Segui questo blog
Administration Create my blog
28 luglio 2015 2 28 /07 /luglio /2015 14:32
Firenze e Pisa immancabili indizi di realtà

Anche questo articolo vuole debba ripescare foto e scritti in archivio, giusto che sia, rispolverare quel che è successo per dare lustro alla sincerità, parecchi confronti che apportano nuova consapevolezza, per evitare di fermarsi, per continuare senza sosta, finché una realtà sinceramente da me sempre creduta divenga appunto reale.

Firenze: in un solo giorno è andata bene, con l’andata e il ritorno giornaliero col treno, ne approfittai, qualche anno addietro, tornando lo stesso giorno c’erano sconti fino al 50% sulle tariffe ferroviarie, le mie mete i palazzi della Regione Toscana e il Comune di Firenze in particolare, dove riuscii a fare le mie consegne, era un lunedì, quindi al pomeriggio niente musei aperti, purtroppo solo successivamente organizzai con minuzia i miei viaggi, altrimenti mi sarei mosso un momento prima, che a dire il vero poco prima ancora i turisti entravano negli Uffizi, il famosissimo museo, oltreché il ritardo del treno nel ritorno, ma ogni cosa superai, ho fatto un giro sul Ponte Vecchio, tra i più famosi al Mondo, quindi al di là del fiume Arno, che l’ottenimento più importante l’avevo conseguito, quale ottenimento importante?

Pochissimo tempo dopo si erano approvati dei bacini per il contenimento delle acque dell’Arno, ovvero dei campi situati di poco sopra il fiume, che nel caso di piena, ricevono le acque trabordanti, che così facendo evitano di tracimare a Firenze e questa approvazione è avvenuta dopo decenni di progetti e nessun accordo, per Firenze un’ottima missione con un’ottima conclusione, poi Roma naturalmente prese il sopravvento nelle iniziative di divulgazione.

Contento di non dovervi per forza scrivere con termini tecnici, continuiamo in quanto intrapreso parlandovi di Pisa, città toscana nella quale ho deciso innumerevoli volte di recarmi affinché la mia fosse una divulgazione di attacco.

Esisteva un’associazione a Pisa che monitorava gli oggetti spaziali, il Sevizio Monitoraggio Oggetti Spaziali, lo SMOS per l’appunto, eccomi quindi da loro a saperne della scienza, cosa potesse pensare del pianeta Nibiru, accadde però che l’associazione, dapprima con sede in Via Santa Maria a Pisa, fu in successione inglobata nel contesto dell’aeroporto militare, venendo così escluso io civile dal contatto diretto con la stessa, per poi perdere ogni legame, avendo l’impressione che l’abbiano, almeno pubblicamente, inglobata in altre realtà di studio astronomico.

Fu così, che transitando da una città all’altra, hanno fatto in tempo a conoscermi senza mai dimenticarmi, e in ugual maniera a conoscerli io, Gennaro Gelmini, senza mai dimenticarli.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
26 luglio 2015 7 26 /07 /luglio /2015 15:35
Annunaki: il ritorno raffigurato in un cerchio nel grano

Una civiltà dedita alla trionfo della vita, il progresso dell’Umanità aiutato fin tanto che occorreva indirizzarci a saper vivere e svilupparci, per poi imparare a saperci gestire autonomamente, quindi il loro ritorno, per ribadire una fraternità universale indissolubile, vivremo assieme, insieme saremo felici.

Impassibili, quando ci accingiamo a colorare un foglio, coprire colore su colore su colore, arriviamo in conclusione fino al nero, seppure esistono dei dettami scientifici umanamente avvalorati che donano al nero nessun colore e all’abbagliante bianco tutti i colori.

Al precedente articolo ho ribadito questa diversità nell’uguaglianza, ognuno proviene dal proprio mondo e porta con se il bagaglio di usi e costumi, accomunandoci la gioia di vivere che insieme avremo!

Me la sentivo di scrivere del corvo, ricordato messere col Paradiso, gentilmente menzionato proprio da ieri 25 luglio 2015, trovando nel contesto di una giornata da vivere, proprio 2 piume timoniere di corvo e una bellissima pianticella di melo della varietà “Ruggine del Piemonte”, felice della mia ingenua fanciullezza pure a 40 anni, trovando al ritorno a casa amici connessi tramite web che mi hanno parlato di un nuovo cerchio nel grano in Inghilterra, raffigurante una navicella spaziale o per meglio dire, una Divinità alata con le ali disposte in orizzontale, come a significare una discesa verso la Terra, con, proiettata verso il basso, una forma geometrica piramidale, apparso nella stessa giornata di ieri, le Creature extraterrestri che ritornano sul pianeta Terra qindi, ripensando a quanto scritto nelle pagine di questo blog.

Articolo in conformità degli accordi di Benvenuto alle Creature extraterrestri, Welcome!

Nella foto la simbologia in forma stuccata.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
26 luglio 2015 7 26 /07 /luglio /2015 10:32
Racconto di un corvo chiamato Amore

C’era un corvo chiamato Amore, odiato da uccelli pavoneggianti, insultato, beffeggiato, finché gli fu domandato il motivo di quell’odio, al che il corvo rispose che era a causa dell’invidia, poiché possedeva la conoscenza della vita, vivendola con questa consapevolezza, mentre comunemente i suoi simili guardavano all’attimo del momento, perdendosi così il contesto vitale.

Da lì nacque, per favola volendo, la parola amore.

Remake dell’articolo precedente, nella foto il corvo con la freccia, unitelo assieme al corvo col cuore, trarrete un cuore trafitto d’Amore, al link http://gennaro-gelmini.over-blog.it/2015/07/corvo-amore.html con commenti esplicativi; troppa enfasi spinge al bello, altrimenti staremmo fermi, che a riempire un foglio bianco di colori sopra colori, si arriva fino al nero di un corvo.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
25 luglio 2015 6 25 /07 /luglio /2015 15:39
Corvo Amore

C’era un corvo chiamato Amore, odiato per il suo piumaggio nero da uccelli colorati e pavoneggianti, insultato, beffeggiato, finché gli fu domandato il motivo di quell’odio, al che il corvo rispose che era a causa dell’invidia, poiché lui essendo nero possedeva tutti i colori, mentre comunemente i suoi simili possedevano soltanto qualche colore.

Da lì nacque, per favola volendo, la parola amore.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
25 luglio 2015 6 25 /07 /luglio /2015 11:49
Quanto fa caldo in Italia e temporali

Funziona anche come domanda, quanto caldo fa in Italia?

Le prove le abbiamo, centinaia di migliaia di pesci si sono arenati inermi sulle coste del Mar Tirreno settentrionale, tra Toscana e Liguria, proprio dove le correnti di acqua calda, che solitamente si rimescolano nelle profondità marine a quelle fredde, permangono in superficie per la troppa calura del mare, devastando coi loro 35° Centigradi parte della vita marina, con queste morie tra i pesci e pure tra i coralli, fauna e flora acquatica in genere.

Per ciò che poi stiamo vedendo direttamente nei nostri campi agricoli, non ci sfugge l’idrocarenza dovuta alla totale mancanza di precipitazioni atmosferiche in questi giorni, assieme alla canicola della luce a picco sui campi, con purtroppo gravi danni a coltivazioni di frutta e verdura estive.

Ciò avviene mentre nel nord Europa e in Brasile a creare grave danno sono le alluvioni, un clima divenuto pessimo, con sbalzi improvvisi di temperatura, che tra l’altro fanno tornare in mente quanto si dica sulla formazione di tornado, cicloni, uragani, divenuti eventi possibili anche in Italia da quando la temperatura dell’acqua del mare ha raggiunto i 35° C.

Giorni addietro me medesimo Gennaro Gelmini mi trovavo nella capitale, Roma, la seconda volta nell’arco di un mese, a consegnare a mano i miei scritti in formato cartaceo, contento che tra le tante iniziative a favore del clima, in Vaticano Papa Francesco ha svolto un’importante incontro con 70 Sindaci di tutto il mondo per discutere dei cambiamenti climatici martedì 21 luglio 2015, confidando che qualcosa si ottenga a muovere le coscienze delle Autorità.

Intanto di ritorno nel nord d’Italia a Varese, ieri 24 luglio 2015temporali di breve durata hanno fatto la comparsa in città, rinfrescandola, un’estate enormemente calda questa del 2015, nella quale le morie di pesci e piante ci rendono il conto che questa non può essere annoverata come un’estate normale, piuttosto come un’estate da caldo torrido, nell’attesa di copiose precipitazioni atmosferiche.

Nella foto: un gabbiano che dà l’impressione stia sorridendo, al fresco di una fontana.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
21 luglio 2015 2 21 /07 /luglio /2015 14:58
Consegne a Roma un atteso ritorno

Roma, 17 luglio 2015, venerdì

 

 

Al Direttore Generale del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS), Roma

Giampiero Massolo

 

 

Al Presidente dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Roma

Stefano Gresta

 

 

Al Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, Roma

Fabrizio Curcio

 

 

A Sua Santità Papa Francesco Jorge Mario Bergoglio

c/o Città del Vaticano

 

 

Al Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Roma

Lamberto Maffei

 

 

All’Amministratore della National Aeronautics and Space Administration (NASA)

Charles Frank Bolden

c/o NASA Headquarters

Washington, DC, USA

 

 

Al conduttore della trasmissione televisiva Voyager di RAI TV

Roberto Giacobbo

c/o Redazione Voyager, Roma

 

 

Agli Abitanti delle Vie Conciliazione e Santo Spirito, Roma

e in free diffusion

 

 

Doveva andare così, questa mia rimpatriata, arrivare a Roma di tanto in tanto non poteva bastare, nel mio precedente ritorno nei giorni attorno al 22 giugno 2015 l’aver mancato di riuscire a fare ogni consegna, incontrare mezza Roma mi era infatti impossibile, mi ha permesso un ritorno adesso, che in questa fase occorre saper darsi da fare.

Un periodo di stagnazione in vari settori, nell’economia, nella società, volendo il più possibile dando il meno possibile, indebitandosi e indebitando, allontanati gli uni dagli altri, in un isolamento sociale dovuto all’omologazione, ugualmente avvicendati nel fato assieme ad eventi geofisici e meteorologici e in questo turbinio, il cambiamento è certo, così è successo che ho dapprima sognato la data 3 settembre 2015, che è un giovedì, ritrovando in successive ricerche sul web che è indicativa come reale data del 21 dicembre 2012, posticipata a causa di un divario tra calendari, oltreché seguendo le ricerche i cookie che si visualizzano, mi hanno successivamente fatto scoprire video che si occupano della data del 23 settembre 2015 per il cambiamento, da anticipare al 3 settembre 2015 a causa del sogno fedele, rinnovando la richiesta di un annuncio riguardante la sussistenza del transito di Nibiru nel Sistema Solare, ugualmente a quanto si produrrà in termini di spostamento del pianeta Terra dal suo asse e cadute meteoriche, azioni per le quali mi è difficile prevedere l’evolversi in termini temporali.

Per ciò che concerne la credibilità non me ne duolo, che a fatti osservabili come avverrà non si potrà replicare, la mia credibilità è parzialmente descritta ai link del mio blog http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-attacco-alla-libia-19-aprile-2011-68623534.html , scritto il 4 marzo 2011, con una data avuta in sogno, che però al risveglio non riportai su di un foglio, finendo per dimenticarla parzialmente, la data di pubblicazione fa capire quanto di più potessi sapere, poi il bombardamento è avvenuto il 19 marzo 2011; link rilevante è pure quello del 22 febbraio 2011, http://gennaro-gelmini.over-blog.it/article-cuasso-al-monte-casa-infestata-67854866.html , nel quale si fa cenno alla mia protezione, che l’Umanità avrà qualcosa di più importante a cui pensare, un articolo pubblicato accorciato di 2 righe, ciò che manca è la congiunzione tra fatti localmente accaduti ed eventi globali, intanto la storia racconta del terremoto avvenuto in Giappone in data 11 marzo 2011; l’ultimo tra gli esempi riguarda quando potevo muovermi anzitempo, adesso l’ho fatto, almeno adesso queste esperienze servono, rimanendo con la consuetudine di sempre rispettosa delle Leggi, volendo ugualmente esigerle per i miei diritti vitali, ringraziando per il lavoro part time che mi hanno trovato fin quando durerà, mantenendomi incomprabile, funzionando alla perfezione per evitare interessi di parte, una risorsa illimitata.

In un periodo di stagnazione in vari settori, sociali, economici, con eventi geologici e meteorologici, in un turbinio così di eventi, il cambiamento è certo.

Per quel che concerne il pianeta Nibiru, ugualmente conosciuto pure coi nomi di Sedna, Eris, Xena, Marduk, Hercolubus e siglato 2003 UB 313, tentare di colpirlo o deviarne la traiettoria, relativamente al pianeta e/o alle meteore della sua coda, detta “del Drago”, è un’operazione che fa solo perdere tempo utile alla preparazione, in quanto le rocce delle quali è composto Nibiru e la sua coda sono inscalfibili, in quanto lampante è l’esempio delle astronavi costruite con questo materiale introvabile sul pianeta Terra, capaci di contrastare il caldo raffreddandosi e il freddo riscaldandosi in modo naturale, impossibile per la scienza odierna, realistico per chi ha il coraggio di discernere le parti misteriche di questa lettera, rassicurato dal fatto che non siamo soli, vivendo nell’epoca di trasformazione che ce le farà incontrare, una promessa senza data, il 3 settembre 2015 sia la data della forza che ci conduca al nuovo, la data per comprendere la trasformazione in atto, gli eventi macrosismici e macrocosmici che da parecchio ci riguardano da vicino sono balzati in avanti, si sveli l’arcano, questo Mondo è pronto, chi ha qualcosa da proferire ha possibilità di farlo, il dovere di farlo.

Positivo è il rilievo dei cookie per la tracciabilità del web, poiché trovando risultati nelle ricerche che si confanno a quanto si sta ordinariamente guardando, leggendo, Successivamente alla pubblicazione della precedente lettera del 22 giugno 2015 ho trovato molteplici video nei quali si mostra la data del 23 settembre 2015 calcolata per il cambiamento, un’evidenza di quanto Dio, volendo bene al suo popolo, gli rivela, affinché sia pienamente cosciente e preparato agli eventi, già coscienti al 3 settembre 2015.

E’ completamente sbagliato asserire che io cerco visibilità per il mio blog, io ho avuto solamente scocciature senza guadagno, sempre salvato dai miei protettori, piuttosto la pubblicità sul mio blog la trovate per mantenerlo gratuito, permettendomi di risparmiare oltre 120 Euro l’anno, esempio lampante è il portale Maxiblog, senza pubblicità, dove pubblicavo in copia i miei articoli e bene per me, erano soltanto copie mie, perché il portale suddetto è fallito, senza comunicarcelo prima e senza lasciare traccia.

I miei contatti in rete permangono sui social network, al blog http://gennaro-gelmini.over-blog.it , che dal 3 maggio 2009 ad oggi ha quasi raggiunto le 500.000 visualizzazioni con 1 milione di pagine viste e nei 4 canali video su YouTube, Dailymotion, Vimeo e Video Bigmir.

Allego per ognuno dei titolari della corrente, lettera di Roma del 22 giugno 2015, consegnata ai Ministri, Presidente del Consiglio e pregevoli Autorità e cittadini, in cui troverete nozioni pure su Nibiru e sul 3 settembre 2015, per ciò che avviene e per quanto riguarda le Creature extraterrestri, ugualmente pure pubblicata al link web http://gennaro-gelmini.over-blog.it/2015/06/roma-nuovo-inizio-nibiru-2015.html .

 

Roma, 17 luglio 2015, venerdì

 

IN FEDE

GENNARO GELMINI

 

 

 

Gelmini Gennaro, Viale Valganna 216, 21100 Varese, telefono fisso 0332232143, mobile 3407077946

e-mail: gennaro.gelmini@email.it – sito web http://gennaro-gelmini.over-blog.it

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
15 luglio 2015 3 15 /07 /luglio /2015 15:51
Momento della conoscenza premiere

Con video. Tra Villa Borghese, Tivoli e l’Università la Sapienza, mi muovo a sperimentare, portare avanti, il titolo originale  del video “Tempo del sapere” ha forma alquanto dialettale, poiché in effetti con un titolo più consono del tipo “Tempo della conoscenza”, ci sarebbe sembrato troppo ovvio, d’altronde quella conoscenza ci richiama all’Eden dove Adamo ed Eva fallirono, noi non possiamo fallire.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
14 luglio 2015 2 14 /07 /luglio /2015 23:08
Ravanelli dell'orto

Oggi consueta giornata di documenti da preparare, nell’attesa sono maturati i ravanelli nel nostro orto, come vediamo nella foto in alto a quest’articolo, enormemente più grandi di quello normale a sinistra.

Sarà per l’aria buona, sarà per il lago, sarà per l’accortezza gestionale, si sta bene.

A scrivere e a leggere, a consegnare e pubblicare, girovagando, altrimenti all’orto, con in aggiunta un bel panino coi pomodori da mangiare, gli spaghetti la sera.

 

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
13 luglio 2015 1 13 /07 /luglio /2015 00:05
Stasera a Voyager mistero Provenza

Meno male che c’è Voyager, questo potrebbe essere il nuovo motto, siccome tra la Francia stavolta, Roma nella scorsa puntata, si è tornato a parlare di mistero in televisione è ciò è molto importante anche per noi internauti, per non lasciar perdere i nostri appuntamenti col nuovo che verrà.

Ci dobbiamo essere tutti, saper lottare, perché? Affinché il mistero trovi una spiegazione, parlandone la si trova, mancando nel parlarne non la si può trovare fino alla rivelazione, e bando a non poter parlare di televisione su internet e di internet in televisione, fate ugualmente a me medesimo Gennaro Gelmini, che in questo servizio gratuito, non ho muri divisori.

Stasera alle 21:15 su RAI 2 la bella Francia, immancabile di misteri, giacché munita di quello spirito universale che ci prende e ci porta al di là delle Alpi.

A presto cari amici, con la mia consueta collezione di articoli da sfornare.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento
12 luglio 2015 7 12 /07 /luglio /2015 01:08
Tornado e alluvioni estive in Italia

 

Un tornado sull’Italia, come fino a qualche anno addietro non se ne vedevano, stavolta il più colpito il Veneto, in precedenza un nubifragio si era abbattuto sul medio versante tirrenico, ma procediamo per ordine.

Sul Veneto, in provincia di Venezia, ha fatto la comparsa un tornado che si è letteralmente divorato delle case intere, salvi gli occupanti, fuggiti approfittando della velocità ridotta di spostamento del terribile evento meteorologico, mentre nel suo cosiddetto occhio la velocità era di centinaia di Km/h.

Si sa, quando l’acqua di mare supera i 35°C  possono avvenire questi eventi, col caldo estremo di questi giorni ha fatto la comparsa il tornado avvenuto giovedì scorso 9 luglio 2015.

In viaggio per recarmi a Roma, ho visto molte nuvole scaricarsi sulla città, ai giardini di Villa Borghese ho scattato questa foto il 20 giugno 2015, sacchi messi a contenimento del flusso d’acqua.

Cambiamenti climatici estremi, lo scioglimento dei ghiacci artici ha provocato un momentaneo abbassamento delle temperature sull’Oceano Pacifico, mentre in altri luoghi dell’emisfero settentrionale il caldo è talmente torrido che, come in Italia, temperature del genere sono uguali solamente a quelle registrate nel 2002.

Ricordo che ai tempi dell’uragano Katrina raccontavano che Tornado, Uragani e tifoni era impossibile che si verificassero in Italia, piuttosto era possibile qualche tromba d’aria o marina, poi già da alcuni anno hanno dovuto cambiare idea, simili eventi possono accadere anche in Italia, siccome abbiamo già vissuto tali esperienze e in 16 anni di divulgazione sui cambiamenti climatici, la mia posizione la conoscete.

Condividi post

Published by Gennaro Gelmini
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Gennaro Gelmini
  • Blog  di Gennaro Gelmini
  • : Nibiru, cambiamenti climatici, UFO, esperienze dirette, oroscopo, Fede, informatica: un sito particolarmente originale! Per poesie e ricette http://anna-rinaldi.over-blog.it
  • Contatti

Testo libero

Cerca Nel Sito