Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
24 marzo 2017 5 24 /03 /marzo /2017 23:34
Pianeta Nibiru: il mio contributo per il 2017 a Pavia
Pianeta Nibiru: il mio contributo per il 2017 a Pavia

Pavia, 9 marzo 2017, giovedì

 

Al Prefetto di Pavia

Erminia Rosa Cesari

 

 

Al Magnifico Rettore dell’Università di Pavia

Fabio Rugge

 

 

Al Presidente della Provincia di Pavia

Vittorio Poma

 

 

Al Sindaco del Comune di Pavia

Massimo Depaoli

 

 

Al Vescovo di Pavia

Monsignor Corrado Sanguineti

c/o Arcivescovado di Pavia

 

 

Al Sindaco [del Comune] di Cuveglio (VA)

Giorgio Piccolo

 

 

Al Sindaco [del Comune] di Duno (VA)

Francesco Paglia

 

 

Agli abitanti di Duno (VA)

e per free diffusion

 

Egregi Amministratori, la corrente comunicazione, felicemente tornato a Pavia, me medesimo Gennaro Gelmini la dedico alla divulgazione in maniera inesauribile, che si sono potute constatare 53mila scosse di terremoto colpenti l’Italia nel 2016, un anno geologicamente estremamente attivo, ben oltre un annuncio che ci tenga preparati al cambio climatico per tempo, che sono 18 anni che porto avanti le correnti comunicazioni e adesso che si è aggiunto un terremoto di 4.6° Richter in Svizzera il 6 marzo 2017, per spinta tettonica dall’Italia, è più che mai importante continuare a dover asserire che è per via del grande influsso gravitazionale del pianeta proveniente dalla denominata Nube di Oort della nostra galassia Via Lattea, il pianeta Nibiru, che ogni 3600 anni transita nel Sistema Solare, al perielio tra i pianeti Giove e Marte, che torna globalmente ad aumentare la sismicità sulla Terra assieme alle eruzioni vulcaniche, alluvioni, tornado, uragani e tempeste, maremoti e onde anomale tsunami, veloci sbalzi di temperatura e pressione atmosferica, grandinate, frane, siccità, interferenze elettromagnetiche, cadute meteoriche e al tempo attuale sincronicamente numerosissimi segni premonitori, indicandoci così che una trasformazione radicale avverrà a breve, senza più attese e ad indicare ciò, la luce del Sole che inonda la Luna, sempre più spesso la zona ricoperta dalla luce della cosiddetta falce di Luna, appare quella inferiore, anziché quella laterale, ciò accade mentre continua pure l’alba e il tramonto sulla Terra ad assumere una colorazione arancio inusuale.

Per giunta si è potuto constatare che la spinta dall’Artico per il freddo che è arrivato fino in Italia, che ha causato varie tempeste, fa parte del cosiddetto effetto frigo, che sembra faccia freddo naturalmente, però è il discioglimento dei ghiacci artici che mitiga il surriscaldamento globale, effetto frigo il cui opposto è però conseguito nella liquefazione dei ghiacci artici fino alla piattaforma artica finora mai toccata e al susseguirsi stretto delle alte e basse pressioni, al seguito della caduta della neve e subitamente e del suo repentino discioglimento, si è sviluppata un’enorme frana a ridosso del paese di Civitella del Tronto, in centro Italia, sgretolando la sua frazione Ponzano.

Gli eventi geologici e climatici stanno subendo un aumento pressoché costante in relazione all’influsso di Nibiru, le eclissi di Sole, di Luna e transiti meteorici li rimandano con più forza di qualche settimana, incalzando comunque l’istante in cui nella primavera del corrente anno 2017 avverranno una gran mole degli eventi sopra riportati.

Troppo spesso si agisce soltanto su pericolo imminente, occorrerebbe quindi attendere news ufficiali che non arrivano e proprio per lo stesso uguale motivo si evitano di darne, ovvero, sia a sapere che a divulgare si attende, pensando sempre che si possa evitare l’inevitabile, meglio quindi prepararsi, un’acuta dedicazione alla divulgazione ci fa assumere una preparazione alquanto ferrea e in linea così a saperci gestire durante il momento nel quale occorre appunto essere preparati, attendere la rivelazione in un tempo sproporzionato, implica che da una parte mancherà la necessaria preparazione che altrimenti si sarebbe potuta ottenere, dall’altra preclude la possibilità a sviluppare una soluzione da porre a compimento della preparazione conseguibile, comportando un mancato adeguamento a ciò che sta comunque per accadere, me medesimo Gennaro Gelmini, abitante in Viale Valganna 216 a Varese, avente per email principale gennaro.gelmini@email.it , sito web http://gennaro-gelmini.over-blog.it , account su social network e 4 canali video, sono orgoglioso nel sapere che hanno detto di me che sono sbalorditivo nelle azioni, ovvero ho superato ogni barriera per far ritrovare una realtà inaspettata, sbalorditivo nella costanza con la quale mi dirigo, mai velocemente, sempre costantemente, ad una realtà tanto attesa quanto bistrattata, eppure sempre considerata.

I segni premonitori li abbiamo avuti e in luce e in ombra che siano, sappiate, ciò che ai più è incredibile si è pure sommato, saprete del Sangue di San Gennaro che ha mancato la liquefazione il 16 dicembre 2016, che siccome il Rito della Liquefazione viene officiato 3 volte l’anno, è evidente che un evento è imminente, entro questi stessi primi 4 mesi del corrente anno 2017, sappiate in più che una studentessa ha suonato la canzone le cui note sono dipinte nel quadro flammingo “Le Delizie”, che rappresenta i peccati capitali, in 500 anni mai suonata prima d’ora, capace di aprire le porte dell’Inferno e il 13° teschio di cristallo ritrovato in Cina, la cui leggenda narra che, quando si fossero ritrovati tutti i 13 teschi, sarebbe stata la fine, ovviamente per un nuovo inizio.

E ritornando indietro nel tempo, nel Mare Mediterraneo l’Isola di Malta è da quasi 2000 anni Cristiana, in quanto l’Apostolo Paolo, nel viaggio di deportazione a Roma, proprio nello stazionamento sull’Isola di Malta venne morso da un serpente e per miracolo rimase vivo, da allora i maltesi si convertirono e attorno all’anno 1000 respinsero quegli attacchi che consentirono una stabilità alla penisola italiana e all’Europa, mentre adesso purtroppo abbiamo il Gran Maestro dell’Ordine di Malta Mattew Festing destituito dall’incarico e ciò accade solamente poiché, per respingere l’avanzare di malattie come l’aids in Africa, avevano consigliato l’uso dei contraccettivi.

La rosa dei segni premonitori è vastissima, andremmo avanti molto a raccontarli tutti, questi segni si sono verificati nello stesso tempo, è possibile? E così è accaduto, occorre quindi farci un certo ragionamento, degli eventi nevralgici stanno per accadere e mentre si continua a divulgare, il tempo stringe, un corrente anno 2017 senza eguali.

Una lunga sequela di pensieri ci arrovellano, la certezza di non essere mai stati soli, difatti considerando che la nascita delle lingue antiche avviene in Medio Oriente e che la lingua greca mantiene in sè quelle espressioni delle lingue arcaiche e che dal Greco discende il Cirillico delle lingue est europee e russa, esistendo una traduzione fonetica per ghe, non per g, in tal modo una g può essere tradotta z e scambiando la s con la u, già da tanti anni ho avuto modo di trovare un’analogia tra i nomi Zeus e Gesù, in pratica una prova che non siamo mai stati lasciati soli, soltanto un poco siamo rimasti soli, per imparare a camminare come si dice e al ritorno delle Creature extraterrestri, chiamatele pure coi nomi che la cultura ha insegnato, torneranno a popolare le terrestri valli, torneranno sul pianeta Terra dalle cavità abitate dei loro rispettivi pianeti e ne saremo felici e mai più soli, mai più una vita da estranei e concorrenti l’uno contro l’altro.

Oggigiorno si critica ciò che non si conosce col solo presupposto di averlo conosciuto troppo, Medjugorje è un esempio, che finché non si è toccati, tutto bene, adesso però che i veggenti hanno riferito al Clero di Roma della trasformazione che attraverserà il Mondo intero, le critiche non si sono fatte attendere, senza contare che a saper vivere la religione, occorre pure sapersi aspettare un provvedimento da parte delle Divinità tanto osannate a ravvedimento per un’Umanità screanzata, che ha distrutto se stessa tramite giochi squallidi della mondanità.

Ricordo, tornando indietro nel tempo, di quando nella primavera dell’anno 2001 Autorità ecclesiastiche dissero che l’inferno non poteva esistere, in quanto terribile da immaginare, poi l’inferno l’abbiamo vissuto ugualmente con l’11 settembre 2001, che per le vicissitudini del tragico fatto storico, a voler minimizzare la religione, si pagano le conseguenze, per colpa di chi, ritenendosi senza regole, si sente liberamente spinto a compiere ogni sorta di male.

Allego, per le consegne ai titolari Amministratori, la lettera al Presidente della Regione Liguria del 28 dicembre 2016, le 3 lettere ai Ministri di Governo e ulteriori distinte Autorità, consegnate a Roma il 26 settembre 2016, il 25 luglio 2016 e il 15 gennaio 2016, la lettera al Presidente della Provincia di Varese del 31 maggio 2016 e la lettera al Prefetto di Bologna del 22 marzo 2016; Distinti Saluti.

 

Pavia, 9 marzo 2017, giovedì

In Fede

Gennaro Gelmini

 

 

 

Gennaro Gelmini, Viale Valganna 216, 21100 Varese, telefono fisso 0332232143, mobile 3407077946

e-mail gennaro.gelmini@email.it - sito web http://gennaro-gelmini.over-blog.it 

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
23 marzo 2017 4 23 /03 /marzo /2017 10:49
Eruzione dell'Etna e indizi su Nibiru ed eclissi

Continuando la divulgazione, c’è stavolta da annoverare che proprio a 18-19 giorni dall’eclisse di Sole, il vulcano Etna in Sicilia, Italia, è tornato ad eruttare, c’è però da fare una precisazione, da tempo mi sono accorto che quando avvengono eclissi a catena, le une dopo le altre a distanza di meno di 18-19 giorni, ciò che succede dipende pure dall’ultima eclisse, abbiamo avuto prima un’eclisse di Luna l’11 febbraio 2017, successivamente l’eclisse di Sole domenica 26 febbraio 2017, ecco che a distanza di 18-19 giorni, giovedì 16 marzo 2017, il vulcano Etna ha iniziato una vera e propria eruzione vulcanica con tanto di lava che fuoriesce, dopo l’eruzione solo stromboliana, con fuoriuscita di sola cenere e lapilli, precedentemente iniziata.

Eruzioni e alluvioni, occorre infatti verificare ciò che si dice, che la siccità che da qualche anno sta colpendo la California negli Stati Uniti d’America sia davvero finita, assieme ad una tremenda alluvione in Sud America in Perù in questo stesso mese di marzo 2017, perché gli influssi della Luna inducono pure a pensare a ciò, difatti quando invece capita un’eclissi di Sole prima e poi di Luna, l’evento può essere anche una cospiqua alluvione.

Siamo arrivati quindi ad avere maggiori indizi sugli eventi post eclissi, che l’eclisse di Sole, trascorsi 18-19 giorni, gli eventi saranno prettamente sismici e vulcanico eruttivi, mentre per le eclissi di Luna abbiamo pure la possibilità di eventi alluvionali 18-19 giorni dopo.

A distanza quindi tr i 18 e i 19 giorni successivi alle eclissi, gli eventi sulla Terra subiscono un incremento, ciò succede mentre il continuo aumento degli eventi sul pianeta Terra è graduale, queste sono accelerazioni momentanee, per dare un significativo quadro alla portata degli eventi, capendo dapprima come potranno svilupparsi.

Ovviamente la scienza disdegna ogni addebito, opponendosi a qualsiasi tentativo di sviluppare un sistema di anticipazione degli eventi, che per queste mie ricerche alla fine ci si confà all’azione gravitazionale del pianeta Nibiru verso i pianeti ravvicinati al suo transito, compresi quindi la Terra e tutto il Sistema Sole, in interazione col Sole compresa.

Nella foto: la conclusione dell’inverno sulle alte vette ricorda il ghiaccio e il fuoco.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
18 marzo 2017 6 18 /03 /marzo /2017 17:14
Profumo di lavoro: Civiltà post-industriale e un nuovo inizio
Profumo di lavoro: Civiltà post-industriale e un nuovo inizio
Profumo di lavoro: Civiltà post-industriale e un nuovo inizio

Una Civiltà post-industriale la immagini per ciò che possa diventare un giorno, in futuro e la fabbrica che siamo andati a vedere ha un passato di tutto rispetto, prima come industria tessile con le sue stoffe dal 1800, successivamente come industria meccanica nelle cui officine si costruivano macchinari utilizzati nei reparti produttivi delle altre varie aziende che ne richiedevano i macchinari.

La immagino, senza disdegnare un po’ golosi pensieri, diventare una pasticceria industriale, a produrre quel “Dolce Varese” che nella ricetta è un semplice rinomato dolce al burro, di forma rettangolare, a coste curvilinee su 3 parti e zucchero a velo da spargere sopra, potendolo invece sfornare in 100 modi diversi, con per ripieno tutte le creme buone, marmellate, mele cotte e pere cotte, albicocche, pesche e prugne, ciliege senza nocciolo, canditi, frutta secca ed ulteriori specialità.

La fabbrica che siamo andati a vedere è la Siome di Malnate, città della provincia di Varese, confinante col capoluogo Varese ad ovest, con la provincia di Como ad est e con la Svizzera poco più a nord, incastonata in un paesaggio di alberi, querce, frassini, ippocastani, castani, rododendri e robinie, belli comunque, anche davanti qui.

Non c’è futuro senza passato e il passato sovente è da riscrivere, perché il nostro l’avremmo voluto scrivere noi stessi, profumo di lavoro, ristrutturazioni mancate, eppure siamo a sperimentare, sopra sono riuscito a postare il video dell’esplorazione completa, direttamente visibile pure al link:

https://www.youtube.com/watch?v=PXS-p8c_EyY 

Ulteriori video alla fabbrica sono in ordine cronologico:

“Verso la sperimentazione ex fabbrica meccanica”:

https://www.youtube.com/watch?v=ZIK_3K2Az3I 

“Solo qui dentro la fabbrica abbandonata 1 parte”:

https://www.youtube.com/watch?v=VYu1G7SiF8k 

“Dentro la ex fabbrica abbandonata 2 parte”:

https://www.youtube.com/watch?v=hcpVdfhsVro 

“Ex Siome fabbrica abbandonata la storia ultima parte”:

https://www.youtube.com/watch?v=2CLpfvxojgE 

“Uno sguardo dal monte tutte le sperimentazioni”:

https://www.youtube.com/watch?v=5LTJW-gvQug 

“Slide fabbrica abbandonata:

https://www.youtube.com/watch?v=bNYyY_e37eM 

Buona visione.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
14 marzo 2017 2 14 /03 /marzo /2017 19:26
Mela Poppina di Orino e una mia personale visione

Il nostro amore per la vita ci ha portato stavolta a conoscere quei begli alberelli vanto dell’agricoltura di una volta, oggi riproposti, quest’anno abbiamo saputo fin anche del Melo Poppino, in dialetto Pom Pepin de Urin, una varietà di melo che per evitarne l’estinzione varietale, da degli alberi localizzati nel comune di Orino, paese della provincia di Varese situato a nord del Monte Campo dei fiori, ad est di Cittiglio, poco a sud di Cuveglio, sempre qui in provincia, si è deciso di sviluppare da tali meli varie talee da vendere fino ad esaurimento, un’azione che ci fa piacere, che ridesta da quell’assopimento che purtroppo ha condotto lontano da una realtà ricercata.

Qualche settimana addietro ho visto che si può contattare il Comune di Orino per poter comprare un alberello, nato da talea di pianta madre, fino ad esaurimento scorte, per me che faccio una vita molto semplice, tra extraterrestri e servizi segreti da contattare, ehm... dove le trovo delle Mele Poppine da fotografare? Me le hanno regalate le Mele Poppine!

Che c’entra?

C’entra col nuovo Mondo, eravamo qui per questo, si mangeranno nuovi frutti in luoghi inconsueti, è un esempio del nuovo che verrà, mai più soli, un bell’articolo per chi ama la natura.

Repost 0
11 marzo 2017 6 11 /03 /marzo /2017 16:35
Oroscopo aprile 2017 mese particolare

Venere rientra in retrogradazione nel segno dei Pesci il 2 aprile 2017 e successivamente l’evento più atteso del mese porterà l’incontro tra retrogradazione e moto diretto, il 21 aprile 2017 infatti Mercurio in retrogradazione torna in Ariete, nell’attimo che Marte in moto diretto entra nei Gemelli, con uno scarto di appena qualche ora il 22 aprile 2017 tra gli eventi, proprio all’inizio di questa primavera 2017 tanto attesa.

E non c’è 2 senza 3, noto che pure il Sole dal 20 aprile 2017 cambia di segno ed entra nel Toro, che pone l’accento su questi giorni in cui la comprensione di qualcosa di nuovo è la miglior causa da portare avanti, che la logica insegna, a sapersi espimere, ogni cosa dev’essere compresa.

La Luna è piena in data 11 aprile 2017 nel segno della Bilancia, Luna nuova il 26 aprile 2017 nel segno dell’Ariete.

Buon mese aprile 2017, perché quando qualcosa si libera è sempre una buona cosa, lo capiranno meglio i nostri figli e nipoti, che noi vivevamo un tempo falso e corrotto e poi non più, sarà sempre festa, quindi non attaccatemi per quel Buon mese, ho riportato i vari transiti, se saprete vedere al futuro, questa sarà un’esperienza che apre a nuovi scenari, d’altronde anche la bella lava al fosso, lo diceva una canzone antica, oggi vale lo stesso per tutti noi, date la capacità ai sogni di guidare il cammino, è la retrogradazione di Giove, Venere e Mercurio che provoca degli effetti contrastanti nel pensiero e nelle azioni, che per riprenderci ciò che ci appartiene, certamente lo faremo sapere e certamente tutto ci apparirà nuovo, nuovamete.

E si, Giove anche ad aprile 2017 retrogrado nella Bilancia e unitamente alle 3 retrogradazioni di cui sopra, all’inizio della primavera 2017, ciò che succede tra Mercurio e Marte ha il suo peso.

C’è voluto qualche giorno in più a redarre quest’oroscopo del mese di aprile 2017, poiché ero in viaggio a fare divulgazione, che è sempre necessario affiancare ai metodi digitali, metodi ordinari di contatto, che nella realtà virtuale sembra che di proposte simili per ogni argomento ce ne siano tante, mentre nella vita reale ognuno di noi è unico, ho sempre mantenuto le promesse di non smettere mai, incontrarsi di persona è importante, perché più tempo occorrerà per incontrarci, meno tempo occorrerà per comprenderci e completarci, un viaggio che non finirà mai e anche oggi 11 marzo 2017 che sto qui a scrivere questo oroscopo per aprile 2017, il viaggio continua.

La foto è eloquente, da una stessa casa, finestre che guardano su più lati, per una diversa prospettiva.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
7 marzo 2017 2 07 /03 /marzo /2017 14:21
Alla Svizzera dall'Italia terremoti si estendono

News per l’espressione dell’attività che continua, ogni scoglio dev’essere superato, che mentre sto preparando nuovi documenti, ricominciamo dalla Svizzera, dove un terremoto di 4.6° Richter l’ha interessata, registrato dalle centraline del monitoraggio locali del Servizio Sismico Svizzero, con epicentro nella frazione Linthal del piccolo paese di 1000 abitanti di Glarona Sud, nel Cantone Glarona (i Cantoni in Svizzera equivalgono potremmo dire alle Regioni in Italia), alle ore 21:12 di appena ieri lunedì 6 marzo 2017.

Appare chiaro che le forze tettoniche che stanno colpendo l’Italia sono destinate a sopravanzare in Svizzera e non c’è bisogno di sentirci dire che siamo allarmisti, perché sappiamo il fatto nostro, ovvero è nostra natura essere per la vita, difatti per questo portiamo avanti svariati argomenti, però nemmeno lasciare nel dimenticatoio fatti concreti che stanno accadendo, perciò sempre ci muoviamo.

Stavo collegato ieri sera, quando la linea web è momentaneamente saltata, poi scopro era avvenuto un terremoto in Svizzera, che qui in Italia abito sul confine elvetico a Varese, così ecco dovutamente scrivere del terremoto, che al momento sembra non aver fatto ne vittime ne danni sostanziali, in una chiave di lettura nuova, che siccome siamo stati sempre per la vita, scrivere di annosi eventi è una necessità, per il resto pensare a noi è un dono della natura.

Le idee restano tal quali, mai sopite, ci si cimenta affinché trovino luce, ufficialmente nulla accade, finché tutto accade, che esattamente il 2 marzo 2017, stando a quanto riportato dal Near Earth Object Program dell’ente spaziale Nasa, la meteora, dicasi asteroide, denominata 2017 EA, ha sfiorato il pianeta Terra transitando 3 volte più ravvicinata della distanza dalla Luna e questa verità ce l’hanno fatta sapere solo il giorno dopo il transito.

Nei recenti trascorsi avevo già scritto di terremoti in aree inusuali, venendo criticato moltissimo, che la svizzera e la Gran Bretagna erano ufficialmente considerate asismiche, lo erano infatti, un tempo lo erano.

E’ un ulteriore segno premonitore di nuovi forti terremoti che colpiranno l’Italia questo terremoto in Svizzera, almeno per chi sa capire ancora i segni.

Nella foto: mappa free del 1900, riproducente nella parte in basso la zona della Svizzera interessata dal terremoto del 6 marzo 2017.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
4 marzo 2017 6 04 /03 /marzo /2017 11:11
Segni premonitori per un 2017 senza eguali

Anzitutto dobbiamo annoverare che hanno interessato l’Italia 53000 scosse di terremoto nell’anno trascorso 2016, un vero record purtroppo, inoltre si è potuta constatare la spinta dall’Artico per il freddo che è arrivato fino in Italia nelle scorse settimane, che ha causato tra gli altri eventi la tempesta chiamata Doris sulla Gran Bretagna, che è giunta fino alla Capitale Londra, è il cosiddetto effetto frigo, che sembra faccia freddo naturalmente, però è il discioglimento dei ghiacci artici che mitiga il surriscaldamento globale, l’effetto frigo il cui opposto è però conseguito nella liquefazione dei ghiacci artici fino alla piattaforma artica finora mai toccata.

Inoltre, il susseguirsi stretto nel corso del tempo, delle alte e basse pressioni, al seguito della caduta della neve e subitamente e del suo repentino discioglimento, si è sviluppata un’enorme frana a ridosso del paese di Civitella del Tronto, in centro Italia, sgretolando la sua frazione Ponzano.

I segni premonitori li abbiamo avuti e in luce e in ombra che siano, sappiate, ciò che è incredibile, si è sommato, già potrebbe essere sufficente a comprendere la falce della Luna che appare ormai sempre visibilmente storta, l’alba e il tramonto color arancio dalle tonalità inusuali, saprete inoltre del Sangue di San Gennaro che ha mancato la liquefazione, sappiate in più della studentessa che ha suonato le note della canzone le cui note sono dipinte nel quadro flammingo “Le Delizie”, che rappresenta i peccati capitai, in 500 anni mai suonata prima d’ora, capace di aprire le porte dell’Inferno e il 13° teschio di cristallo ritrovato in Cina, la cui leggenda narra che, quando si fossero ritrovati tutti i 13 teschi, sarebbe stata la fine, ovviamente per un nuovo inizio.

E ritornando indietro nel tempo, nel Mare Mediterraneo l’Isola di Malta è da quasi 2000 anni Cristiana, in quanto l’Apostolo Paolo, nel viaggio di deportazione a Roma, proprio nello stazionamento sull’Isola di Malta venne morso da un serpente e per miracolo rimase vivo, da allora i maltesi si convertirono e attorno all’anno 1000 respinsero quegli attacchi che consentirono una stabilità alla penisola italiana e all’Europa, mentre adesso purtroppo abbiamo il Gran Maestro dell’Ordine di Malta Mattew Festing destituito dall’incarico, che ha preso un altro esponente del Vaticano e ciò accade solamente poiché, per respingere l’avanzare di malattie come l’aids in Africa, avevano consigliato l’uso di contraccettivi.

La rosa dei segni premonitori è vastissima, andremmo avanti molto a raccontarli tutti, questi segni si sono verificati nello stesso tempo, è possibile? E così è accaduto, occorre quindi farci un certo ragionamento, degli eventi nevralgici stanno per accadere e mentre si continua a divulgare, il tempo stringe, che in questo 2017 senza eguali, siamo già al 4 marzo.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
28 febbraio 2017 2 28 /02 /febbraio /2017 15:19
Disclose to Genoa Rivelare a Genova
Disclose to Genoa Rivelare a Genova

Sono contento che le città le decida di volta in volta sulla base di ineluttabili realtà, per la voglia di arrivare fino alla verità, che se era facile arrivarci, ci avrebbe pensato qualcun altro, mentre siccome è impervio arrivarci, occorre portino avanti l’argomento cambiamenti climatici, Creature extraterrestri e pianeta Nibiru i semplici al pari di me, perché le cose cambiano e solamente basandosi su questo aspetto, si può constatare che qualcosa solitamnte sfugge e soltanto arrivando a ciò si può uscire dall’illusione che tutto rimanga tal quale senza cambiare, pure il Mondo cambia e siamo tornati a Genova per continuare verso la realtà dei fatti che verrà, un caro saluto, Salve da Gennaro Gelmini, nell’attesa godetevi il video, il futuro ci appartiene.

La più recente lettera di Genova al link:

http://gennaro-gelmini.over-blog.it/2017/01/pianeta-nibiru-genova-cambiamenti-climatici-per-il-2017.html 

 

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
23 febbraio 2017 4 23 /02 /febbraio /2017 15:08
Attività dei Servizi Extraterrestri

Sapete che ho sempre considerato le Creature extraterrestri al pari degli Angeli, che la provenienza è la medesima dal cielo.

Logicamente è naturale prassi di tutte le Creature nell’Universo non farsi mai gli affari propri, non dite che non sia così, perché non ho mai conosciuto un’Organizzazione che vivesse senza andare a farsi gli affari del vicino, le Creature extraterrestri non fanno eccezione e sbirciano.

Fino all’estate dell’anno trascorso 2016 le Creature extraterrestri facevano pure turismo qui sul pianeta Terra, però siccome ormai i Terrestri hanno dei database per il riconoscimento dei volti, ad una faccia non riconosciuta si allarmerebbero, la soluzione era pronta dall’inizio.

I meccanismi sono gli stessi, però ulteriormente sviluppati, basta scartoffie, c’è il computer, sistemi informatici aventi meccanismi di sicurezza sia meccanici che software possono essere superati dall’intervento degli Umanoidi, Creature extraterrestri dall’aspetto simile ai Terrestri, però talmente veloci da rimanere impossibile verificarne umanamente la presenza mentre sono in azione, rimanendo impossibile che si facciano male in conseguenza di un urto, poiché hanno un corpo potremmo dire gommoso, che respinge gli oggetti eventualmente scontrati.

Mi capitò di finire nella rete dei rimpatri quando nell’estate 2016, volendo le Creature extraterrestri momentaneamente sospendere i loro flussi stabili sul pianeta Terra per motivi di sicurezza, che torneranno in forza nel corrente anno 2017, per quel Mondo nuovo, assieme alla presenza certa del pianeta Nibiru, situato al perielio tra i pianeti Giove e Marte, hanno cercato e rispedito ai loro ripettivi pianeti, le Creature extraterrestri che rimanevano imperterrite sulla Terra a voler villeggiare, attratte dalla rarità del nostro pianeta, sul quale si vive allegramente all’esterno e non principalmente in cavità interne, che pure esistono sotto il pianeta Terra.

Una Creatura extraterrestre, che scrutava l’Aura che i corpi emettono, attratta dalla mia onda, era venuta da me a volermi rispedire indietro, dove?

Immediatamente mi lamentai contattando telepaticamente i Grandi Padri per l’errore del loro Devoto che agiva così grossolanamente, senza considerare che qualche Terrestre traditore possa avere la stessa onda delle Creature extraterrestri, dove per tradimento si intende un’espressione diversa per vivere la vita, che solitamente l’odio e la violenza fa la voce grossa e chi sa vedere l’amore fraterno è un traditore e su questo sono certamente un traditore.

Tra gli Umanoidi, una furbata per evitare di farsi scoprire per rientrare l’ha compiuta uno di loro che passeggiava assieme a un gatto terrestre, ciò vi suggerisce qualcosa?

Ad ogni controllo delle Creature extraterrestri teneva il gatto in braccio e grazie a questo semplice stratagemma confondeva l’Aura, sembrando in tal modo terrestre l’onda emanata, quando è saltato fuori il trucco nel mese terrestre di dicembre 2016 è stato uno scandalo tra le Creature extraterrestri, che a guardare tanto le grosse questioni, non ci si accorge dei piccoli stratagemmi.

Oltre a ciò, esistono situazioni più complesse che conosco bene, a parlarne occorre ci sia un’apertura mentale da parte dei Terrestri che la smettano di guardare sempre agli Extraterrestri come a degli invasori, che la loro prossima invasione qui sul pianeta Terra, programmata per questo stesso anno 2017, scrivendovelo già in questo 23 febbraio 2017, sarà un’occasione d’affetto e d’amicizia che solo chi sa amare sa dare.

Nella foto: “Luna sulla betulla”, per immaginare un po’.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 febbraio 2017 2 21 /02 /febbraio /2017 15:51
Ofelia è tornata

Gli spiriti guida ci regalano un aiuto, che nelle difficoltà ci serve, intendendo il superamento di situazioni pressanti che il Mondo pretende, per questo tempo basato su valori esteriori, che di spirituale non hanno nulla.

Certamente potremmo vivere a lungo, avessimo per unici pensieri una vita serena per la comunità e certo ci daremmo daffare, invece i pensieri che arrovellano ai più, sono ciò che l’esteriorità può dare, senza pensare che tanto è destinato tutto a finire in tasse, per documenti da compilare a richiesta, che ci faranno sentire da giovani a vecchi in 60 giorni, che è il tempo tra l’inizio della compilazione dei moduli e la loro consegna in scadenza.

Insieme le cose si fanno meglio e dopo degli anni passati a portare avanti la divulgazione che avete modo di vedere, era venuto il tempo per andare a trovare Ofelia.

Mi chiamò dicendomi “sono Ofelia, vieni a trovarmi”, facendomi vedere il luogo e io ci andai, trovando Ofelia Donnini, la sua tomba e statua al Cimitero Monumentale di Milano, una bambina finita per malattia ai primi del 1900, certezza di protezione per me Gennaro Gelmini, che sempre c’è bisogno di qualcuno fidato che ci aiuti, almeno che sia ultraterreno, che mi fido.

Ovviamente ad uno spirito guida in cambio dovremo donare qualcosa, solitamente si tratta di ciò che loro hanno lasciato incompiuto e vogliono si compia, all’inizio mai ci è reso noto ciò che vorranno, che c’è sempre, gratuitamente agiscono si, ma un regalino lo vogliono, per Ofelia sono stato fortunato, diverrà mia figlia, occorre solo mi sposi con la donna giusta, lo farò, ovviamente quando avrò un lavoro full time, non per i guadagni, che tanto il Mondo cambierà, quanto al mio legame con la società, ovvero quando saremo conosciuti per ciò che siamo e non per apparenze, quel momento sarà il nostro momento.

Nel frattempo ho trovato modo di rendere noto un mistero, continuerò fin quando avremo noto ciò che di importante tuttora manca da divulgare, la foto sopra fa vedere che notai percorrendo Via Cesare Battisti a Lozza, paese della provincia di Varese, è un tovagliolo di carta che ha preso forma di una bambina, avente un sassolino che ricorda ciò che dev’essere compiuto, Ofelia è tornata.

Repost 0
Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito