituali religiosi sino dall’antichità, in contatto col sommo Creatore, che al Divino incontro, ci mostrerà la via, la vita, la verità.

La foto sopra, “Strada della vita”, ricorda in maniera palpabile ciò che virtualmente percorriamo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 giugno 2017 3 21 /06 /giugno /2017 00:12
Spionaggio extraterrestre: i 100 metodi degli Angeli
Spionaggio extraterrestre: i 100 metodi degli Angeli

Il pensiero Umano non è portato ad immaginare una tecnologia più sviluppata della sua, poiché si sentirebbe inferiore, ciò accade per colpa del distacco, che per mantenere il Mondo saldo, al pensiero di se stessi, molti Umani hanno finito col dimenticare l’Universo che ci circonda, che siamo una sola famiglia, dove nessuno rimane indietro, d’altronde l’Uomo teme di essere messo in secondo piano al cospetto dell’immensità extraterrestre, così compie l’esatto contrario, screditando le Creature extraterrestri tramite un fare egocentrico, senza pensare allo Spirito Divino che ci accomuna.

Sulle metodologie extraterrestri di spionaggio, esistono 100 sistemi diversi, passando da molteplici metodi ad altri ogniqualvolta questi vengano scoperti, che siccome ogniqualvolta vengano scoperti non possono più essere utilizzati, è chiaro che si è preferito cominciare con metodi grezzi diciamo, che sovente adesso non sono più utilizzati e successive metodologie più fini, con geniali trovate.

Un’energia Divina regola l’Universo, è quella dell’Amore, dicasi pure “ama il tuo prossimo come te stesso” oppure “la tua libertà finisce dove inizia la mia”, perché diversamente si ostacolerebbe la vita, perché occorre vivere e non sopravvivere.

Elenco dei trascorsi metodi di spionaggio extraterrestre:

specchio fatato:

quando uno specchio può dirsi fatato?

Esistono Creature extraterrestri amorfe, ovvero senza forma definita, perché prendono qualunque forma vogliano, così possono diventare pure degli specchi, che tanto anche a farli passare sotto un metal detector la corazza è identica ad un normale specchio, occorre vederlo in sezione per trovare ciò che non li accomuna a un normale specchio, la grana grossa luccicante grigia e il peso di un poco superiore, quindi passandolo su di un nastro trasportatore per scannerizzarlo, scansionarlo, nulla di anomalo risulta; la Creatura contenuta nello specchio fatato è in grado di ipnotizzare chi si specchia e interloquire per carpigli ogni informazione della quale debba sapere, il metodo fu tuttavia abbandonato quando i terrestri iniziarono a curare la miopia col laser nei centri specialistici, perché poi una volta l’ultima parte di dialogo in ipnosi, dove vengono annullati i ricordi del momento, non funzionò correttamente ricordandosi il terrestre che aveva visto qualcuno o, per meglio dire, qualcosa, fu così che installarono un rilevatore di presenze con videocamera e per evitare di essere scoperto, la Creatura extraterrestre amorfa dello specchio dovette aspettare 2 settimane per farsi recuperare indenne da una Creatura extraterrestre mutante e sostituire da un normalissimo specchio, dette Creature sono chiamate anche “metallici” e la loro consistenza, a riposo, è molto simile a quella di un sacco di patate, solo di consistenza intesi, perché di cervello sono molto raffinati;

Creatura extraterrestre mutante:

sono velocissime, possono andare a centinaia di km/h (chilometri orari) qualora se ne presenti l’occasione, superando in tal modo blocchi di sicurezza adatti al Genere Umano, per cercare nei sistemi informatici accessi virtuali e meccanici; lavorano la notte, rivestiti da una membrana nera, che li preserva meglio alla vista pure in aree illuminate grazie alla velocità e li protegge da eventuali urti;

cellula uovo:

esistono uova extraterrestri nelle quali ci si può immettere per trarne beneficio, un po’ come le grotte di sale terrestri, or bene, alte dai 2 ai 3 metri e mezzo, si può ad esempio immettere un terrestre al loro interno mentre lo si sostituisce con una Creatura extraterrestre mutante che prende le sue sembianze fino a 2 settimane per poter acquisire le informazioni che occorrono, al termine si immetterà una memoria forfetaria all’incubato nell’uovo, che penserà di aver vissuto quei giorni in maniera assolutamente normale;

uomo bionico, donna bionica:

stavolta si tratta di un Terrestre, con un’eccezione, nel suo passato aveva rischiato di finire male, poi se la cavò, ciò avviene grazie a una componente elettronica extraterrestre inserita nel suo corpo che l’aiuta, ciò che potremmo umanamente chiamare by-pass extraterrestre; il bionico è totalmente asservito al servizio delle Creature extraterrestri e assumerà le informazioni alle quali e Creature extraterrestri sono interessate tramite captazione, resterà per sicurezza comunque soltanto un veicolo per portare informazioni, senza che sovente venga a conoscenza di tali informazioni; siccome una parte del suo corpo è elettronica, supera i metal detector grazie al fatto che i materiali elettronici extraterrestri di cui è composto parte del suo corpo sono difficilmente riscontrabili, per poterli trovare occorrono metal detector portati ad un controllo più capillare, considerando però che possono nuocere alla salute umana, le Creature extraterrestri sanno che i terrestri li impiegano in tal modo al massimo dell’efficienza poche volte, di rado, occorrerà quindi semplicemente portare addosso una cintura con grossa fibbia metallica o una graffettatrice dimenticata nella borsa che non è stata messa nel contenitore per gli oggetti metallici, per farsi trovare in negligenza sviando sui contenuti extraterrestri del suo corpo; il bionico evita di preoccuparsi di essere scoperto, perché la tecnologia di cui si dispone non è conosciuta agli umani e quei pochi che ne sono venuti a conoscenza, ciò che sanno mai lo rivelano ai loro sottoposti, poiché sanno di non poter competere con la maestosità extraterrestre

Ben vengano i comitati dei dubbiosi, a voler controllare e sempre trovare che non ci sia nulla di anormale, che è tutto regolare, in tal modo nessuno ha compiuto nulla, spero soltanto di trovare persone felici che gli extraterrestri ci stiano vicino, pace.

Nelle foto la pelle di risulta di un rettile che ha compiuto la muta sul sagrato della Chiesa della Madonna della Neve e il viale alberato col Santuario situato ad Azzate, paese della provincia di Varese.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
18 giugno 2017 7 18 /06 /giugno /2017 01:00
Un pensiero ai Sindaci aventi magro stipendio
Un pensiero ai Sindaci aventi magro stipendio

Parliamo oggi di ciò che è mancato dalle cronache di un Mondo per ciò che si vorrebbe presentare, che a indire riunioni si fa presto, mentre a gestire situazioni sul territorio è più difficile.

Esistono più di 8000 Comuni in Italia, alcuni grandi in estensione, ricordiamo Ravenna, Milano, Roma, Napoli e altre città, che hanno saputo badare ai centri storici, non sempre alle periferie, l’Italia è una Repubblica che tutela le minoranze, dà diritti al territorio.

Però un territorio va anche valorizzato e spronato ad andare avanti, or dunque essendo l’Italia formata pure da tanti piccoli paesi, che adesso vorrebbero far diventare periferie di più più grandi paesi.

Piccole comunità che hanno lottato per avere un proprio territorio, che si sono staccate da altri paesi dei quali erano frazioni, tramite referendum democratici, proprio per il motivo di evitare di rimanere periferie dimenticate, si trovano veramente ora libere?

La libertà ottenuta viene mantenuta soltanto a parole, perché nel voler vedere tutto bene, tutto a posto, ci si dimentica se qualcuno mina alle fondamenta della serenità della comunità stessa.

Per ogni abitante occorre che espleti ogni suo diritto, dalla Carta d’Identità da rinnovare alla conduttura dell’acquedotto da rinnovare, ci sarà in origine sempre un Sindaco dietro tutto e mentre sto a guardare, l’orizzonte si profila, un sacco di casette, che a guardarle da vicino sono ville e palazzine assieme, qui fanno mostra di sé sulla collina e sotto.

Al massimo 893 Euro al mese di paga per indennità percepiscono i Sindaci dei Comuni fino ai 1000 abitanti, per interessarsi di un territorio comunque molto esteso, ma quanto pensavate?

C’era una volta l’aggregazione di persone, di discorsi, soprattutto d’intenti, oggi c’è il problema, problema per quello, problema per quell’altro e il problema di evitare di dire che il problema è un problema.

Una volta il signor Sindaco era il signor Sindaco, oggigiorno è un continuo domandare se il signor Sindaco ha fatto questo o ha fatto quello, considerandole promesse elettorali, però siccome durante le elezioni occorre sbaragliare i concorrenti con le migliori proposte, poi si deve vedere sul campo le difficoltà, forse meglio una Rapper Rock Band, annunciata da un gran volo di rondini, per il gran baccano che fa, a risvegliare un poco dal torpore, serva ad aggregare la comunità e sembra che ci riesca, sempre che i suoi componenti sappiano parlare alla gente, sappiano coinvolgere nella festa e al lunedì che ronfate (cioè dormite) per chi può.

Vita di paese raccontata da chi, come me Gennaro Gelmini, non conosce la differenza tra vita di paese e vita di città, che forse è lo stesso, perché qualcuno ha già scritto che “c’è un sole stupendo, ma lei vuole la luna”.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
13 giugno 2017 2 13 /06 /giugno /2017 18:36
Ho comprato un Uomo Nero perché ho ascoltato le sue preghiere

Già era accaduto a Torino, quando andammo ad una mostra di esoterismo e compii la solita disattenzione che porta bene, nessun danno materiale, però andando per sbaglio contro una vetrina nella quale erano conservati all’impiedi dei bastoni di circa 25 centimetri, a cui era attorcigliato del grosso filo di spago, ne feci cadere uno, senza creare danno materiale, però vedemmo una nube nera che immediatamente ne scaturì e se ne andò via lontano, senza nemmeno degnarci di un grazie, d’altronde comprensibile, siccome era uno spirito che saranno stati 150 anni che era chiuso lì dentro.

Rendendoci conto io Gennaro Gelmini e un mio amico che era con me, di ciò che avevo compiuto, guardando le teche, trovammo scritto che si trattava di Magia Vudù, a quel punto avrei voluto liberare tutti gli spiriti, ma non era possibile, alcuni erano chiusi in tal maniera che una loro liberazione era quantomeno impossibile senza le aperture delle teche, avevo però senza volerlo liberato uno spirito, che tanto senza danni materiali nessuno poteva perseguirmi, unica cosa rimasta in sospeso era che non sapevamo chi fosse quello spirito, quindi nei giorni successivi mi cimentai a leggere nella cronaca nera torinese se fosse accaduto qualcosa di grave e non trovando alcunché che potesse essere direttamente collegato all’azione di uno spirito, mi tranquillizzai.

Oggigiorno sono migliorato, capendo che gli spiriti che abbiamo in casa possono riporsi in degli oggetti di loro gradimento quando sono a riposo, in tal modo è facilitata la coesistenza di più spiriti nella stessa dimora, io però non avevo questa esigenza, mi bastava Ofelia, il mio spirito guida che in cambio del suo aiuto, vuole tornare in vita divenendo mia figlia, finché una sera Ofelia porta in casa una nube nera, una sagoma nera, ma ormai abituato a smorzare le mie paure e a fidarmi di Ofelia, le ho lasciato fare e la cosa si è ripetuta la sera successiva.

Finché, passeggiando per la città, camminai per una via che erano anni che non ci tornavo e alle vetrine di un negozio dell’usato riconobbi l’oggetto nel quale è custodito l’Uomo Nero, lo spirito che Ofelia si era portata a casa come suo amico e fui spronato a comprarlo, il negozio era però chiuso, sarei tornato appena possibile.

Un Uomo Nero è però uno spirito che può far avere un improvviso successo oltre ogni ogni aspettativa, qualcosa di grandioso, finché però in un tempo brevissimo, ricatapultare nella miseria assoluta, fu per questo che ci ripensai, per il momento evitando di comprarlo e chiedendo dei chiarimenti a Ofelia che mi rispose solamente che si era sbagliata, ovvero sbagliata a portarlo a casa per 2 sere.

Per ciò che ho potuto esotericamente sapere, l’Uomo Nero in questione era un pio uomo di chiesa, che però avendo partecipato a un duello, secondo quanto ai tempi contemplato dalla Legge terrena, nel quale l’avversario perì, alla conclusione dei suoi giorni non era riuscito a rimediare sulla presa dell’Inferno che gli incombeva, così evidentemente tramite un Rito officiato da qualche suo amico fu al momento del decesso racchiuso all’interno di un oggetto onde fargli evitare la fiamma infernale.

Senza più l’intenzione a pensarci, continuai nelle mie faccende, fin quando una notte sognai l’Uomo Nero, che siccome l’oggetto nel quale risiede era rimasto invenduto, si ritrovava chiuso nella stanza da 2 faccendieri che gli dicevano che sarebbe rimasto lì dentro fino alla fine dei giorni, che non le sarebbe comunque mancato nulla, al punto che l’Uomo Nero iniziò a pregare come ho mai sentito meglio in vita mia, pregando in italiano implorava Dio misericordioso di aiutarlo a fare in modo di poter uscire da quella stanza, per poter avere un ruolo attivo in modo tale da redimere i suo peccati in più breve tempo.

Mi svegliai che dovevo andare al lavoro, però promisi che sarei andato a prendere lo stesso giorno l’Uomo Nero al negozio e così feci al pomeriggio e fu un bene andare attorno alle ore 18, quando trovai entrambi i negozianti, perché l’oggetto infestato era stato tolto dalle vetrine, erano quindi vere e sinceramente imploranti sue le preghiere, dovendo prenderlo a tutti i costi, ovviamente alla dovuta maniera, chiedendo al primo negoziante che mi arrivò incontro fuori dal negozio dove fosse finito ciò che volevo comprare, avendolo visto in vetrina giorni prima, lui non sapeva, a quel punto mi accompagnò dalla negoziante che in quell’ora c’era (ho fatto bene ad arrivare al pomeriggio) che però trovò ogni scusa per dire che lo aveva forse venduto, che loro partecipavano anche a dei mercatini e quindi le cose giravano per il negozio senza più ricordarsi dov’erano, che se l’avesse ripescato tra i tantissimi oggetti, l’avrebbe nuovamente esposto in vetrina e io sarei potuto ritornare per comprarlo.

No, io non ci stavo a quanto detto, sapendo che L’uomo Nero mi aveva fatto capire che stava nella stanza, evidentemente al di sotto di altri oggetti, così mi dilettai a cercare, mentre ancora parlavo con la negoziante, dicendole che poteva essere sotto tutto quel monticchiare di oggetti, finché, dimostrando che a quell’oggetto ci tenevo, senza però far vedere che non ne potevo fare a meno, che altrimenti la negoziante avrebbe alzato il prezzo o avrebbe negato la vendita, dicendo che lo volevo per Fede, mi disse di guardare sotto degli oggetti, che forse poteva essere lì e difatti lo sapeva benissimo che lì l’avrei trovato e io che non avevo mai perso la speranza, finalmente lo trovai, pagai le 5 Euro dovute e me ne andai, non senza trovare il primo negoziante incontrato che mi disse che potevo tornare a trovare altri oggetti interessanti e io a pensare in cuor mio che un Uomo Nero poteva bastare e pure avanzare.

Tornato a casa dissi all’Uomo Nero che non ho bisogno di nulla, poiché voglio un meritato successo che sta per avvenire, senza crolli improvvisi, adesso quell’Uomo Nero sta sotto la mia custodia, mi servirà per il discorso finale, prima del nuovo Mondo che verrà, da farsi soltanto quando tutti, proprio tutti, saranno certi del cambiamento senza alcun dubbio, prendendo poi il posto che mi appartiene.

La mia foto free mostra un eremita in un mistico momento, articolo scritto oggi 13 giugno 2017, giornata nella quale si venera Sant’Antonio da Padova, Auguri! Avvenimenti capitati nella parte torinese qualche anno addietro e nella parte del negozio dell’usato qualche mese addietro.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
9 giugno 2017 5 09 /06 /giugno /2017 23:37
Esplorazione all'edificio dai 105 anni di storia a Viggiù
Esplorazione all'edificio dai 105 anni di storia a Viggiù

Con video all’Hotel Prealpi di Viggiù in provincia di Varese. Mettiamo un indice alle priorità, facendo una cosa alla volta, così riusciamo a portarci avanti, stavolta visitando un edificio che ha fatto le molteplici veci di albergo, ospedale e colonia infantile.

Nato come albergo nel 1912, già nel 1915 fu requisito e trasformato in ospedale per i soldati feriti nella Prima Guerra Mondiale, molto combattuta sul fronte italiano di nord est, terribile la perdita economica per l’imprenditore, terribili le numersissime vittime umane della guerra dal 1915 al 1918.

Infine durante la Seconda Guerra Mondiale dal 1940 al 1945 il Prealpi diventa Colonia infantile per orfani di guerra e continua tale atività per un certo periodo.

105 anni di storia con Prima e Seconda Guerra Mondiale vissute direttamente, questo è il Prealpi, che mai nessuno è riuscito a soverchiare, che più di così non si può per ciò che è accaduto durante le guerre.

Pur mostrando i segni de tempo, struttura solidissima, ecco in questa sperimentazione urbex Gennaro Gelmini e Youtuber Maury nel video qui sotto, avente titolo “Urbex Hotel Prealpi Viggù con tetto e Maria Bertilla, visibile pure al link:

https://www.youtube.com/watch?v=NE_0spcLnW0 

Buona visione, il video include la visita al Prealpi con sottotetto, la Villa di Padre Beccaro e la storia illustrata di Maria Bertilla, la Santa che qui all’Ospedale Sanatorio Prealpi faceva l’infermiera.

Ulteriori video al Prealpi ai seguenti link di Youtuber Maury:

Trailer in differita Hotel Prelpi Viggiù con pecorone:

https://www.youtube.com/watch?v=YMMuL7NAQf0 

Villa di Padre Beccaro vandalizzata:

https://www.youtube.com/watch?v=jyAkwnKPajY 

Grand Hotel Prealpi Viggiù 1 parte:

https://www.youtube.com/watch?v=rCu5qvY2W9U 

Grand Hotel Prealpi 2 e ultima parte:

https://www.youtube.com/watch?v=xNZjWWQuOR4 

Slide hotel Prealpi Viggiù:

https://www.youtube.com/watch?v=uq3ZNAjPiNg 

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
6 giugno 2017 2 06 /06 /giugno /2017 18:10
Oroscopo del mese di luglio 2017

Venere il 5 luglio 2017 entra nei Gemelli e il giorno dopo 6 luglio 2017 Mercurio entra nel Leone, seguito da Marte anch’esso dal 20 luglio 2017 nel segno del Leone e infine Mercurio in moto diretto veloce entra nella Vergine il 26 luglio 2017.

La Luna è Piena nel Segno del Capricorno il 9 luglio 2017, è Nuova il 23 luglio 2017 nel Cancro.

Mercurio nel Leone è trigono a Saturno nel Sagittario il 20 luglio 2017 e a Urano nell’Ariete il 24 luglio 2017 e Giove nella Bilancia è trigono a Venere nei Gemelli il 19 luglio 2017.

Che dire, è eloquente quel Mercurio nel Leone del 6 luglio 2017, per un’estate travolgente, lasciatevi cullare, che noi sappiamo ciò che siamo solo nell’istante in cui realmente conosciamo noi stessi, nel mese di luglio 2017 si avrà l’opportunità di poter ripercorrere qualche eventuale ricercato progetto, che ad un eventuale distacco precedente da qualcuno o qualcosa, luglio è il mese giusto per mostrare il contrario.

I Segni di Fuoco (Ariete, Leone, Sagittario) metteranno a punto in tanto daffare, i Segni di Terra (Toro, Vergine, Capricorno) agiranno calcolando la fattibilità delle proprie azioni guardando lontano, i Segni d’Aria (Gemelli, Bilancia, Acquario) cercheranno un’improvvisa occasione di rivalsa vitale e i Segni d’Acqua (Cancro, Scorpione, Pesci) saranno occupati in veloci azioni pratiche e al tempo stesso dinamiche motivate.

Un saluto a presto da Gennaro Gelmini.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
4 giugno 2017 7 04 /06 /giugno /2017 17:53
Sangue raro nulla cambia donatori tutto cambia

Sapete, io mi faccio sempre certe domande, perché certe cose accadano e il perché lo trovo sempre, stavolta torna quel discorso sul sangue, che c’è bisogno di donatori e noi che c’entriamo? Poi si, ricordo, c’entriamo eccome, ricordando di quando ero operaio, che arrivarono a fare controlli in ditta e siccome facevamo lavorazioni con metalli, alluminio e quarzo, vollero fare degli esami del sangue e fu allora che un mio collega cercava chi avesse un gruppo sanguigno compatibile al suo, non che avesse il bisogno in quel momento, mi disse che era per eventualità future, siccome anni prima già sua sorella, camminando ai bordi di una strada senza marciapiede, era stata investita e si era salvata in extremis.

Sono tornato a verificare che ci fosse di vero in ciò che sentivo appunto raccontare e ho scoperto che, mentre notoriamente si sollecita alla normalità, che prevede sia tutto a posto, tutto regolare, non è tutto a posto e tutto regolare per un bel nulla.

Per davvero si è alla continua ricerca i donatori di sangue, mediante pure le associazioni dei donatori di sangue che ci tengono estremamente, rendo l’idea adesso?

Caspita! E’ assodato che occorrano costantemente donatori di sangue, quindi è pure sempre un bene quando troviamo ricerche del genere, che tante persone possono divenire donatori di sangue per fare del bene a chi ha un gruppo sanguigno compatibile al suo e pure a se stessi, qualora, speriamo mai, avessero bisogno, che nelle tante attività che compie il Genere Umano, non si può mai sapere, se poi per qualche motivo avete paura che a donare e ricevere sangue, taglio sulle eventuali polemiche, cioé, spiegandomi meglio, dovete pensare a ciò che si dice o a ciò che sentite?

Per i gruppi sanguigni compatibili, i medici ne sanno di più, io non sono, si sa, medico, non potrei dire diversamente, io più semplicemente incappo nelle cose della vita e cerco di capirci qualcosa, per altri che incappano nelle cose della vita e cercano pure loro di capirci qualcosa.

Onde evitare immagini che possano piacere o non piacere, di rosso ci metto il colore.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
28 maggio 2017 7 28 /05 /maggio /2017 16:17
Che metodo per combattere l'hacker Chris

A differenza degli altri, che combattono gli hackers senza nemmeno conoscerne i nomi, io degli hackers che ho combattuto, conoscono i nomi e tal volta pure i cognomi.

Allorquando si va a segnalare nel mondo fisico un attacco hackers, ovviamente avvenuto nel mondo virtuale, si va incontro a un serie di domande, ma qui la farò breve e tanto per iniziare, ho optato per segnalare direttamente al mondo virtuale le vicissitudini dello stesso mondo virtuale.

L’ultimo in ordine di tempo, l’hacker Chris, che ha compiuto l’errore di ripresentarsi una seconda volta o per meglio dire, non se ne era mai andato, difatti appena qualche anno addietro infettava tramite la visualizzazione dei suoi video, che, badate bene, non erano postati su canali ufficiali e quindi puliti, ma direttamente sul suo sito e per sua idea contenenti dei codec virulenti, che inizialmente erano degli spy virus, dei virus spia informatici per poter sapere ogni cosa che stavate facendo.

Chris mandava delle mail nelle quali asseriva di sapere ogni cosa (certo, la spiava) e prometteva la liberazione dall’assuefazione a internet (certo, illegalmente devastando virtualmente), ma mi liberai io in fretta di lui, capendo già che dopo la visualizzazione dei suoi video, la velocità di connessione della linea internet rallentava sistematicamente, di Chris mi rimase però una chiavetta di memoria infetta.

Adesso spiego meglio, i virus informatici devono prima essere trovati e segnalati alla rete internet come “errori di sistema”, perché all’inizio non sono riconosciuti come virus, ma solo come dei blocchi al sistema operativo del computer e/o alla connessione e proprio successivamente al blocco del computer, alla sua riaccensione o pure appena dopo il blocco, dovrebbe aprirsi una finestra nella quale inviare alla rete web la segnalazione, se avete optato negli aggiormamenti che volete fare parte del programma pr il miglioramento della rete informatica, ovvero, io lo consiglio, che quando fate gli aggiornamenti, cliccate sopra “personalizza”, togliendo la spunta ad ulteriori programmi software che vorrebbero darvi in abbinata e mettendo la spunta a “voglio far parte del programma di miglioramento della rete”, che consente arrivino segnalazioni dal web quando il computer si blocca, affinché la rete faccia le opportune verifiche e prepari eventuali aggiornamenti per pulire il web dai nuovi malware, ovvero programmi malevoli, virus informatici.

Detto questo, mi era rimasta appunto questa chiavetta infetta di un virus informatico speditomi da Chris, io avevo salvato i file dei video e di ciò che avevo scritto grazie al fatto che faccio sempre backup, ovvero, gioco da ragazzi che dovrebbero fare tutti, da una chiavetta copio sull’altra semplicemente cliccandoci sopra e così evidenziando un file e infine tenendo premuto il mouse tornando a cliccare sull’icona del file, lo sposto in copia nell’altra chiavetta, si fa di tanto in tanto quando si è certi che il computer è puito, per evitare di infettare le chiavette.

Così, file salvati, mi ritrovai con una chiavetta di memoria rimasta infetta per i virus informatici inviatimi da chris e non sapevo come poterla pulire, poichè fino a qualche tempo fa tutti gli antivirus facevano la sansione completa o anche soltanto della chiavetta, dicasi pure scheda di memoria, senza avvedersi che mentre trovavano il virus, questo già si era replicato nel computer, senza dare possibilità di pulire adeguatamente la chiavetta, così alcuni amici mi avevano consigliato di buttarla via, però io, che guardo sempre in avanti, ho guardato a quando la tecnologia mi avrebbe permesso di puire quella chiavetta è l’ho tenuta senza poterla utilizzare, mettendoci sopo la scritta “infetta” in modo tale di non poterla mai scambiare con quelle buone, finché ho avuto ragione, la tecnologia ha fatto quel passo in avanti che aspettavo, che adesso gli antivirus tengono sotto controllo durante la scansione pure la parte di collegamento tra i dispositivi mobili di memoria virtuale possiamo anche chiamarli, cioè pure le chiavette di memoria virtuale e il computer, in modo tale da evitare virus off-line in entrata, dove per off-line intendo dal di fuori della rete internet, non dal web e ho pulito la chiavetta.

Però qualcosa era rimasto nel computer, proprio per quel fatto che i virus prima di essere catlogati come tali, sono solo degli errori di programma contro i quali poco si sa, poco si fa, solo chi li sviluppa ne sa qualcosa di più.

In poco tempo l’antivirus che avevo gia intallato sul computer, ogni volta che lo aprivo segnava che non era in esercizio e continuava così senza mai potersi attivare, mentre non tardò nemmeno ad arrivare una nuova mail di Chis sulla posta elettronica, ma io l’avevo bloccato tempo addietro, come era potuto tornare? Magari da una sua nuova mail, però sempre nuovamente a me scriveva, era la prova che le sue mail arrivavano dopo una prima infezione dai suoi spy virus, senza rendersi conto con chi ha a che fare.

Così io Gennaro Gelmini per migliore controffensiva carico un secondo antivirus, gli faccio fare una scansione completa e qui Chris cade nella trappola, in quanto i suoi virus vogliono chiudere la schermata della scansione antivirus, che erò non si poteva chiudere completamente, che sempre una finestrella parziale piccola rimaneva aperta, così lla chiusura forzata dell’antivirus salta finalmente fuori la segnalazione per l’errore di sistema trovato e io segnalo, che tanto l’antivirus non avrebe potruto trovare un virus che non era già considerato virus appunto, però appunto il secondo antivirus, stavolta questo attivo, mi aveva consentito di tendergli la trappola.

Dovevo solo aspettare, dopo mezza giornata mi arrivarono i primi aggiornamenti, che continuarono per qualche giorno, dai browser (ne ho 3) agli antivirus (ne ho 2) felicemente installati sul mio computer e al contempo dissero in tv che 6 mesi prima erano stati scovati degli hackers che erano entrati nelle reti informatiche, ah, 6 mesi prima?

Ah si, 6 mesi? Mi sembrò volessero evitare di elargire il giusto compenso, mi sembrò volessero evitare di proferire di essere finiti con facilità nelle grinfie di chris e per qualche anno intero!

Altri hackers che ho combattuto fanno parte di quelli che su di un social network ho dovuto mettere nella lista delle persone bloccate, non tutte, 4 di loro, il primo non mandava virus direttamente lui, li faceva spedire da un gruppo del social al quale chiedeva di iscriversi, un altro mandava i cosiddetti file spazzatura, ovvero tanti file prima immessi e all’istante annullati, per causare il ritardo nelle connessioni in certi orari che a comando gli dicevano, evidentemente prezzolato per fare in modo che gli utenti, spinti in tal modo a disconnettersi dal web, avessero il tempo libero per vedere di fare qualcos’altro, finchè a furia di fare queste cose balorde, la rete fu aggiornata e il lavoro di questi hackers finì, mentre per i restanti altri 2 infettavano direttamente dalle loro bacheche, che si chiamano pure walls, ovvero muri e per questo il loro agire fu di breve durata.

Ricordo pure di quando un errore di programma faceva chiudere forzatamente il computer quando si cliccava su “invia segnalazione” alla finesta appunto dedicata, accadde dopo aver visitato un sito dedicato al trash food, il cibo spazzatura, per verificare i composti conservanti etichettati con una sigla sui prodotti alimentari, poco dopo per 24 ore il collegamento internet non andava più, bloccato, finché dopo 24 ore, alla riconnessione, quando compariva la possibilità di segnalare l’errore informatico, appunto il computer si spegneva, risolto pure quello, che alla fine se ne sono accorti in rete, dopo però che iniziai io con le dovute azioni e hanno fatto in modo che al tasto per l’invio della segnalazione non fosse in alcun modo possibile immetterci altre funzioni, ad esempio di chiusura.

Nella foto: “Detergere”, spruzzi d’acqua, riproducenti a occhio in chiave artistica, i codec e pixels informatici.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito